Guest post: 5 buoni motivi per ospitare i post altrui

guest poster
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Chi mi segue da tempo, avrà certamente notato che nei giorni scorsi ho ospitato sul TagliaBlog alcuni articoli scritti da altri blogger.
Qualcuno mi ha scritto chiedendo il perchè di tale scelta… potrei rispondere che Darren Rowse di ProBlogger (in Why Guest Bloggers are Great for a Blog) la considera una win win win situation: vincente per chi scrive il guest post, per il blog che ospita il guest post e per i lettori del guest post.
Dal mio modesto punto di vista, ci sono almeno 5 buoni per ospitare post altrui:

  1. Far conoscere un blogger sconosciuto ma meritevole.
    Ci sono tanti, troppi blogger davvero bravi, ma che per qualche strano motivo non riescono ad emergere. Ospitare il post di uno di questi può aiutare a dargli una spinta, sia da un punto di vista prettamente statistico (=portargli nuovi lettori), sia a livello morale (=una inezione di fiducia e un attestato di stima fan sempre bene).
  2. Farsi conoscere grazie al guest post di una blogstar.
    Se siamo piccoli blogger, possiamo sperare nel “colpaccio” ospitando il post di una blogstar: chi ci legge capirà (o meglio crederà) che non siamo poi così male, e che abbiamo anche buoni agganci nelle alte sfere della blogsfera… insomma, nell’immaginario collettivo il nostro blog si avvicinerà ad altri blog più famosi e trafficati, con tutti i benefici del caso.
  3. Inserire sul blog nuovi argomenti e punti di vista.
    Lo stile di chi scrive è sempre lo stesso: può anche piacere, ma alla lunga stanca. Il guest poster sarà in grado di portare una ventata di freschezza nel blog, spezzando il ritmo e modificando il solito tran tran. Con una sola accortezza: i guest post non devono essere troppi e/o di argomenti diversi dal tema principale del blog, altrimenti si otterrà l’effetto boomerang.
  4. Prendere link dal guest poster.
    L’ospite, spesso, cita il guest post appena scritto sul suo blog personale, contribuendo quindi a donarci un link (e qualche accesso): e buoni link e nuovi visitatori fan sempre parecchio comodo.
  5. Rilassarsi un attimo.
    Mica possiamo sempre scrivere e postare, 7 giorni su 7, 365 giorni all’anno! Ospitare un guest post può aiutarci a spaccare la spina… almeno fino al prossimo post 🙂

E tu, perchè non scrivi un post per il TagliaBlog?

2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

31 Comments

  • Curiosità. Ma i Guest Post si pagano o c’è solo uno scambio ?

    Reply
    • Io non ho MAI venduto guest post, ma per essere pubblicati su questo blog devono essere originali, di alta qualità/valore, non pubblicati altrove, e senza dentro link che puzzano di SEO a chilometri di distanza.

      Reply
  • Nel guest post bisogna mettere il sito di chi scrive il post vero? scusate la domanda ebete…

    Reply
    • Non ci sono delle regole ferree in questo settore, ognuno fa un po’ come crede: personalmente, metto l’autore dei guest post che ospito in coda all’articolo, con un eventuale link al suo sito o al suo profilo social.

      Reply
  • anche se il post è un po’ “vecchiotto” credo che ultimamente questo modo di diffondere contenuti stia riprendendo piede, alla faccia anche di Panda e Penguin..vorrei chiedere se anche voi ottenete vantaggi a livello puramente SEO.

    Grazie.

    Reply
  • Un guest post può realmente aiutare il proprio blog a migliorare e crescere.

    I motivi elencati sono tutti molto validi, soprattutto l’ultimo, ovvero staccare la spina.

    Anche variare lo stile del blogger è un’operazione molto intelliggente.

    Buona giornata a tutti

    Reply
  • Ottimo post, grazie mille per queste dritte, che reputo a mio avviso, fondamentali nella riuscita di un Blog 🙂

    Reply
  • io ne dovevo scrivere uno….cavolo sono sommerso.

    scusa:( non me ne sono scordato!

    Reply
  • OK, ora ho capito 🙂
    Personalmente, ho creato una pagina “statica” (chiamata “Collabora”, nel menu in alto), ed ho contattato personalmente alcuni blogger che ritengo validi (e che scrivono su argomenti simili a quelli che tratto io).

    Reply
  • ok, cerco di essere più chiaro.
    Io l’ho fatto: ho partecipato con un mio guest post sul blog di markingegno, l’esperienza mi è piaciuta tanto che ho deciso di ospitare guest post sul mio blog.
    Ora ho preparato tutto per ospitare i guest post sul mio blog: come promuovo l’iniziativa?

    Reply
  • Ehm… Massimiliano, non credo di aver capito 🙂
    Hai già scritto un guest post su di un altro blog? o devi ancora prepararlo?
    In ogni caso, non sei tu che devi autopromuovere il tuo guest post… se hai scritto qualcosa per un altro blog, saranno gli abituali visitatori di quel blog a notarti e, se piace il tuo stile, a visitarti e promuoverti.

    Reply
  • Ecco, io l’ho fatto. Dopo avere partecipato come ospite di markingegno, ho definito un tema e postato l’invito. Adesso come lo promuovo?

    Reply
  • Inizia a scriverlo, a mò di decalogo, con introduzione, 10 punti ben commentati, e una conclusione… poi magari ti piacerà talmente tanto che lo terrai per te 🙂

    Reply
  • oddio m’ha preso l’ispirazione.
    se, nei prossimi giorni scrivo un post del tipo “Seo per niubbi” e ti metti caso che scrivo una roba interessante e che ti piace me lo pubblichi?

    Reply
  • Esatto, un guest post (IMHO) deve necessariamente essere:
    – a tema;
    – originale (=non duplicato).
    Personalmente preferisco i post un pochino più lunghi e articolati, e con elenchi puntati (o numerati)… ma ognuno ha il suo stile 🙂

    Reply
  • Certo, condivo, hai fatto bene a precisare. Esistono però delle eccezioni, come il diritto di cronaca, ma anche delle condizioni.
    Credo che sia un malcostume diffuso quello di non fare attenzione al tipo di licenza in uso o di non leggere le note legali, perché può capitare anche che i testi siano riproducibili o che la riproduzione sia incoraggiata.

    Reply
  • mi spiace archeoit, ma ti devo contraddire… non solo quando c’è la dicitura, ma tutti i contenuti, se non espressamente indicato contrario, sono di chi li ha realizzati e la duplicazione, copia, anche parziale senza esplicito consenso dell’autore stesso (senza citare la fonte) non è “legale”. il problema è che il web visto come terra di nessuno, dove tutto ciò che viene pubblicato è di libero dominio per tutti e per tutti gli utilizzi…

    Reply
  • ah ecco 🙂 avevo capito bene, ma mi sembrava che potesse esserci comunque lo spazio per un equivoco e ho scritto per eliminarlo del tutto.
    Ovviamente sono assolutamente d’accordo con te.
    Il copia-incolla è ahimè un fenomeno molto diffuso, e molti bloggers spesso non si rendono nemmeno conto che stanno violando la legge. Quando in un sito compare la dizione “tutti i diritti riservati” non è lecito copiare e incollare un post, e viene meno anche il diritto di cronaca quando ci si limita esclusivamente a copiare-incollare senza aggiungere un commento che sia uno o motivare il copia-incolla

    Reply
  • @Snapshot83: se sai scrivere qualcosa di originale/interessante di argomento SEO/SEM/web marketing, sei il benvenuto 🙂

    Reply
  • ok, mi hai convinto..
    Se vuoi, hai l’onore di ospitare sul tuo blog un mio articolo 😛
    Scherzo, cmq è interessante ciò che hai scritto..
    E la mia proposta resta valida…(anche uno scambio link è proponibile) 😉

    a presto

    Snapshot83

    Reply
  • ecco… pure la conferma che non sparo cavolate… inizio a pensare di mettere d’avanti al mio nome la sigla Dr. (hahahaha 😀 )

    Reply
  • No, un guest post è un tuo post, scritto di tuo pugno, che io decido di ospitare sul TagliaBlog.
    Se prendi un mio post e lo copi sul tuo blog, crei solo contenuto duplicato, inutile per gli utenti e per i motori.
    Un buon suggerimento è prendere ispirazione da un post, linkarlo, ma non copiarlo integralmente: bisogna scriverne uno nuovo, magari sempre sullo stesso argomento, ma sviluppando la tua idea ed aggiungendo nuovi punti.

    Reply
  • nonostante la correttezza dei link, ti consiglio appunto per testare cose nuove e per migliorare, di non copiare ed incollare…

    piuttosto elabora, partendo da citazioni interessanti di questo post, tue considerazioni, in modo da dare testi univoci in ogni caso… avrai solo da guadagnare…

    quello che diceva taglia erbe è chiedere a qualche persona di creare un post/articolo originale che poi lui avrebbe pubblicato su questo blog… no che andava in giro per la rete a trovare un post interessante per poi copiarlo qui… non converrebbe a nessuno dei due…

    Reply
  • Ciao.
    ma quindi, scusa l’ignoranza,
    siccome a me (che tengo un blog generico che mi stà facendo da palestra) è piaciuto questo tuo post,
    se lo prendo lo copio incollo e lo linko per bene precisando la provenienza e diritti d’autore a Davide Tagliaerbe Pozzi,

    avrò fatto un buon Guest post?
    se si lo faccio subito 🙂

    Reply
  • Ovviamente parlo di post originale, non duplicato, di buona qualità e di argomenti affini a quelli del blog.
    Odio i contenuti duplicati, visto che proprio il mio blog è oggetto di copie selvagge e indiscriminate 🙂

    Reply
  • ciao archeoit… credo (anzi sono sicuro) che intendeva la seconda versione da te detta… niente copie…

    Reply
  • Non ho capito bene però che cosa intendi. Ti riferisci al fatto di offrire ad un blogger lo spazio sul tuo blog, per poter scrivere qui il suo articolo (in originale), o copiare e riportare integralmente un post scritto altrove?
    Confesso di avere i miei “pregiudizi” negativi sulla pratica di copiare e riportare integralmente scritti presi altrove, anche se capisco l’idea di fondo.
    Mentre vedo bene il discorso di offrire una “finestra” di visibilità ad altri bloggers, ovviamente con il link al loro sito.

    Reply

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

Guest post: 5 buoni motivi per ospitare i post altrui
Scroll to Top

Vuoi capire perchè il tuo sito non traffica?

REPORT SEO a soli 47€

anzichè 197€+iva
Giorni
Ore
Minuti
Secondi