Google preferisce l’ALT al TITLE (per le immagini)?

Devo ammettere di essere fra quelli che han sempre utilizzato l’attributo ALT e ben poco il TITLE; qui sotto cercherò comunque di spiegare la sottile differenza che intercorre fra i due (sperando di non scrivere qualche castroneria… se lo faccio, perdonatemi e correggetemi 🙂 ).

ALT
Fornisce un testo alternativo all’immagine quando questa, per qualsiasi motivo, non può essere visualizzata: può essere utile per chi (ad esempio) utilizza browser testuali, o per fornire ulteriore contenuto da indicizzare allo spider del motore di ricerca.

TITLE
Se passi il puntatore del mouse su di una immagine, utilizzando come browser Internet Explorer, ti viene mostrato il testo contenuto in ALT=””.
Se però utilizzi Firefox o Opera non vedi il contenuto di ALT, ma solo quello di TITLE (alcuni consigliano infatti di utilizzare entrambi gli attributi).

TITLE può essere quindi considerato un attributo atto a visualizzare un tooltip, ma circa la sua rilevanza (a livello di posizionamento) in molti sono scettici.
E nel recente thread “images and seo” su Google Groups, un rappresentante di Google (tale Reid) sembra aver dato indicazioni atte a “favorire” l’uso di ALT:

“Googlebot generally concentrates on the information provided in the alt attribute” dice il googler,

Un piccolo dubbio, però, rimane: nell’update appena aggiunto in coda a questo vecchio post sul Google Webmaster Central Blog, si dice: “Feel free to supplement the “alt” attribute with “title” and other attributes if they provide value to your users!”

Che fare? usiamo solo ALT, o teniamo anche il TITLE? 🙂

Fonte: Google Prefers Alt Attribute in Images

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

14 Comments

  • Anche IE dalla versione 6 nasconde il testo dell’alt tag in favore del title. Ne consegue che i browser sono ora – almeno sotto questo profilo – omogenei.

    Che fare? Lo guardiamo da un punto di vista puritano? Allora scriviamo il tasto alt, non solo per dare valore ai nostri utenti. Infatti a meno che l’immagine non esista più o sia stata fornito un percorso errato, difficilmente questo tag sarà utile.
    Browser testuali, quanti li usano? Io si, ma solo per fare delle prove per vedere come la mia pagina ha gli elementi distribuiti nell’insieme e, a parte un raro caso di una biblioteca a Miami nel 1997, non ho mai visto nessuno usare browser testuali con costanza.
    Diverso è il concetto di accessibilità. I text-reader, quando leggono l’html, leggeranno il contenuto dell’immagine tramite questo tag.

    Se guardiamo il tutto sotto un profilo di user experience, quindi dare infromazioni agli utenti, allora si, usiamo il tag title.

    Nell’incertezza, ma anche nella completezza, meglio usarli entrambe.

  • Si può rischiare la sovraottimizzazione. Se però sei così abile da distribuire bene il “contenuto” e non esageri, la cosa può passare liscia.

  • Ho sempre usato entrambi.. ALT per fornire un testo alternativo e “sopratutto” per una migliore lettura per googlebot, e TITLE per fornire una descrizione al contenuto..poi non so se per le immagini abbia un valore per lo spider, ma, per quanto ne so, per Google è molto importante metterlo nei link..

  • Il secondo link proposto da Jhonnie non è direttamente correlato. Per dirla tutta il W3C non supporta direttamente – allo stato attuale – il tag title per le immagini. Che poi l’html lo accetti e che sia possibile definirlo è un altro discorso.

  • @SEO in Abruzzo: Come non è correlato? Di cosa stiamo parlando? Dall’attributo TITLE giusto? 🙂 Quello che hai letto vorrà dire qualcosa…

  • @Johnnie
    Che ho letto?!? … Forse mi sono espresso male. Anzi … rileggendo, mi sono veramente espresso male.
    Intendevo che il tag title non è direttamente correlato nel senso che non è uno tra i cosiddetti required tag, a differenza del tag alt.

  • Il tag alt è obbligatorio, il title è facoltativo. Per immagini rilevanti ai fini del contenuto della pagina usare entrambi è buona norma, considerando anche che gli ultimi screen reader danno la precedenza al title se presenti entrambi.

    Quando è presente anche un link, in genere è meglio mettere il title su di esso e lasciare solo l’alt sull’immagine.

  • Io uso sempre per descrivere le immagini, per descrivere la pagina di destinazione.

    In caso di immagini linkate… vado a fantasia! 🙂
    (ma non metto entrambi per non incorrere in over optimization)

  • Opps… mi si è mangiato i nomi dei tag!
    intendevo dire in ordine: ALT e TITLE

    Davide, se vuoi, integra i miei 2 interventi.
    Grazie.

  • Io mi attengo alla seguente linea:
    – ALT per le immagini che non hanno il link
    – ALT e Title per le immagini che hanno link. Ovviamente diversi. L’ALT spiega cosa c’è nell’immagine (dato che questo era il senso originale della clausola), il Title spiega cosa si troverà alla pagina indicata. Ovviamente so che non tutti i browser visualizzano uno, l’altro o nessuno. Io mi attengo ai criteri progettuali iniziali. Poi si vedrà.

  • Mi sta simpatico questo fradefra 🙂 (concordo)

  • [OT]
    @Maneiro
    … e passa da Vicenza una volta, che ci beviamo ‘sto aperitivo 🙂
    [/ot]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy