Google capisce meglio i sinonimi

Ciclicamente si torna a parlare della nascita di un “Google semantico” e di Knowledge Graph, insomma della strada che dovrebbe portare Google ad essere più intelligente e a fornirci risposte migliori e più pertinenti.

Un ulteriore passo in questa direzione è emerso frugando fra gli 86 ritocchi algoritmici che il motore ha operato fra Giugno e Luglio: ben 5 di questi, infatti, parlano di “sinonimi”.

Eccoli in dettaglio:

# 81933. [Nome in codice del progetto “Sinonimi”] Migliora l’uso dei sinonimi nelle query. Ora è meno probabile che Google mostri dei documenti dove il sinonimo ha un significato diverso rispetto al termine di ricerca originale.
gallium-2. [Nome in codice del progetto “Sinonimi”] Migliora i sinonimi all’interno dei concetti.
zinc-4. [Nome in codice del progetto “Sinonimi”] Migliora l’efficienza non calcolando, in certi casi, i sinonimi.
#82460. [Nome in codice del progetto “Snippet”] Con questa modifica Google utilizza i sinonimi per generare title più accurati nei risultati web.
# 81977. [Nome in codice del progetto “Sinonimi”] Aggiorna il sistema di sinonimi di Google rendendo meno probabile la restituzione di contenuti di tipo “adult” quando l’utente non li sta cercando.

Come fa notare giustamente Chris Crum su WebProNews, il risultato di queste nuove modifiche va nella direzione di slegare Google dalle keyword “secche”, in vista del prossimo passaggio “da strings a things”. Da parole chiave a “cose”, entità, relazioni.

Passaggio sul quale Amit Singhal torna a premere l’acceleratore: in un post di 2 settimane fa, ha infatti sottolineato che Google “sta costruendo il motore di ricerca del futuro, un piccolo passo alla volta”, annunciando il rilascio di Knowledge Graph in tutti i paesi anglofoni, nonché un miglioramento della ricerca vocale sui dispositivi Android per “meglio comprendere le tue intenzioni”.

E chiude l’articolo con questa frase: “Sono piccoli passi, ma importanti nella strada per costruire il motore di ricerca del futuro – molto più intelligente e utile di quanto non fosse solo pochi anni fa”.

Quanto ci vorrà ancora per un Google davvero “semantico”?

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

2 Comments

  • È l’ora del web semantico!? È tanto che se ne parla e adesso che i sinonimi sembrano davvero enfatizzati per mostrare le ricerche, dobbiamo ancora di più sforzarci di produrre testi sempre più “sfumati” per arricchire le “keyword alternative”.
    Dovremo valutare, durante la pianificazione, quando utilizziamo il tool per le keyword di Adwords, di inserire obbligatoriamente anche molti sinonimi!?

  • Le intenzioni di Google erano già chiare da tempo, già dall’ acquisto del motore di ricerca semantico Metaweb avvenuto un paio di anni fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy