Home » Seo » Quando Google riscrive i title

Quando Google riscrive i title

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Già un paio di mesi fa parlai dell’importanza del title, e di come questo dovrebbe essere (e non essere).

Ma sapevi che Google, in alcuni casi, potrebbe decidere di “riscrivere” il tuo title con un altro?

Ecco il thread su Google Webmaster Central dove JohnMu espone i 3 casi nei quali Big G potrebbe procedere con la “riscrittura”:

“In generale, quando troviamo un titolo che sembra essere non ottimale, possiamo decidere di riscriverlo nei risultati della ricerca. Può accadere quanto il title è particolarmente breve, quando è ampiamente presente all’interno del tuo sito, o quando sembra essere un mero elenco di parole chiave. Una cosa che puoi fare per evitare questo è di assicurarsi che titoli e descrizioni siano pertinenti, originali e interessanti, senza essere “infarciti” con testo ridondante (=boilerplate) all’interno del tuo sito.”

Facendo mente locale, ricordo che un annetto fa Google, per un breve periodo, sostituì un paio di title di questo blog, aggiungendo in coda “- TagliaBlog” al title stesso.

A te è già capitato di osservare questo fenomeno? per quali motivi? e con quali conseguenze?

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Altri articoli correlati

Ciclo di vita di una startup

Una startup dalla nascita fino al consolidamento sul mercato o almeno fino alla perdita dei requisiti propri di una startup, attraversa diverse fasi, le quali

Perché molte startup falliscono?

Molti giovani aspiranti startupper troppo spesso rinunciano all’idea di costituire una startup innovativa spaventati dalla possibilità che l’idea possa non avere successo e comportare il

16 risposte

  1. Ultimamente noto che Google riscrive con maggiore frequenza il Title e si accorge quando il nome del brand viene posto alla fine per privilegiare altre parole chiave. Per esempio l’uso del trattino “-” posto tra parole chiave – nome brand.

  2. Lo ha fatto anche a me. Mi sembra che abbia preso il titolo che ho inserito nei social bookmarks, aggiungendo il nome del sito. Posso solo ipotizzare che abbia trovato la descrizione del sito simile. Ho provato a cambiarla, vediamo cosa né pensa il simpatico Crawler.

  3. E’ successo anche a me dopo aver letto questo post…una sorta di maledizione 🙂 . E’ una pagina su cui faccio qualche piccolo test per cui mi sta bene. Credo che mi abbia aggiunto una parte di title prendendo l’anchor di un link interno.

  4. L’ho notato anche io per alcune serp relative al settore turistico…

    Praticamente ha restituito nel title parola chiave (key piu localizzazione) e brand del sito (Hotel Nome Hotel)

    Però è la prima volta che mi capita, non ricordo in passato (e dei test per le serp alternative li ho fatti) di aver visto una riscrittura del title…

    that’s all folks

  5. Succede anche a me. Digitando il mio nome e cognome, il title del blog si trasforma esattamente nel mio nome e cognome. E’ come se Google volesse farti trovare la cosa esatta digitata.

  6. sarà è vero, alle volte capita di avere dei tag title identici ad altri siti e allora Google aggiunge il nome del dominio 😉

  7. No, mai. I miei titoli tendono a essere pertinenti, I suppose, ma forse il punto è semplicemente che Google non mi si fila. (Anche perché l’aggiunta finale al tuo non è questione di pertinenza).

    Mi incuriosisce una cosa: la conseguenza qual è? Un ranking peggiore?

  8. Molto spesso accade che dopo il title viene aggiunto il nome del dominio o il title che ho nell’header dell’immagine che porta al home page del sito. All’inizio pensavo che avevo qualche problema in wordpress poi ho letto che google ogni tanto faceva queste operazioni di “Refactor” dei Title 😉 e quindi non ci ho pensato più di tanto, però magari dopo questo post voglio vedere su Google Analytics gli effetti di questi “Refactor”.

    Ciao e Buon Weekend a tutti 😉

  9. A me non piace questa posizione di Google, nel giornalismo si chiama “manipolazione”, in questo caso che nome prende?

  10. E’ terribile questa cosa.
    Spesso quando controllo le serp per monitorare qualche sito rispetto ai concorrenti, o controllo la concorrenza per nuovi progetti, controllo il title per vedere come si posizionano e a cosa puntano principalmente gli altri.

    Se adesso è così, non so più dove finisce la mano del concorrente e dove inizia quella di Google.

  11. Ho notato questo pochi giorni fa analizzando il posizionamento di un concorrente di un mio cliente. Spesso riscrive l’URL utilizzando il link utilizzato nella directory dmoz…

  12. succede per esempio con le ricerche per panna uht da cucina e panna uht da montare per un paio di pagine della latteria virgilio di mantova

    http://www.google.it/#hl=it&q=panna+uht+da+cucina

    per la pagina http://www.e-virgilio.com/ITPPA10-01.asp (per me in 3° posizione)

    qui la riscrittura è stata applicata perché il titolo è “un pò pieno” di parole chiave. il titolo riscritto coincide con l’anchor text dei link interni

    mi sembra di averlo già visto da tempo anche su altri siti

  13. Sarà dall’inizio di quest’anno che l’ho notato, e ormai ci sta prendendo un po’ troppo la mano per i miei gusti.

    A volte il title lo prende dai backlinks, altre fa un miscuglio fra un vecchio titolo e il nuovo (in genere dopo un redirect 301), altre ancora aggiunge in coda il nome del sito o della sezione.

    Un esempio per quest’ultimo caso lo si ha guardando al primo risultato della ricerca: support windows 7
    Al titolo originale “Windows 7 Solution Center” ha aggiunto ” – Microsoft Support”. Circa a come era successo al Tagliablog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *