Home » Seo » Google conferma il “Vince’s change” (ma nega il “Brand Update”)

Google conferma il “Vince’s change” (ma nega il “Brand Update”)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

A quanto pare, l’update di Google del 18 gennaio (che avevo chiamato Brand Update) ha generato in ambito SEO un discreto polverone.

Matt Cutts, nel video qui sopra, ha voluto chiarire i dubbi sollevati da chi domandava se ora Google assegna un peso maggiore ai brand ai fini del ranking; ho estratto i punti più significativi della sua risposta (che scateneranno sicuramente dibattiti e riflessioni):

Non pensiamo al brand, ma ad altri parametri
Nel Search Ranking Team di Google non si parla di brand, ma di altri 5 parametri:

  • trust
  • authority
  • reputation
  • PageRank
  • high quality

Si, il cambiamento c’è stato…
… ma è solo uno dei 3-400 cambiamenti che facciamo nel corso dell’anno: non lo chiamerei un update, è solo un piccolo cambiamento, che nel Googleplex abbiamo chiamato Vince’s change.

La cosa ha infatti impattato su un piccolo numero di query, e non ha avuto effetti sulla long tail. Un esempio? cercando su Google la parola ‘eclipse’, al primo posto non troviamo la Mitsubishi.

Il nostro obiettivo non è dunque quello di mettere sempre i brand ai primi posti delle SERP, ma i risultati che riteniamo migliori per gli utenti. L’obiettivo è ritornare risultati di alta qualità (con trust, reputation, authority, PageRank).

Quello che dovresti fare abitualmente, non cambia: lavora per costruire un buon sito, rendilo fantastico, diventa una autorità nella tua piccola nicchia, senza puntare per forza ad una nicchia enorme: le persone ti linkeranno, parleranno di te, sarai considerato un esperto al quale far riferimento.

Fonte: Google Confirms Algorithm “Change” But Down Plays Brand Push.

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Altri articoli correlati

Ciclo di vita di una startup

Una startup dalla nascita fino al consolidamento sul mercato o almeno fino alla perdita dei requisiti propri di una startup, attraversa diverse fasi, le quali

Perché molte startup falliscono?

Molti giovani aspiranti startupper troppo spesso rinunciano all’idea di costituire una startup innovativa spaventati dalla possibilità che l’idea possa non avere successo e comportare il

9 risposte

  1. Sinceramente non vedo grossi ed improvvisi cambiamenti.. è da tempo che, lentamente, ci si avvicina ad una cosa del genere…

    @tagliaerbe: in effetti sì… quei 5 parametri sono le basi del brand sul web.. la stessa cosa detta in due modi diversi 🙂

  2. @tagliaerbe Daccordissimo… si tratta in effetti di traslare il concetto di “brand” in termini algoritmici.
    Se lavori per un buon brand online ottieni buoni risultati 🙂

  3. Si Taglia, mi sono espresso scherzosamente ma effettivamente pensavo la stessa cosa :)… sempre che per “brand update” loro non intendano altro come ad esempio tenere in considerazione veri e propri “marchi registrati”… non so… magari è una cavolata. Ciao 🙂

  4. Beh, io ritengo questa modifica interessante anche per i piccoli. Se anche un piccolo riesce a crearsi un suo piccolo brand e scrive bene in questa maniera sarà premiato da google più di chi scriverà i soliti articoli e verrà premiato perchè ha già la sua reputazione.

    Insomma non lo ritengo un vero e proprio dramma, ma piuttosto una interessantissima novità da sfruttare al meglio!

  5. Leggi bene quanto dice Matt Cutts… i 5 parametri che ha indicato, ma soprattutto il paragrafetto finale (dove spiega cosa dovresti fare abitualmente), non equivalgono in fin dei conti al concetto di brand? 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *