Il Guest Blogging, secondo Matt Cutts

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Da sempre, su questo blog, ho puntato tutto sui contenuti, e da sempre ospito volentieri contenuti altrui (ovviamente solo se aderenti a determinate linee guida).

E’ quello che in gergo tecnico si chiama guest blogging (o guest posting), e che in un’epoca dove il Content Marketing sta prendendo sempre più piede (qualcuno dice addirittura che sia un investimento migliore del Link Building…) ecco che divulgare i propri contenuti attraverso siti/blog molto noti e di valore è divenuta una strategia portante all’interno del “marketing mix”.

La cosa non deve essere sfuggita a Matt Cutts, che nelle ultime settimane ha pubblicato su YouTube ben 2 video riguardanti proprio la pratica del guest blogging.

In entrambi i casi, il tema è quello del fare guest blogging per ottenere link.

Nel primo video, Cutts parla di qualità del guest poster: se sul tuo blog ospiti un contenuto di qualità, scritto da una persona nota e famosa nel settore (probabilmente, fra le righe, Cutts fa riferimento all’Authorship), la cosa è certamente positiva, è un “great win”.

Se però ospiti articoli duplicati altrove, di bassa qualità, scritti solo per ottenere link, ecco che a Google la cosa non sta bene: “We’re less likely to want to count those links” – “Siamo meno propensi a contare quel tipo di link” – dice Cutts.

La cosa viene ribadita anche nel secondo video: se accetti guest post con dentro link che puntano a siti spammosi o di bassa qualità, fai molta attenzione, perché potresti ottenerne un risultato negativo, anche a livello di reputazione.

In estrema sintesi: a Google il guest blogging può andar bene, purché sia una pratica basata primariamente sulla diffusione di contenuti unici di grande qualità, e non un sistema per fare puramente link building… e ospitare pessimi post con dentro pessimi link, nell’epoca del Penguin, non è proprio una tecnica da consigliare 😉

UPDATE: il 16 Ottobre 2013 Matt Cutts è tornato sull’argomento “guest post” con questo video:


Cutts ribadisce in buona sostanza i concetti espressi negli altri 2 video, riassumibili in questi 3 punti:

Wordlift

• i contenuti di un guest post devono essere di grande qualità, e attinenti al sito che lo ospita
• un guest post non deve contenere un sacco di ancore con parole chiave troppo mirate
• il guest blogging va fatto con moderazione; non dovrebbe essere un lavoro (ovvero una tecnica di link building) a tempo pieno

UPDATE n.2: nuovo video di Matt Cutts, datato 10 Dicembre 2013, sempre sul tema del guest blogging:


Questi i 4 punti sottolineati:

• non fare del guest blogging la tua unica strategia di link building (occhio ai rischi!)
• non mandare migliaia di email offrendo guest post a destra e a manca
• non usare lo stesso articolo su 2 diversi siti
• non fare article spinning

2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

6 Comments

  • Io ho soltanto un dubbio: se si creano scambi di guest post, questo può nuocere ai siti web in questione?

    Non vorrei che il guest post possa essere preso di mira prossimamente da qualche altro penguine di futura concezione.

    Reply
  • Se poi guardiamo le linee guida, tra le pagine di qualità ci sono quelle che “vendono un prodotto o un servizio”, quindi immagino che in quel caso lo scopo del testo non sia solo quello di fornire informazioni o condividere qualcosa con l’utente. Un po’ un controsenso forse?

    Reply
  • Ciao,
    mah… vorrei parlare in modo un parossistico e ironico: da oggi in poi tutti a scrivere guest-post di qualità (ma quale qualità?) e ok; fra 5 anni Google si trova il web invaso di guest-post, autori autorevoli che hanno perso autorità, ecc. e decide che i guest-post saranno puniti. E allora tutti a cancellare e ricercare i guest-post vecchi di anni… E intanto dall’asia o da dove chissà, si faranno guest-post fasulli in blog infimi chiedendo poi soldi per [non] cancellarli…
    Eh bhè… un qualcosa di già visto direi!
    Google mi piace sempre meno. Sta facendo prevalere “derive” che non condivido affatto addossando su di “noi” anche manifeste lacune sue…
    Un augurio sincero a tutti noi, ne abbiamo bisogno! 🙂
    Ciao!

    Reply
  • Beh diciamo che come al solito non ha detto niente di nuovo. Mi sembra chiaro che chi fa link building tramite guest blogging cerchi contenuti di qualità. Chi lo farebbe per ricevere link da siti spammosi?

    Reply

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

Il Guest Blogging, secondo Matt Cutts
Scroll to Top

Vuoi capire perchè il tuo sito non traffica?

REPORT SEO a soli 47€

anzichè 197€+iva
Giorni
Ore
Minuti
Secondi