Google Toolbar e indicizzazione URL

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Kleecks

Gira da tempo una leggenda secondo la quale, se si visita una pagina web con la Google Toolbar installata, questa viene indicizzata in Google anche se non riceve link da nessuna altra risorsa.
Matt Cutts aveva negato la cosa mesi fa, ma ora è un esperimento di Philipp Lenssen, durato ben 4 mesi, a darne definitiva smentita.
Ecco il dettaglio del test (al quale è anche legata una piccola scommessa fra Philipp e Matt):

  • Philipp ha creato questa pagina il 15 agosto, “nascondendola” nel suo server, senza linkarla, senza parlarne con nessuno;
  • la pagina includeva la stringa blogoscoped55521384239 che, se inserita in Google, forniva in risposta 0 (zero) risultati;
  • da quel giorno, Philipp ha visitato più volte la pagina, sempre con la (Firefox) Google Toolbar attivata;
  • fino a 2 giorni fa (data di termine dell’esperimento), la pagina non risultava essere indicizzata in Google.

Philipp Lenssen perde quindi questa piccola scommessa con Matt Cutts, il quale sfata definitivamente sul suo blog il mito della Google Toolbar con “poteri di indicizzazione”.
Per onore di cronaca, i dettagli della scommessa :-):
Philipp, per onorarla, sarà costretto ad inviare a Matt una copia autografata del suo libro:Se avesse vinto, Matt si era impegnato ad inviargli questa sua card (anch’essa autografata):

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Altri articoli correlati

Work For Equity

Startup innovative: Work for Equity

Tra gli strumenti volti a favorire la crescita delle startup innovative vi è il work for equity una possibilità ancora poco utilizzata dalle società e

2 risposte

  1. Ciao Taglia 🙂

    ma secondo te perché negare una cosa che poi invece è ormai certa? il sospetto lo avevamo in tanti… ma adesso con il test di Philipp come negare ancora?

    La prima cosa che ho pensato è stata: le balle che ci raccontano sono molto dipiù di quelle che crediamo!

    Mah.. forse sto esagerando…

Rispondi