Guadagnare (Online) è un Peccato Mortale

Guadagnare è Peccato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Il 28 Aprile 2016 è stata pubblicata una circolare dell’Agenzia delle Entrate, riguardante i nuovi indirizzi operativi per la prevenzione e il contrasto all’evasione fiscale.

Alla pagina 9 del documento, si legge la seguente frase:

Dal punto di vista operativo, alle notizie ritraibili dalle banche dati si aggiungono quelle che pervengono da altre fonti, ivi incluse fonti aperte, per cui lo scenario informativo è ampio e variegato.

Non so quale testata giornalistica abbia riportato per prima la notizia con il solito headline acchiappa-click, ma sta di fatto che praticamente tutte le fonti d’informazione hanno poi titolato cose del tipo “il Fisco ci spierà anche su Facebook”, “i social network nel mirino della Finanza” e altre amenità simili.

Non è però questa la parte più interessante della storia. Leggendo e osservando le reazioni del pubblico, la notizia mi è stata invece di spunto per riflettere sui 2 approcci dell’italiano medio riguardo al denaro e alla ricchezza (sua e soprattutto degli altri).

1. Quello ha i soldi? Chissà cosa c’è dietro…

La prima reazione dell’utente medio nei confronti del ricco/arricchito è una ammirazione (subito soffocata) che si tramuta (spesso) in invidia e (in alcuni casi) in odio verso chi possiede auto di lusso e vestiti firmati, o chi posta su Facebook o Instagram foto di pranzi e cene luculliane in località da sogno: “Sono per forza ladri, farabutti… impossibile che abbiano guadagnato quei soldi onestamente!”

Sia chiaro, è quasi sempre vero che dietro a vite del genere ci sia qualcosa di poco pulito: ma questa visione ci impedisce poi di andare a fondo per studiare e seguire quei pochissimi che riescono a guadagnare bene (online o offline), e a capire come ce la fanno. Col risultato che continuiamo a credere che sia impossibile fare più soldi di quanti ne facciamo con un “normale” lavoro dalle 9 alle 17, per 40 ore alla settimana.

Perché succede che chi ha soldi e/o beni viene attaccato da chi non ne ha (o ne ha molti meno)? Il motivo, secondo alcuni psicologi, è che il nostro “cervello primitivo” ragiona più o meno in questo modo: “Se lui ha tutti quei beni, scende di molto la probabilità che anche io possa averli”. Probabilmente questo ragionamento da uomo delle caverne risale ad un’era in cui le risorse erano per loro natura limitate: ad esempio c’era poco cibo, e se un altro cavernicolo se ne appropriava le tue probabilità di sopravvivere scendevano di parecchio.

C’è poi un’altra categoria di utenti, quella degli hater creduloni. Queste persone, che solitamente NON capiscono NULLA delle dinamiche di Internet, credono che molti di quelli che lavorano online facciano soldi a palate. Non sanno come li fanno, ma sono convinti che ne facciano a bizzeffe.

Ti racconto un incredibile episodio di una quindicina d’anni fa. Un mio vecchio collega, socio di una startup che si occupava di online gaming, si trovò una sera a Milano. Vide per strada una Ferrari, e gli venne un simpatica idea: si fece fotografare a fianco all’auto, fingendo che fosse sua. Il giorno dopo pubblicò sul sito la foto (i social e gli smartphone ancora non esistevano, e quindi non poteva farlo in tempo reale), con sotto la scritta “Grazie banner! 🙂 “.

Fu un delirio: il lettore medio del sito, anziché intuire la natura dello scherzo, iniziò da quel momento a credere che possedesse davvero quell’auto, e che con i banner si potevano fare facilmente montagne di soldi (e considera che il core business di quell’azienda era tutt’altro). Per anni andò avanti il tormentone della “Ferrari di Adso”.

Ma la storia non finisce qui. Un paio d’anni fa andai ad un evento, nel quale era esposta una Lamborghini. La fotografai, e misi la foto su Instagram con il commento “Grazie banner! 🙂 “.

Lamborghini

Non ci crederai: un paio di persone mi contattarono in privato (e un altro paio pubblicamente) per farmi i complimenti per l’auto…

2. Hai i soldi? Nascondili (e nasconditi)

C’è poi un altro fronte, apposto al precedente.

In Italia molti hanno una folle paura a parlare liberamente di denaro, ma soprattutto a mostrare la ricchezza. Non dico ostentare, ma mostrare anche solo timidamente.

La colpa? Un misto di decenni/secoli di politica (comunista-sinistroide) e religione (soldi = sterco del diavolo) che ci hanno portati a pensare che accumulare denaro e beni materiali sia qualcosa di profondamente sbagliato, di immorale.

Se a questo aggiungiamo l’insicurezza fisica (=aumento continuo di rapine e furti) e la spada di Damocle di (sempre nuove) tasse e balzelli vari, il cerchio si chiude: chi ha messo via 4 soldi ormai punta solo a nasconderli e a piangere miseria, con l’intenzione di tenere ladri e fisco quanto più lontani possibile.

Riassumendo: chi non ha tanti soldi spesso mente, vantandosi di ciò che non possiede o vivendo sopra le proprie possibilità. Chi guadagna bene se ne sta invece “sotto traccia”, e non passa la giornata su Facebook a pubblicare foto della sua giornata da VIP: è più facile che il Fisco italiano trovi sui social qualche millantatore, anziché qualche vero evasore.

Conclusione

Personalmente NON credo che il guadagnare online, eticamente, abbia in se qualcosa di sbagliato.

E credo anche che chi fa del bene, chi dà grande valore, chi risolve problemi importanti, chi migliora la vita di altri individui debba essere adeguatamente e profumatamente ricompensato.

In poche parole, al netto di tutti i discorsi politici o religiosi del caso, i soldi sono solo un mezzo, uno strumento. Possono fare del male, ma possono anche fare tanto bene. Possono rovinare una persona, ma anche risollevarla. “Possono esser fero o esser piuma”, direbbe Mario Brega.

Bisogna solo saper mantenere col denaro un rapporto distaccato, non morboso, non sentimentale: né amore né odio. E soprattutto, non rosicare e rimuginare quando guardi i rich jerk, Dan Bilzerian o i Rich Kids Of Instagram. 😉

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

17 Comments

  • Gli italiani hanno una percezione strana di cosa sia il lusso, di quanto costi e di quasi qualunque cosa avvenga al di fuori del proprio orticello. Tendenzialmente l’italiano medio vive di pregiudizi e luoghi comuni tutti suoi.

    Reply
  • ma Adso la ferrari ce l’ha ancora o è passato anche lui a qualcosa di più serio?

    Reply
  • La storia dell’auto è davvero epica 😀 e ti fa capire come sia facile alterare la verità in rete.

    Reply
  • Posso pure concordare sulla sostanza, ma “un misto di decenni/secoli di politica (comunista-sinistroide)” non lo direbbe manco Silvio nel 1996, te prego Taglia 😀

    Reply
  • Ecchissenefrega del fisco italiano. Ancora poche settimane e si parte. Bye bye Italia, ma sopratutto bye bye Agenzia delle Entrate. Prrrrrrrrr 🙂

    Reply
  • È stata dimenticata una motivazione fondamentale:
    la storica assenza di meritocrazia in Italia!

    Quasi tutti sono profondamente convinti che chi si arricchisce onestamente in Italia ci riesce per caso, grazie alle conoscenze giuste o perché la sua famiglia conta, ma MAI per meriti.
    Come dargli torto?
    Tutto ciò scatena un odio verso chi è stato “fortunato” ad arricchirsi e contestualmente una solidarietà nei confronti di chi, pur avendo maggiori capacità, non potrà mai avere (in Italia) alcuna opportunità per dimostrarlo.

    Reply
  • Parole verissime, e applicabili a molti contesti. Purtroppo non è una realtà solo italiana: proprio qualche giorno fa leggevo testimonianze di multimilionari americani (Jim Rohn, T. Harv Eker…) che raccontavano come la loro ricchezza fosse una costante fonte di odio da parte degli altri.
    Il “piccolo” problema è che sentimenti del genere non portano da nessuna parte: se odio chi ha fatto fortuna, difficilmente riuscirò a darmi come obiettivo quello di fare altrettanto (anzi!).

    Reply
  • Grande serata quella della foto, passati giusto sti 16 anni… Mi ricordo ancora i flame… 😀
    Detto propio a riguardo di quella sera, ancora da niubbo in comunicazione, che Adso era bravo a parlare… nel senso che era un ottimo oratore con una dialettica ammirevole ed un innata indole pionieristica per il marketing online… peccato non sia riuscito a fargli percepire il messaggio propio cosi’ con la mia dialettica del tempo… 😀
    Anzi da commenti successivi mi sa che si era pure convinto che gli davo dello scarso in game (ma in realta era Giacomo che commentava) oltre che del “fanfarone” bravo “solo” a parlare, appunto… Ma con i Mad in ditta era difficile filtrare tutto senza troppe manipolazioni…. Ah il fantastico mondo del netgaming, dei forum, delle chat e dei flame classe pre 2000 … 😀

    Reply
  • Io mi ritengo fortunato: guadagno cifre davvero alte lavorando col web ma sono un tipo molto semplice: ho 10 capi per stagione in armadio (scarpe incluse), una Delta usata (solo perché devo metterci dentro la famiglia altrimenti prendevo una Punto usata) e il mio top di vacanza è una pensione con wi-fi e spiaggia vicina (perché sono pigro). Anche con una foto, nessuno crederebbe mai che la Ferrari è mia :-).
    Tornando al succo: lo stato deve fare cassa, e non potendo infilare una patrimoniale vera e propria, la spezzetta in tante piccole cose (vedi le finte valutazioni degli immobili su Striscia la Notizia, che servono solo per estorcere subito denaro con la mediazione). Ed era ovvio che una patrimoniale serviva, visto che non c’è verso di far tagliare la spesa al baraccone statale.

    Reply
  • Maledette verità italiane!
    Questo esperimento della macchinona lo devo fare anch’io devo vedere che succede 😀

    In italia purtroppo sta sempre più dilagando la delinquenza e le cose che “luccicano” attirano tropo l’attenzione. Una volta andavano a rubare gli appartenenti a famiglie per cosi dire “della malavita” oggi pure i bamboccioni hanno questi schizzi.

    Reply
  • Più che l’educazione o il contesto politico-religioso, penso che alle origini di questa diffidenza ci siano i tanti, troppi scandali di cui quasi quotidianamente veniamo a conoscenza: essi distruggono tanto il sogno di un “arricchimento etico” quanto l’ammirazione nei confronti di coloro che seguono con onestà tale strada.

    Reply
  • La cosa che mi fa più arrabbiare è che i miei amici pensano che io guadagno bene mentre sto li a grattarmi mentre loro lavorano e si spaccano la schiena per pochi spiccioli.

    Reply
  • Stra-concordo.. purtroppo l’Italia si dimostra spesso un ibrido “catto-soviet” terrificante, in cui “dalla culla alla tomba” non è uno slogan ma una PRETESA che viene sviluppata fin dalla più tenere età a scuola, fucina di dipendenti mediocri.

    Quei pochi “devianti” (imprenditori, liberi professionisti) sono visti come il male.

    A me piace dire che, con il lavoro (inteso alla Fantozzi) non si arricchisce nessuno e bisogna rischiare, stare sempre sul pezzo, sputare sangue.

    Ma la programmazione della deMente collettiva ti guarda come un’anomalia genetica. Ben venga.

    Lasciarsi travolgere o cavalcarla. Per chi ha il coraggio, si può fare la scelta.

    Reply
  • Sono pienamente d’accordo, spero soltanto che queste fisime possano essere superate nel giro di una generazione.

    Reply
  • Ti sei spiegato benissimo. Quoto riga per riga. La nostra stessa educazione ci fa ragionare così.
    (l’assegno me lo invii a un nuovo conto che ti faccio avere, basta Panama)

    Reply

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

Guadagnare (Online) è un Peccato Mortale
Scroll to Top