Google sbarca su Twitter… il motivo?

Premessa doverosa: Google è su Twitter da parecchio tempo.
E’ vero, non con l’account @google, ma (giusto per fare qualche esempio) con quelli di Blogger, Google Reader o Google Apps e con quelli di alcuni dipendenti storici (come Matt Cutts, John Mueller o Adam Lasnik).
E ora partiamo col post 🙂

Due giorni fa Google ha aperto ufficialmente un account su Twitter, inaugurandolo con un messaggio (in binario) che sta semplicemente a significare “I’m F E E L I N G L U C K Y”

Il primo twit di Google

Non sono ancora chiari i motivi dello “sbarco ufficiale”, ma credo che le ipotesi siano principalmente 2…

Prima però, una seconda doverosa premessa: la crescita di Twitter è spaventosa.
Giusto per darti qualche dato recente, Twitter ha da poco superato il market share di Digg:

Twitter supera Digg

In UK ha registrato un +974% in un anno:

La crescita di Twitter in UK

E in Twitter la gente cerca informazioni, eccome se cerca…:

La ricerca su Twitter cresce...

Torniamo ora alle 2 ipotesi:

1. Google vuole un diverso canale di comunicazione…

Ipotizzo che il crash di Gmail di alcuni giorni fa abbia smosso qualcosa (o qualcuno 🙂 ): tanto per cominciare, Google ha creato una Apps Status Dashboard pubblica dove mostra in real time lo status dei 10 suoi più importanti servizi.

Ma soprattutto in Google si saranno resi conto che c’è un mondo parallelo dove migliaia (milioni?) di persone comunicano in tempo reale, dove il flusso di dati si muove in diretta e non in (leggera) differita come in un motore di ricerca, dove le informazioni si diffondono molto più rapidamente che attraverso un blog o un gruppo di discussione.

Un mondo che ancora non controllano, sul quale non hanno ancora infilato (o quasi) il naso del loro crawler, sul quale non hanno ancora appiccicato i loro annunci pubblicitari.

2. … di conseguenza, Google comprerà Twitter

Immagino Eric Schmidt, Larry Page e Sergey Brin seduti intorno ad un tavolo…:

Nel 2003: “Un motore di ricerca non può essere fatto solo di siti web, ci sono anche i blog!”“OK, compriamo Pyra Labs! (Blogger/Blogspot)”.

Nel 2006: “Un motore di ricerca non può essere fatto solo di siti e blog, ci sono anche i video!”“OK, compriamo YouTube!”.

Nel 2009: “Un motore di ricerca non può essere fatto solo da siti, blog e video, c’è anche Twitter!” … completa tu la frase 🙂

P.S.: pure io sono su Twitter… non lo capisco, ma mi adeguo.

Condividi questo articolo:
Default image
Max Valle
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.