Google Universal Search: dominata da Video e Immagini

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Sono ormai passati più di 4 anni dal lancio della Google Universal Search, ovvero l’allargamento del noto motore di ricerca verso contenuti non propriamente web.

Searchmetrics, in uno studio ripreso da Search Engine Land e WebProNews, ha analizzato per alcuni mesi le SERP di Google per cercare di capire quali fossero gli “elementi emergenti” fra le pagine delle ricerche; il risultato possiamo vederlo qui sotto:

Google Universal Search


Come risposta ad una query nel 60% dei casi si incappa in un video, nel 30% in una immagine, nel 20% in un elemento legato allo shopping e nel 10% in una news.

Il problema – se di problema possiamo parlare – è la provenienza di questi elementi:

Le 5 Top 10 nella Google Universal Search

YouTube è la principale fonte di video per le SERP di Google, così come Google Maps per le mappe, Google Product Search (ora rinominato in Google Shopping) per lo shopping e Blogspot.com (ovvero Google Blogger) per le immagini.

In altre parole sembra che Google prediliga le sue property per alimentare il proprio motore di ricerca, e pertanto – estremizzando – si potrebbe concludere che è preferibile caricare i propri video su YouTube e le proprie immagini su Blogger se vogliamo avere qualche chance di comparire nella Universal Search.

In realtà potrei però leggere questa indicazione in un altro modo: le immagini e soprattutto i video – lo dicevo 3 anni fa! – rivestono una importanza sempre maggiore per i brand o per chi produce contenuti, e pertanto è necessario investire in quella direzione per creare maggior engagement con i lettori o i consumatori.

E in ultima analisi, come sottolineo da sempre, il focus deve essere quello di portare gli utenti sul proprio sito web: perché se uno si ferma a guardare una mia foto su Google Images o un mio video su YouTube, rischia di affezionarsi più al contenitore che al contenuto…

Autore
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
Latest Posts
  • Google Ranking
  • Google search
  • Sviluppo App
  • Google shopping

4 Comments

  • Mi permetto di dissentire su questa frase: “è preferibile caricare i propri video su YouTube e le proprie immagini su Blogger se vogliamo avere qualche chance di comparire nella Universal Search”.

    Sui siti che gestisco io non corrisponde a verità. Ho spostato i video da youtube direttamente sui miei siti, e nella universal search video batto youtube nell’80% dei casi. Infatti ho avuto un buon aumento di traffico.

    Discorso analogo per le immagini, nelle serp in cui competo con delle fotogallery, appaio spesso nella US e raramente c’è blogspot, piuttosto ci sono parecchi siti basati su wordpress.

    Reply
  • Non sono così stupito che Google abbia al primo posto tutti i suoi prodotti. Avevo già notato favoritismi verso i suoi pupilli blogger e youtube.

    Buona giornata a tutti

    Reply
  • Questa delle immagini di blogspot mi mancava. Molto interessante.

    Reply

Rispondi

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor

Sponsor

Scroll to Top

Vuoi capire perchè il tuo sito non traffica?

REPORT SEO GRATUITO
ancora per i prossimi

Giorni
Ore
Minuti
Secondi
anzichè 399€+iva