Il marketing del Cacao Meravigliao

Anno: 1987/88. Trasmissione televisiva: Indietro tutta!. Sponsor della trasmissione: Cacao Meravigliao.

Nell’era delle televendite sembrerebbe tutto normale, parecchi programmi TV sono sponsorizzati. Ma in quel caso lo sponsor era inventato, non esisteva. E comunque ne uscì un interessantissimo caso di studio.

Di Indietro tutta! furono prodotte 65 puntate di un ora, a cavallo fra dicembre 1987 e marzo 1988. Nonostante la programmazione in seconda serata (allora non così “di moda” come oggi) e le poche puntate, la trasmissione divenne un cult. E qui la pubblicità produsse il suo primo effetto dirompente: anche un prodotto inesistente può “vendere”.

Il Cacao Meravigliao era un prodotto di fantasia, pubblicizzato in una trasmissione comico-satirica, eppure la gente lo voleva. Andava a cercarlo al supermercato, e quando non lo trovava (ecco qui il secondo effetto dell’accoppiata TV+televendita) poteva succedere che acquistava il cacao di un’altra marca: una attenzione estremamente alta su un prodotto (o un servizio) può dare beneficio all’intero settore.

Terzo effetto, col Cacao Meravigliao ci fu pure chi cercò di guadagnarci. Un imprenditore (tale Shlomo Blanga) registrò il brand la mattina dopo la prima trasmissione, ma non riuscì nell’intento di arricchirsi. Morale: occhio a giocare con i marchi (di altri): l’esperienza Yahoo.it insegna.

Chissà come sarebbero andate le cose al Cacao Meravigliao, nell’era del web 2.0…

P.S.: ora posizionati intorno al minuto 1:40 del video qui sotto, e (se hai almeno un 35-40 anni) vedrai riaffiorare i ricordi. 🙂


Condividi questo articolo:
Default image
Max Valle
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.