Google+ Sparks: “Spunti” per la SEO

Una delle molte funzioni contenute in Google+ prende il nome di Sparks (in italiano, “Spunti”).

Sparks ti permette di creare “feed che davvero ti interessano e condividerli con i tuoi amici”, ma anziché inserire gli URL dei singoli siti di tuo interesse in un feed reader (come fai, ad esempio, con Google Reader) basta scrivere il macro argomento di tuo interesse in un box si ricerca e sarà Sparks a creare uno stream di contenuti attorno a quel tema, contenuti (ovviamente) condivisibili con i tuoi contatti Google+.

Nella guida ufficiale di Sparks non si dice granché su come questi contenuti vengano scelti e quindi proposti da Google dentro gli “Spunti”. Barry Schwartz di Search Engine Roundtable ha quindi provato a porre la domanda proprio attraverso Google+, ottenendo da DeWitt Clinton (Technical Lead Manager di Google) una risposta che suona più o meno così:

“Si tratta di nuovi algoritmi applicati ad un nuovo “corpus”. Sono ancora molto fluidi e necessitano di ulteriori ampliamenti e messe a punto. Sono sicuro che verrà fatta una presentazione tecnica circa la tecnologia che sta dietro a Sparks, ma per ora siamo ancora agli inizi: tenete d’occhio questa discussione.”

Lo stesso Schwartz ha ipotizzato un legame fra l’algoritmo di Google News e quello di Sparks, anche se i risultati dei 2 non sono a dire il vero sovrapponibili: una ipotesi potrebbe essere quella che i siti già presenti in Google News possano godere di un piccolo vantaggio nei confronti di quelli non presenti, ma da alcuni test effettuati non ho trovato conferme.

Di certo Sparks sembra prediligere contenuti piuttosto freschi (ergo è difficile che un “sito statico” emerga dallo stream), anche se l’ordinamento dei risultati è ancora parecchio approssimativo (per diverse query i siti in lingua inglese sovrastano di gran lunga quelli in italiano, e la qualità delle SERP è assai discutibile).

Come sarà dunque la SEO per Google Sparks? gli “Spunti” saranno la nuova frontiera per chi si occupa di posizionamento? ma soprattutto Sparks sarà in grado di veicolare traffico/utenti almeno quanto Facebook?

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

3 Comments

  • Gli spunti (anche se “sparks” suona più.. smart) saranno sicuramente ulteriore materiale per i SEO 😉

    Attualmente però, mi pare sia abbastanza improbabile lavorarci su, mi sa che sono ancora a una versione di sviluppo pre-beta, dato i risultati che restituisce, ma è un’interessante intuizione.

    Una mini-SERP per macroargomenti dedicata agli utenti di Google Plus.

    Di conseguenza, se avrà successo il +, ci spaccheremo la testa su questa novità, altrimenti rimarrà un bello spunto, appunto, ma senza essere concretizzato a rete e sulla Rete 😉

  • Sarebbe bello provarlo. Quando aprono le iscrizioni?

    Buona giornata a tutti

  • Sparks è un mix (abbastanza stupido secondo me) di risultati tra Google News e Google Blog 😉 provare per credere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy