Google spiega le basi della SEO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Dopo le slide “avanzate” di SEOmoz, ecco quelle “for dummies” di Google, pubblicate pochi giorni fa:

Questi i 3 punti rilevanti:

1. Ottenere buoni risultati nei motori di ricerca richiede innanzitutto la conoscenza di quali keyword sono più popolari. Prendi i concetti e le frasi contenute nel tuo sito e confrontale con i termini correlati che trovi nello Strumento per le parole chiave o in Google Insight for Search. Assicurati di lavorare su singole pagine costruite in base a quello che gli utenti stanno cercando, utilizzando il linguaggio che usano loro.

2. Utilizza le parole chiave più cercate dove queste descrivono accuratamente i tuoi contenuti, in special modo nei titoli, nei paragrafi e negli URL. Se hai molte immagini o grafici interattivi, assicurati di affiancarli a del contenuto di qualità, perchè il Googlebot non è in grado di leggere le immagini.

3. Infine, ricorda che il numero e la qualità degli altri siti che linkano i tuoi contenuti determina il tuo posizionamento nelle SERP. Assicurati di conoscere gli altri player attivi nella tua nicchia, e incoraggiali a linkarti. Attivare un blog o un account su Twitter è un ottimo sistema per mantenere i tuoi utenti aggiornati circa gli ultimi update del tuo sito, e inoltre li incoraggia a linkarti.

Per ulteriori approfondimenti, viene consigliata la guida SEO di Google e la visione dei video di Matt Cutts.

Buona lettura (o visione)!

Fonte: Moving up in natural search.

2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

4 Comments

  • io sono un neofita ma mi sembra che le slide di Gooogle siano davvero troppo basic…

    Reply
  • We, Stuart allora sei vivo ? 😉

    Si lo so, sto terminando di sistemarlo, grazie !

    Reply
  • Matt Cutts c/o Google novello Platone.

    Nelle slide c’è tutto ciò che c’è da sapere; nel quotidiano, alias nella stragrande maggioranza dei casi, la “Seo” è davvero poco altro.

    Al limite si sarebbe potuto espandere il concetto di “reputation”, che è un tantino più profondo e complesso del mero numero di backlink.

    @ Alessandro Politanò: occhio all’intestazione H1 uguale su tutto il sito 😉

    Reply
  • Bene, da oggi posso iniziare a fare il Seo anche io, era ora 😀

    Avvolte mi viene da pensare se gli piace prendere per il cxxo le persone; ma invece di scrivere le solite storielle, perchè non iniziano a relazionare come si deve con chi gli permette di essere dove sono, e magari intervengono in situazioni più importanti, come alcune penalizzazioni che non hanno senso molte volte, e forniscono una motivazione dettagliata tecnicamente ?

    Reply

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

Google spiega le basi della SEO
Scroll to Top

Vuoi capire perchè il tuo sito non traffica?

REPORT SEO a soli 47€

anzichè 197€+iva
Giorni
Ore
Minuti
Secondi