Google spiega i link

Negli scorsi giorni, Google ha esposto (sulle colonne del Webmaster Central Blog) un approfondito “spiegone” sui link.

I vari post, riuniti sotto il cappello di Links Week, hanno toccato i 3 temi principali che girano intorno all’argomento (tanto caro, in tutti i sensi 🙂 , a SEO e webmaster):

  1. Internal Links
  2. Outbound Links
  3. Inbound Links

Proviamo a coglierne i punti salienti:

1. Link interni

  1. Le pagine più importanti del tuo sito devono stare a pochi click dalla home page
    Crea percorsi intuitivi per gli utenti e link facilmente scansionabili dai motori.
  2. Usa ancore descrittive
    La parole cliccabili all’interno del link aiutano motori e utenti e comprendere meglio i tuoi contenuti.
    Insomma, evita in tutti i modi ancore del tipo “clicca qui” 🙂
  3. Verifica che Googlebot riesca a trovare tutti i tuoi link interni
    Per far ciò, puoi farti aiutare dagli Strumenti per i webmaster di Google, sotto Link -> Pagine con link interni.

2. Link in uscita

  1. Outbound link pertinenti possono aiutare i tuoi visitatori
    Un link in uscita rilevante offre infatti un ottimo approfondimento all’utente, una sorta di “commento esterno” all’argomento di cui parli.
  2. Outbound link ben “ponderati” possono aiutare la tua credibilità
    Un link in uscita thoughtful mostra agli utenti che hai ben approfondito l’argomento, e che quindi sei competente in materia.
    Può inoltre aiutarti a costruire relazioni con altri webmaster e blogger (che, ricevendo visite a causa del link donato, possono venire a conoscenza del tuo sito/blog).
  3. Outbound link non monitorati (in particolar modo, quelli generati dagli utenti) e link pubblicitari a pagamento possono ridurre la credibilità del tuo sito
    Un eccessivo numero di link uscenti da una sola pagina può confondere il visitatore (Google ribadisce di non superare i 100 link per pagina).
    Link in uscita di cattiva qualità fan male alla tua credibilità e riducono la tua autorità agli occhi dei motori: viene ribadito il concetto di utilizzare il rel=”nofollow” sui link a pagamento, o comunque fare in modo che non passino PageRank.
    Dal punto di vista dei motori, un link ad un sito spammoso ti “avvicina” a tale risorsa: fai quindi in modo di sterilizzare i link “user generated” (come quelli nei commenti del tuo blog) tramite l’attributo rel=”nofollow”.

(Ecco invece cosa scrivevo io sui link in uscita, un annetto fa).

3. Link in entrata

  1. Come puoi fare in modo di ricevere più inbound link?
    Crea contenuti unici.
    Apri un blog e scrivi regolarmente post interessanti, insegna nuove cose, scopri notizie inedite, sii divertente, metti in luce le tue competenze, intervista personaggi del tuo settore ed evidenzia i loro lati interessanti: insomma, fai in modo che il tuo sito sia utile.
    Intervieni in altri blog e condividi le tue conoscenze con la community.
    Offri qualcosa di utile: se chi ti visita percepisce un valore in ciò che hai fornito, e più probabile che ti linki.
  2. Lavora per sviluppare il tuo business
    Negli Strumenti per i webmaster di Google, sotto Link -> Pagine con link esterni, puoi trovare un dettaglio di tutti i link che riceve ogni singola pagina del tuo sito.
    Studia attentamente chi e come ti linka: potresti scovare nuovi utenti interessati alla tua nicchia, ed allacciare relazioni con nuovi webmaster e nuove community (il che NON significa però che devi andare ad “accattonare” link a destra e a manca…).

(Anche sui link in entrata ho scritto qualcosa, 8 mesi fa).

Conclusione

Il fatto che Google abbia dedicato un intero “ciclo di post” ai link la dice lunga sul valore questi rivestono ancora oggi, a 2008 inoltrato.

Si parla spesso di web semantico e di Web 3.0, ma ad oggi il più importante motore di ricerca va avanti (più o meno) come quando è nato, poco più di 10 anni fa: a suon di link.

Oppure mi sbaglio? 🙂

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

11 Comments

  • Non ti sbagli affatto. 🙂
    La “settimana dei link” sul blog di Google è stata molto istruttiva per tutti, anche se a dire la verità mi sembra che non si sia detto niente di così speciale. Non credi?

  • Niente di particolarmente nuovo, in effetti.

    D’altra parte, al di là di Google, una “rete” senza “collegamenti” e “nodi” non è una rete.

  • Complimenti per la chiarezza.
    Se non ci sono problemi (citando fonte e link) mi permetto di riprenderlo nel nostro blog. Lo reputo interessante sopratutto perchè il blog è dedicato ad aziende (eroghiamo noleggio uffici) gestite da persone non giovanissime e da pochi anni avvicinatesi al web.Grazie

  • ciao, ho condiviso questo post su google reader, mi son accorto dopo del copyright.. si puo fare o lo tolgo??

  • @michele: se lo condividi via Google Reader non mi fai certamente un torto, vai tranquillo 🙂

  • Ciao Taglia,
    secondo me era già palese prima che uscisse questo “spiegone”.

    Il link è, ad oggi, il più importante fattore identificativo di un sito che linka e di un sito che è linkato.

    I motori di ricerca non hanno altro strumento per capire a fondo la struttura e l’importanza di un sito.

    Sfido chiunque a dimostrare il contrario.

    Cris.

  • proprio ieri pensavo proprio ai link…
    presente l’immagine che c’è su wikipedia nella pagina dove viene spiegato il pagerank?…zio G aveva inventato un po di tempo fa i social network! 😀

  • Ciao Taglia,penso che ricordare da parte di Google l’importanza dei link ma in modo particolare la loro contestualita’ sia sempre utile. Sebbene vi siano parecchie guide sul tema(anche io ho dedicato nel mio blog un post all’importanza dell’anchor text) e’ bene dare sempre una ripassatina al buon uso dei links. Il link selvaggio e fuori tema,oltre a non aiutare l’utente che ci legge non aiuta neanche il nostro posizionamento nei motori! Grazie per gli articoli che scrivi,sempre interessanti!

  • Come promesso: ufficiarredati.info/2008/10/dal-blog-taglia-blog.html (ometto http e www per non generare link) mi farebbe piacere se volessi aggiungere un tuo commento direttamente nel blog o una “pillola”. Grazie Gianluca

  • Il link è e sarà sempre il + importante collegamento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy