Il Redirect 301 dei poveri

Il Redirect 301 (noto anche come reindirizzamento permanente), è un sistema per indicare a spider e browser che una determinata pagina web è stata “Moved Permanently” ad un nuovo indirizzo.
Si può implementare in ASP/.NET, PHP o (scelta che va per la maggiore) nel file .htaccess: su Wikipedia, alla voce URL redirection, trovate un ampia spiegazione con relativi esempi.
Chi però non ha dimestichezza con htaccess e linguaggi server side, o semplicemente ha le sue pagine HTML su di un sito completamente statico, può utilizzare un semplice redirect in HTML, conosciuto col nome scherzoso di Redirect 301 dei poveri 🙂
Questa la sintassi del meta tag da inserire nell’header della pagina HTML:

Esempio di META Refresh

Il numero dopo CONTENT=” indica quanti secondi dovranno passare prima di caricare l’URL specificata successivamente: se il parametro è impostato a zero (come nell’esempio), l’indirizzo verrà caricato immediatamente, senza attese, creando di fatto un redirect trasparente.

Nell’ambiente SEO, vaga però da tempo un atroce dubbio…

Il redirect dei poveri (ovvero via META HTTP-EQUIV REFRESH) viene trattato dai motori di ricerca come un redirect 301 (lato server)?

Si, già più di un annetto fa LowLevel confermava la cosa, anche se in qualcuno il tarlo è rimasto.
Ma grazie ad un recente articolo (vedere la fonte in calce) posso aiutarvi a fugare ogni residuo dubbio 🙂
Pare infatti che Adam Lasnik in persona, il noto Search Evangelist di Google, sia intervenuto sull’argomento con un frase del tipo:

“La cosa migliore è utilizzare il redirect 301 quando possibile. Diversamente, è possibile usare il metarefresh impostato a 0 come se fosse un 301.”

E anche nella Yahoo! Search Help c’è una paginetta (intitolata How does the Yahoo! Web Crawler handle redirects?) dove si specifica che il Web Crawler di Yahoo! è in grado di riconoscere il redirect via meta refresh, che viene trattato come 301 (nel caso venga indicato un delay piccolissimo o pari a zero) o 302 (se il numerino inserito è più alto).

Che contenuti devo inserire nella pagina HTML (oltre al META HTTP-EQUIV REFRESH)? posso avere un esempio?

Certamente!
Ecco un esempio di codice, semplice e funzionale:

Esempio di Redirect via HTML META Refresh

Conclusioni

Utilizzate il redirect dei poveri (via HTML) solo se proprio non potete farne a meno.
In tutti gli altri casi, usate sempre e comunque il redirect 301 (per un’ottimo elenco di esempi, c’è una bella paginetta sulla WikiGT).

Fonte: Google and Yahoo accept undelayed meta refreshs as 301 redirects

UPDATE: il 6 Febbraio 2015, John Mueller è intervenuto sul Webmaster Central Help Forum dicendo:

Scoraggio fortemente l’utilizzo di un meta-refresh-type redirect per lo spostamento di un sito. Se possibile, utilizza un reindirizzamento 301.

Ma ha anche aggiunto:

Se questo [inteso il redirect con meta refresh] è l’unica cosa che puoi fare, allora è meglio di niente.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

27 Comments

  • Ma è necessario eliminare i META Keywords e Description e modificare anche il TITLE della pagina inserendovi all’interno il nuovo indirizzo come mostrato dallo snippet ???

  • Si, personalmente non inserirei contenuti molto diversi da quelli dell’esempio, che potrebbero far pensare al motore di ricerca che stai creando una sorta di doorway page (mentre tu, in buona fede, stai solo cercando di fare un redirect).

  • Grazie mille sia per l’esempio che hai pubblicato sia per il tempo che hai dedicato alla risposta !!!
    Roby.

  • Ciao, ti scrivo per dirti che ho implementato la redirect dei poveri ma ha fatto più danni che altro 🙁
    Adesso nelle serp ho gli indirizzi vecchi con i title e le description delle nuove pagine insomma un bel pasticcio (senza contare che il tutto è in pieno disaccordo con quanto scritto nella sitemap) !!!
    Ho eliminato definitivamente le pagine vecchie (anche se questo causerà un bel “404”) ed ho lasciato solo quelle nuove (specificate nella sitemap).
    Vedremo cosa succede.
    RobyUA

  • Mi sa che non ho ben capito: hai le pagine duplicate (vecchie e nuove) in SERP? hai fatto il redirect di ogni singola pagina verso quella nuova (tramite il “redirect dei poveri”)?

  • No no non ho pagine duplicate, ti spiego brevemente: dovevo trovare un metodo per fare redirect da pagine .html (che costituivano il vecchio sito) alle rispettive nuove pagine .aspx (che formano il nuovo sito). Implementando la redirect dei poveri nelle SERP mi sono ritrovato gli url di collegamento che puntano agli indirizzi vecchi ma i TITLE e DESCRIPTION che GOOGLE mostra per ogni risultato appartengono alle pagine nuove. In altre parole GOOGLE ha capito che io ho solo cambiato i contenuti delle vecchie pagine non che in queste ultime è stata fatta una redirect alle nuove 🙁 Ecco perchè adesso ho completamente cancellato le vecchie pagine (che contengono le redirect) ed ho lasciato solo quelle nuove (presenti anche nella sitemap). Spero di essere stato un po più chiaro nella spiegazione.

  • Ecco i primi risultati: dopo aver eliminato completamente tutte le pagine vecchie (che contenevano la redirect dei poveri) GOOGLE sta cominciando a capirci qualcosa e mi ha indicizzato le prime 4 pagine nuove finalmente . . . . . L’implementazione della redirect è stata fatta correttamente ma sua maestà Big G non è piaciuta affatto . . . . !
    Grazie comunque dei tuoi consigli e del tempo che mi hai dedicato. Se non ti impiastriccio il Blog continuerò a postare gli sviluppi !!!
    RobyUA

  • Probabilmente lo sai già… cercando redirect 301 dei poveri mi è balzato all’occhio il terzo risultato: nessun riferimento all’autore, nessun link all’articolo originale, ti rubano la banda delle immagini… e si sono posizionati fin troppo bene! 😉

    Comunque bell’articolo, proverò ad implementarlo in un blog di blogspot per fare il redirect di un post 😉

  • Scusa per il doppio post. 😳
    Sono riuscito ad implementare il redirect via http refresh sul template di blogger (la pagina è questa: http://notoriousxltest.blogspot.com/2008/01/post-di-prova.html ).

    Il redirect però non sembra immediato, nel senso che la pagina su blogspot.com viene comunque caricata; va bene lo stesso? 😕 Il codice XHTML che blogger genera è questo:
    <meta content='0; URL=http://p2p.technoburger.net/nodes-dat-emule' http-equiv='refresh'/>

  • Se hai impostato il meta content a 0, dovrebbe andare: il “ritardo” che noti nel redirect è da imputare con tutta probabilità a Blogger/Blogspot, ma se il codice è implementato correttamente non dovresti correre rischi 🙂

  • @Tagliaerbe: ok, faccio la prova allora. 🙂 Ho già da tempo modificato la pagina originale, togliendogli ogni contenuto e linkando il nuovo documento; nonostante questo, l’originale risulta ancora in II posizione, mentre il nuovo documento fa fatica ad arrivare in prima pagina (è una ricerca internazionale, con “hl=en”).

    Ovviamente, trattandosi di un post di Blogger, non posso ridurla al minimo come hai suggerito tu. 😉
    Sembra che Firefox aspetti di caricare ogni elemento della pagina (immagini, foglio di stile, …) prima di fare il redirect; possibile?

  • Si, probabilmente il fatto che si tratti di post inseriti sotto Blogger impedisce un redirect veloce (almeno visivamente…); facci comunque sapere come va 🙂

  • Proverò a circondare sidebar, foglio di stile ed elementi grafici con delle espressioni condizionali (le stesse che ho usato per inserire il redirect nell’head del post desiderato), in modo da nasconderli in presenza del redirect; per il visitatore proveniente dai motori non dovrebbe essere piacevole un redirect “visibile”… 😉

    Per quanto riguarda il buono o il cattivo esito del test… dovrebbe arrivarti un trackback. 😉 Purtroppo potrò parlare solo da un punto di vista “implementativo”, in quanto penso che Google impiegherà parecchio tempo a modificare la serp 😉

  • Mi scuso per il post consecutivo, ma… 😉

    facci comunque sapere come va

    L’esito è stato positivo, 😀 sia da un punto di vista implementativo (la pagina era http://howtolog.blogspot.com/2008/01/nodesdat-for-amuleemules-kad.html ) che del posizionamento: la pagina è andata in II posizione, cioè quella occupata dalla vecchia pagina di blogger, sostituendola perfettamente. Ecco il comando site effettuato sulla vecchia pagina.

    Nell’effettuare il redirect, non ho cambiato i vecchi backlink a quella pagina, per cui il test non dovrebbe essere stato influenzato da altri fattori. 🙂

    Al momento il test l’ho effettuato a livello di pagina singola (ne dovrei parlare comunque a breve), e non di un intero blog. Per quest’ultimo caso, infatti, le cose potrebbero essere più difficili, a causa del limitato linguaggio di programmazione dei template di blogger. Per adesso sono riuscito a pensare solo a questa soluzione:

    1) il meta refresh punta ad una pagina del genere:
    http://nuovo-blog.com/http://notoriousxltest.blogspot.com/2008/01/post-di-prova.html

    2) sul nuovo blog viene implementato un redirect 301 in modo da redirezionare quella pagina (che darebbe, ovviamente, errore 401) su quella corretta, manipolando la stringa dell’url:
    http://nuovo-blog.com/2008/01/post-di-prova

    Chissà però come Google digerirà questo “doppio” redirect, tra l’altro non omogeneo (meta refresh + 301) 😕

  • Ciao,

    oggi google vede ancora il “redirect dei poveri” come un 301 ?

  • Salve, voglio cambiare dominio al mio blog ( attualmente su blogger), per impostare un redirect posso semplicemente copiare il “redirect dei poveri” nella pagina HTML del blog??

  • La prego, può aiutarmi? Mi è stato chiuso un blog su blogger, vorrei reindirizzarlo su un mio indirtizzo già esistente sullo stesso blogger, o wordpress o altervista? Può spiegarmi in maniera adatta ad un neofita se e come posso farlo? Le sarei infinitamente grato. A presto.

  • @robin: è spiegato tutto nel link che ho dato in risposta a Giovanni, ma ripeto: non so se dopo quasi 6 anni quella procedura di redirect e annessa migrazione funziona ancora…

  • Innanzi tutto la ringrazio infinitamente per la pronta e cortese risposta, ma temo di aver capito che il mio problema è diverso e più grave: da quello che ho capito, date le mie scarsissime conoscenze in merito, il redirect dovrei metterlo nell’HTML del blog chiamiamolo “vecchio”, ma questo non mi è più permesso perchè Blogger lo ha chiuso, c’è un altro metodo???La supplico, sia così gentile da aiutarmi ancora, è un momento tristissimo per me, gli avevo dedicato interi mesi trascurando i miei affetti più cari! La prego, mi aiuti, se ci riuscirà, per quanto può importarle, metterò il suo link sul mio nuovo sito che già esiste, ma senza i miei affezionati lettori!

  • @robin: purtroppo, se non c’è modo di accedere al pannello del vecchio blog, l’operazione non è possibile…

  • Grazie infinite, quindi mi consiglia di rinunciare ad impazzire cercando un modo,ma piuttostocominciare tutto di nuovo, e se posso approfittare della sua gentilezza, se volessi acquistare il nome del mio vecchio blog con quale estensione mi consiglia di farlo (p.es. .org; .com ecc) e da dove? non posso più recuperare i miei lettori, non c’è modo? grazie ancora per la sua gentilezza.

  • @robin: se è possibile, farei un tentativo per farmi riattivare il blog (sempre che non sia stato chiuso per palese violazione al regolamento di chi offriva il servizio).
    A livello di nome a dominio, personalmente sono per il .com o il .it, non per altre estensioni; la scelta dell’hoster dipende da molti parametri (uno fra i più importanti, il rapporto prezzo/prestazioni) e non mi sento di consigliare una azienda piuttosto che un’altra.
    Recuperare i lettori sarebbe possibile se, oltre al blog, ci fosse stata una forte presenza sui social in grado di “raccoglierli”, per esempio affiancando al blog una pagina su Facebook e un account su Twitter: ma non so se hai agito in tal senso.

  • Mi scusi, solo per ringraziarla per la sua infinita gentilezza e disponibiltà:

  • Salve, anche se passati molti anni, spero di ricevere una risposta.

    Gestisco un sito web completamente statico (pagine xhtml) che gira su server Windows.
    Questo sito realizzato alcuni anni fa, presenta delle url un pò troppo piene di keyword e quindi, per evitare penalizzazioni pensavo di fare una redirect 301 da: vecchia-url.html a nuova-url.htm sempre all’interno dello stesso sito.

    Come sappiamo il redirect 301 con file .htaccess è possibile solo da server Linux e non da Windows. Tra l’altro io non ho accesso a IIS per modificare il tutto lato server.

    La soluzione unica sarebbe un meta refresh a zero. Il cosidetto redirect dei poveri.

    Potrebbe essere una soluzione valida e ancora attuale?

    Infine, nel linking interno del sito (nei menù etc..) devo lasciare la vecchie url o inserire le nuove?

    Lo chiedo perchè lasciando le vecchie, ora il cambio pagine con il redirect non mi sembra proprio lento, anzi ci mette qualche secondo pur essendo impostato a zero..

    Grazie la gentile risposta. Giuseppe

  • salve,
    se nel sito vecchio che devo reindirizzare ho due pagine che nel sito nuovo diventano un’unica pagina, posso fare il redirect 301 di entrambe le vecchie sulla nuova?
    Come mi devo comportare in questi casi?
    Se scrivo nel file .htacces le seguenti righe

    redirect 301 /pag1.html http://www.sito.com/pagnew.html
    redirect 301 /pag2.html http://www.sito.com/pagnew.html

    vengono passati entrambi i pagerank ad un’unica pagina o no?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy