“Hustle” è la chiave del successo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Secondo il vecchio vocabolario, il significato di hustle è “attività incessante, trambusto”.

Secondo Daniel Scocco, hustlevuol dire “procedere o lavorare rapidamente o energicamente; essere aggressivo, specialmente negli affari”.

Ma per comprendere a fondo il pieno significato di questo termine dobbiamo fare riferimeno a Gary Vaynerchuk, che ha fatto dell’hustling una ragione di vita.

“Ho detto enne volte che se vivi la tua passione e utilizzi al massimo tutti gli strumenti che i social ti offrono, le opportunità di monetizzare si presenteranno da sole. Ho anche detto che, se vuoi sfondare, devi produrre i migliori contenuti possibili nella tua nicchia. Puoi fare un sacco di soldi anche se sei (ad esempio) il quarto o il nono della tua categoria, ma se vuoi realmente dominare i concorrenti e fare un sacco di soldi devi essere il migliore. Fallo, e nessuno sarà più in grado di toccarti.

Con una sola eccezione. Qualcuno con meno passione, meno talento e contenuti peggiori potrà superarti alla grande se lavora più a lungo e più duramente di te. Questo è l’hustle. Senza hustle, puoi solo raccattare le tue cose e tornartene a casa.

Io scommetto che molte persone che hanno acquistato questo libro [Crush It] si considerano dei gran lavoratori. Molti hanno la nausa degli orari lavorativi, dei programmi inflessibili, dei boss esigenti che si trovano spesso nel mondo aziendale e pensano che essere imprenditori significhi qualcosa di meno gravoso. Mi spiace deluderti, ma se stai cercando qualcosa di più tranquillo stai sbagliando alla grande. Potrebbe esserci un po’ più di flessibilità nella tua giornata, per essere libero di dedicarti a tempo pieno a costruire il tuo personal brand, ma per il resto ti toccherà stare davanti al computer finchè gli occhi ti sanguineranno. Potresti pensare che il tuo vecchio boss era il male, ma se vuoi che il tuo business decolli il tuo nuovo boss è meglio che sia peggiore di un aguzzino.

Troppe persone non vogliono ingoiare la pillola del lavoro quotidiano. Se fai soldi attraverso i social media, non li ottieni lavorando per 3 ore e passando il resto della serata a giocare col Nintendo. Nessuno fa un milione di dollari col minimo sforzo, a meno di non vincere alla lotteria.

La cosa bella dell’hustle, però, è che si tratta di una cosa che accomuna tutti. 15 anni fa potresti aver avuto una idea solida sul tuo DNA e sulla tua passione, ma c’era una possibilità su un miliardo di convertirla in business – le piattaforme e i canali erano troppo stretti e troppo sorvegliati. Oggi siamo in grado di trarre vantaggio dalla enorme esplosione che hanno avuto le piattaforme digitali gratuite su Internet, e non è più questione di conoscenze, denaro o formazione scolastica, perchè tutti posso farcela.

L’elemento che fa la differenza è la tua passione e l’hustle che ci metti. Non bisogna più guardare a chi ha più capitali o credibilità di te, e pensare che non puoi competere con lui. Puoi avere un business da un milione di dollari, e il tuo più grosso concorrente un business da 50 milioni di dollari, ma se puoi lavorare meglio e più velocemente di lui con il tempo l’avrai vinta.

Tutte le follie hanno un prezzo. Se sei seriamente intenzionato a costruire il tuo personal brand, non ci sarà tempo per la Wii. Non ci sarà tempo per Scrabble, il club dei libri, il poker, l’hockey. Ci sarà il tempo per mangiare, per stare al passo con la cose a cui tieni, per giocare con i bambini, ma poi sarai davanti al tuo PC fino alle 3, ogni notte. Se sei disoccupato o in pensione, e hai tutto il giorno per poter lavorare, magari potrai staccare a mezzanotte.

Il fatto è che se tu vivi la tua passione, vorrai essere consumato dal lavorare per essa. Non ci saranno spazi per il relax-sul-letto-con-popcorn-e-tv, non ne avrai bisogno. Non sarai stressato o stanco. Sarai rilassato e rinvigorito. La passione e l’amore per ciò che fai ti permetteranno di lavorare le ore necessarie per avere successo. Perderai la cognizione del tempo, andrai a dormire con riluttanza, e ti alzerai al mattino entusiasta di ricominciare da capo. Vivrai e respirerai i tuoi contenuti, imparerai tutto ciò che puoi sul tuo argomento, i tuoi strumenti, i tuoi concorrenti e parlerai con altri appassionati alla stessa cosa che interessa a te, senza mai fermarti.”

Libera traduzione tratta dal capitolo 7 di Crush It, di Gary Vaynerchuk.

2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

18 Comments

  • E’ chiaro che alzare il numero di giri ti fa andare più veloce, ma sul lungo termine è il pigro che vince.
    La ruota è stata inventata da chi era stufo di portare le pietre a braccia.
    Il calcolatore è stato inventato per risparmiare la fatica del pallottoliere (e gli errori).
    David Heinemeire Hansson e Jason Fried, quelli di Ruby on Rails, hanno scritto Rework che distrugge completamente l’hustle. E hanno fatto più soldi ancora.

    Reply
  • Non sono assolutamente d’accordo con questo articolo. Ragazzi ma siamo impazziti?? Ma dico esiste una vita sociale una moglie le gite al mare il sole gli amici. La vita è una sola e sincermanete se la devo sprecare nelle quattro mura di casa mia o far sanguinare gli occhi Bhè, nonostante tutta la mia passione(ed è grande credetemi) preferisco fare il muratore e godermi la vita. Non voglio finire come alcuni programmatori che conosco(per lavoro) che non sanno cos’è una birra, un pub e si sono anche dimenticati com’è fatta una donna. Mi dispiace Ma io non ci sto!

    Reply
    • @graficando: rispetto il tuo parere, ma faccio notare che moltissimi servizi o siti web (per non parlare di tantissime altre cose presenti “offline”) esistono solo grazie all’hustle di qualche pazzo 🙂

      Reply
  • Ottimo articolo, lo leggo solo oggi ma ho avuto un periodo di fuoco e volevo assoluamente lasciare un commento.

    Sono molto contento di aver letto quest’articolo, quello che spesso non si considera è che su internet “Tu sei imprenditore di te stesso”, e dovrai combattere o concorrere con migliaia di concorrenti. Non conosco aziende che siano nate facendo subito grandi numeri e successo… ne conosco molte però che hanno chiuso (tristemente) dopo poco tempo… Internet ci dà la possibilità di creare una azienda gratuitamente (o a costi bassissimi), sta poi a noi avere le capacità di gestire l’azienda!

    Spero sia chiaro il paragone 😉

    Reply
  • In questo periodo sto leggendo la biografia di Bruce Lee scritta dalla moglie – quindi forse di parte – e ritrovo molto di questo post nell’atteggiamento di Bruce nei confronti delle arti marziali e la recitazione, aveva una vasta biblioteca e si allenava tutti i giorni. Era maniacale.
    Ma oggi il suo nome è sinonimo di arti marziali, kung fu, cina, MMA etc. etc.

    Reply
  • leggendo il titolo mi e’ venuto in mente il telefilm hustler che parla di truffatori 😛

    Reply
  • Bell’articolo davvero, complimenti…chiaramente tra il dire e il fare…purtroppo c’è di mezzo la pagnotta che tocca portare a casa a fine mese, non tutti hanno alle spalle un’azienda di famiglia come quella di Gary, sicuramente bravissimo in quello che fa.

    Purtroppo qualcuno deve fare i conti anche con la realtà.

    Reply
  • Pensa te…E io che mi sto dedicando alla lettura di “Adesso basta” di Simone Perotti, manuale sul downshifting scritto da chi è riuscito a cambiare la sua vita (senza essere ricco di famiglia o vincere al SuperEnalotto). L’approccio è lo stesso ma le finalità sono molto diverse… 🙂

    Reply
  • è una settimana che sono a casa, con la “scusa” di un po’ d’influenza.
    Ho riscritto tutti i contenuti dei servizi che propongo e di circa 20 landing, in ufficio i miei sono preoccupati, non capiscono perché non rientro 🙂

    Reply
  • Bellissimo articolo, costanza o hustle che bella cosa essere “divorati” dalla smania di fare 😉

    Reply
  • Fino ad ora si è verificato solo Perderai la cognizione del tempo, andrai a dormire con riluttanza, e ti alzerai al mattino entusiasta di ricominciare da capo.. Quando avrò guadagnato il primo milione di euro spedirò una cassa di Brunello a Vaynerchuk.

    Reply
  • Perché scomodare l’inglese?

    In italiano si chiama costanza, costanza, costanza.

    Si potrà al limite essere SCEMI, ma se si è usa costanza, costanza, costanza si avra successo.

    Viceversa tutte le persone che in Italia vogliono guadagnare o fare i blogger, iniziano in pompa magna e poi rallentano e si ferma tutto.

    Quindi perché HUSTE, quando costanza, costanza, costanza è meglio?

    Reply
  • Condivido che ci voglia passione, non condivido che bisogna lavorare di più. Quello viene naturale, è una conseguenza, non la causa.

    Faccio un esempio.

    Se un qualsiasi lavoratore in proprio, con le sue 8 ore al giorno porta a casa 1200 euro al mese, se lavora il 50% in più, quindi 12 ore, quanto può sperare di guadagnare?
    Io direi sui 1600, e non 1800, per due motivi:

    1 – se è una persona saggia da la priorità ai lavori più remunerativi, quindi quelli relativi alle 4 ore in più saranno i meno pagati;

    2 – in quelle 4 ore in più non è altrettanto produttivo.

    In ogni caso, non sono quei soldi in più a fare la differenza, a rendere di lui una persona economicamente ricca.

    La differenza la fa, cominciare a essere pagati a pezzo e non a ore: mentre le ore di una giornata sono per tutti limitati al massimo a 24, il numero di pezzi che una persona puo produrre o vendere non ha limiti.

    Se riuscissi a vendere un paio di scarpe a tutti gli italiani diventerei ricco, in un anno guadagnerei molto più di quanto guadagna un elettricista in tutta la sua vita, anche se lavora 16 ore al giorno.

    Reply
  • Condivido pienamente i pensieri di Gary e mi rivedo alla grande in tanti aspetti, ma leggerò meglio l’articolo domattina; a quest’ora il mio cervello lavora a basso regime.

    Riassumerei il post con una frase di Og Mandino tratta da Il più grande successo del mondo:

    “Lavora ogni giorno come se fosse in gioco la tua vita. C’è un solo sentiero che porta al successo, e passa attraverso il duro lavoro. Se non sei disposto a pagare questo prezzo per distinguerti, preparati a una vita fatta di mediocrità.”

    Sono sicuro che molti tra quelli che seguono questo blog (Taglia compreso) se non sono ancora arrivati ci sono molto vicini.

    Anch’io da un pò sono tornato su internet perchè i tempi mi sembrano maturi e ce la sto mettendo tutta; confrontarmi con voi mi aiuta molto.

    Grazie a tutti e buona notte.

    Reply
  • Ottimo post, mi hai convinto a leggere il libro! Mi hai appena dato la giusta “carica” per andare avanti e non mollare ciò che sto facendo, ma, anzi, di crederci e non mollare, nenache di fronte ai più grossi ostacoli. Grazie 1000 🙂

    Reply
  • Molto, molto interessante come articolo.

    Mi riconosco molto in questa “descrizione lavorativa”. E’ proprio la passione che mi spinge a miglirare in qualsiasi modo il mio modo di lavorare, di conoscere il settore.

    Reply
  • Complimenti… gran bel post! Mi tranquillizza su molti fronti se devo essere sincero.

    Se ci facciamo il c**o prima o poi si sfonda… allora a quel punto magari potremo rilassarci un pò!

    Reply

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

“Hustle” è la chiave del successo
Scroll to Top

Vuoi capire perchè il tuo sito non traffica?

REPORT SEO a soli 47€

anzichè 197€+iva
Giorni
Ore
Minuti
Secondi