“Speed is King” (secondo Google)

Non vorrei dediarti anche oggi sull’ossessione che nutre Google nei confronti della velocità, ma stavolta a parlarne è Urs Hölzle, uno dei primissimi dipendenti di Big G e uno di quelli più coinvolti nello sviluppo dell’infrastruttura del colosso di Mountain View.

Nel pezzo di Hölzle trapela il suo chiodo fisso verso la velocità, pietra angolare – se non addirittura “Vangelo” – nell’ambito della filosofia di Google.

Hölzle afferma che “Fast is better than slow” è uno dei primi mantra di Google, insieme a “Speed isn’t just a feature, it’s THE feature”.

E per chi nutrisse ancora dei dubbi, ecco che snocciola 2 casi – simili a quelli già citati qui – che hanno ottenuto importanti benefici dal miglioramento della velocità del sito:

• Quando Edmunds – noto brand nel campo dell’automotive – ha ridotto i tempi di caricamento delle pagine di Insideline.com da 9 a 1,4 secondi, ha aumentato le revenue pubblicitarie del 3% e il numero di pagine visualizzate per sessione del 17%
• Quanto Shopzilla ha ridotto i tempi di caricamento delle pagine da 7 a 2 secondi, ha aumentato le revenue del 12% e il numero di pagine visualizzate per sessione del 25% (riducendo, inoltre, i costi hardware del 50%)

Ed altri 2 di come cattive performance possano invece creare seri problemi:

• Un ritardo di soli 400ms nel fornire la risposta ad una query, fa calare il volume delle ricerche di Google dello 0,44%
• Quattro utenti su cinque abbandonano la visione di un video, se questo si blocca durante il caricamento

In altre parole, con l’aumento della velocità aumenta l’engagement dell’utente, e con l’aumento dell’engagement aumentano click e conversioni: pensa che di recente Google ha ottimizzato addirittura i font per aumentare le sue performance.

Ma se nonostante tutti gli sforzi – inclusa magari l’adozione del Page Speed Service – hai un sito che rimane lento? Beh, consolati, visto che sei comunque in ottima compagnia: mediamente, infatti, una pagina web richiede ben 4,9 secondi per essere caricata…

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

5 Comments

  • Io sono veramente convinto che la velocità del sito è fondamentale per posizionarsi al top..ho fatto un sacco di test e vi assicuro che soltanto convertendo le immagini da .png a .jpeg e riducendone la pesantezza, sull’indice della ricerca per immagini sono letteralmente schizzate all’in su ed il sito, sempre ottimizzando per ricavare più velocità possibile, è avanzato di una misura ragguardevole..

    Bisognerà far segnare un bel 100 a tutti nostri siti!

    Qui lo speed test ufficiale!

    https://developers.google.com/pagespeed/

  • E’ vero che la velocità è importante ma è pur sempre uno dei tanti fattori da considerare per ottenere un buon posizionamento. Ovviamente, in situazioni dove i siti concorrenti hanno un peso simile, basta avere un maggiore spunto velocistico per ottenere un lusinghiero miglioramento nel posizionamento.

  • Più che aumentare la velocità di caricamento per incrementare il mio posizionamento SEO, personalmente lo faccio per i miei visitatori!

    Quante persone navigano il web con una tablet? Le loro connessioni sono già lente di partenza, e se gli faccio aspettare 10s per caricare la mia homepage potrebbero semplicemente stancarsi (ritengo che l’utilizzo internet su questi dispositivi sia molto più frenetica rispetto ad un normale utente PC).

    Se poi analiziamo la società che ci sta crescendo intorno ci accorgeremo che anche offline desideriamo avere tutto e subito! Quindi in mia opinione Google sta soltanto seguendo una caratteristica sociale che sta cambiando le nostre vite!

    Che male c’è in questo?

  • anche amazon.com ha fatto delle analisi rispetto alla velocità del loro sito e hanno scoperto che perdono una vendita per ogni 100ms di ritardo nel caricamento della pagina.

  • Tra i molteplici fattori che piacciono a Google, ora anche la velocità di caricamento delle pagine web.

    Cosa si inventerà nei prossimi anni Google per tenere a bada i milioni di siti web che nascono ogni anno e vogliono comparire in prima pagina??

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy