Google Searchology 2009: ecco come cambia Google (e la SEO)

Son passati esattamente 2 anni da quando Google ha annunciato il concetto di Universal Search, e da allora le SERP del motore sono pian piano cambiate, includendo parecchi elementi esterni al trittico “title + snippet + URL”.

Con le nuove feature, presentate 2 giorni fa, le cose sono destinate ad evolvere nuovamente, andando a toccare (secondo alcuni) anche l’ambito SEO.

Vediamo le novità:

Premessa
Per ora le nuove funzioni sono visibili solo in Google.com. Pertanto, se vuoi veder comparire questo menu nella spalla sinistra del motore di ricerca

Le nuove opzioni di Google.com

devi entrare in Google.it, e quindi cliccare su Google.com in English.

All results
Sotto questo menu si trovano 3 opzioni:

  • Videos: limita la ricerca ai soli video contenuti in Google Video (e quindi non solo a quelli di YouTube)
  • Forums: limita la ricerca all’interno dei forum di discussione
  • Reviews: limita la ricerca solo all’interno di pagine che recensiscono prodotti/servizi

Any time
Restringe la ricerca all’interno di un preciso arco temporale (recente, un giorno, una settimana, un anno). Mentre si utilizza questo tipo di ricerca appare un’altra funzione, che consente di ordinare i risultati in base alla rilevanza o in base alla data.

Standard results
Sotto questo menu si trovano 2 opzioni:

  • Images from the page: mostra una SERP “tradizionale”, ma a fianco di ogni risultato inserisce una o due immagini presenti in quella pagina
  • More text: mostra una SERP con gli snippet estesi, in alcuni casi fino a sei righe

Standard view
Probabilmente è il menu più interessante per chi lavora nel mondo del search. Vi si trovano 3 opzioni:

    • Related searches: fa apparire in testa alla SERP un lungo elenco di risultati correlati (fino a 20)
    • Wonder Wheel: la mia preferita in assoluto. Mostra un cerchio con al centro la parola chiave e sui “rami” alcuni termini correlati:

La ruota delle meraviglie di Google :-)

E’ possibile “espandere” ogni singolo ramo cliccandoci sopra, in modo illimitato. Non è a livello di Quintura o simili, ma comunque si tratta di uno strumento semplice e veloce per navigare fra le chiavi correlate.

  • Timeline: mostra in testa alla SERP un grafico a barre che presenta visivamente quanto la keyword in questione viene citata.

Google Squared

Squared non fa parte delle feature già attivate (Matt Cutts dice infatti che verrà lanciato fra qualche giorno), ma sicuramente è fra le più interessanti. In Google Squared i dati sono incasellati in un formato spreadsheet, all’interno di unastruttura fatta di righe e colonne, un pò come la logica di Wolfram Alpha (che, guardacaso, vedrà la luce il prossimo 18 Maggio).

Conclusione
Rimango dell’idea che a Google manchino comunque due feature basilari: la ricerca in real time (e qui stanno migliorando parecchio) e quella all’interno delle conversazioni (e qui c’è molto da lavorare).

Se diamo retta alle recenti dichiarazioni di Schmidt (“Google was looking at ways to generate money from the surge of social networking activity on the Internet, as well as at ways of integrating microblogging capabilities, such as those popularized by Twitter, into its search product.” (fonte: Reuters)), potrebbe presto avverarsi quanto pensavo e scrivevo mesi fa… SERP simili a questa:

Twitter Search Results on Google

(ora ottenibili solo grazie ad uno script) potrebbero essere la norma 🙂

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

14 Comments

  • Grandissimo post, Tagliaerbe, ora si che le cose iniziano a diventare utilissime per il ricercatore di notizie ed elementi vari, facendo un’ulteriore passo in avanti e rendendo la ricerca tramite SERP più piacevole e funzionale. Ciao.

  • Sottoscrivo quanto detto da Omar. Sicuramente sono novità interessanti e positive.
    Attendiamo l’implementazione sul sito italiano.

  • Secondo me queste funzioni estrapolano molti dati dalle pagine, rendendo di fatto maggiore il tempo su Google, che diventerebbe più simile a una grande enciclopedia o a un grande dizionario diviso per keywords interattive, diciamo.

    Esempio: i maggiori estratti di testo. Ciò dovrebbe aumentare la percentuale di entrare nel sito giusto (a meno di non beccare l’informazione cercata direttamente dallo snippet), perché la porzione di testo fornisce un’idea più precisa di ciò che c’è dentro il sito.

    Dal punto di vista SEO potrebbe essere determinante nella misura in cui gli utenti imparano a usare la ricerca raffinata, che adesso è semplicemente immediata.

    Sarà più importante essere presente nei siti di recensioni di servizi o prodotti, piuttosto che sul web completo. Questo perché se cerco un prodotto normalmente potrebbe interessarmi la scheda o la recensione e se posso isolare le pagine, senza dover aggiungere la stringa “nokia n95 + recensioni” si è raffinata la ricerca, rendendola più comoda. Dal punto di vista SEO esser fuori dalle pagine “ristrette” è pregiudicante: basterà scrivere infatti “Nokia n95” per far apparire le schede e le recensioni. Mentre se lo scrivo nell’organico ottengo siti con forte brand…

  • Taglia, ci avrei scommesso che oggi avresti parlato di questo, e manco a farlo apposta io ho fatto lo stesso 😀

  • Ciao!
    Sono molto combattuto: tante possibilità di scelta per mia esperienza non aiutano l’utente base a giungere ad un risultato adeguato…ma spesso a xdere tempo.

    Dall’altra parte è un grande business x google e anche per noi miseri… 🙂

    Bho… Cosa dite? Mi sembra una discussione molto utile x il futuro…

    Marco

  • La wonder wheel e’ una figatona!!! Non tanto per l’effetto eye candy, ma per la ricerca delle keyword!

  • Sinceramente mi sembrano features troppo raffinate, che tolgono il gusto della ricerca.
    Quando Google giunse sul mercato fu apprezzato per la sua semplicità, più che per l’assoluta bontà dei risultati. Tutte queste aggiunte e questi filtri finiscono per distrarre l’utente dall’obbiettivo della ricerca, riempiono lo screen di link e contenuti correlati che hanno più valore nozionistico che di search. Da rivedere.

  • il gusto della ricerca è soggettivo, come la stracciatella 🙂 Questi sono strumenti per utenti avanzati!

  • Io non credo che il successo di Google sia determinato soprattutto dagli utenti avanzati, anzi. Se uno strumento è utile, probabilmente avrà successo: questi sinceramente mi sembrano assai superflui.
    P.S. Io adoro la stracciatella 🙂

  • Quot Piotto, amico di Bareggio 😉 !
    Ecco che Google diventa un supermercato, un bello scaffale dove ti vien sempre voglia di prendere tutto…

    Finalmente c’è qualche probabilità in + di avere 1/2 concorrente…. Chi?

    Non è difficult immaginarlo … 😉

    Marco

  • molto bello il wonder wheel.
    Però condivido che le modifiche non mi sembrano adatte alla massa. Sicuramente ok la ricerca nei forum o video, forse anche quella temporale. Il resto mi sembra di nicchia

  • ehm… vado controcorrente, ma ho il dubbio anche io su tutto ciò.
    Le funzioni funzioneranno, ci saranno, qualcuno le userà, ma poi bisognerà vedere quanti. Non credo molti, perché la gente già ora tende ad usare quasi nulla di quello che c’è e sono cose facili da capire. Chissà dopo.

    Vorrei ricordare che per 1 webmarkettato come noi, ci sono 10 mila operai che hanno ben altro da fare che istruirsi su come usare Google ed una interfaccia con 10 opzioni 🙂

  • Quoto fradefra, mi sa che Google l’ha fatto per noi che abbiam sempre la testa sul Web 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy