Top Heavy Update: Google penalizza i troppi banner!

Due mesi fa avevo pubblicato un elenco di consigli su come posizionare i banner nell’era del Google Panda.

Sembrava infatti che l’eccesso di banner above the fold fosse strettamente legato al Panda Update: moltissimi siti con parecchi annunci pubblicitari nella parte alta della pagina, quella immediatamente visibile quando si apre il browser, avevano notato un notevole calo di posizioni nelle SERP a seguito dell’introduzione del Panda.

E invece Matt Cutts, 4 giorni fa, ha annunciato il lancio di una nuova modifica algoritmica di Google che riguarda proprio il layout delle pagine web e la quantità di contenuti, in rapporto a quella dei banner, che compaiono sulla pagina quando si clicca su un risultato presente sul motore di ricerca: all’aggiornamento è stato dato il nome di Top Heavy Update.

Cutts afferma che i siti che non hanno molti contenuti above the fold potranno essere colpiti dal nuovo cambiamento: non verranno colpiti siti che hanno un livello normale di annunci nella parte superiore della pagina, ma solo quelli con annunci in eccesso, o dove è difficile identificare subito i contenuti (magari perché spinti verso il basso da troppi banner).

Sempre secondo Cutts la modifica non è poi così impattante, visto che toccherà meno dell’1% delle ricerche, e pertanto potrebbe quasi passare inosservata.

Ai penalizzati viene suggerito, ovviamente, di modificare il layout delle pagine

e di attendere che il crawler scansioni nuovamente tutto il sito: pare dunque che il page layout algorithm sia un algoritmo senza alcun contributo manuale, e se viene ripristinato il giusto rapporto fra contenuti e pubblicità è possibile uscirne senza danni.

OK, ma qual’è questo rapporto? Che percentuale devono avere i contenuti rispetto ai banner? Purtroppo Matt Cutts non ne parla, e come spesso accade rimane sul vago.

Possiamo però trovare una risposta, oltre che con il buon senso, in a questo vecchio articolo di Search Engine Watch: nel pezzo di Adam Audette si fa infatti riferimento ad uno scambio di email intercorso fra tale Andrew Hansen e il quality team di Google AdWords, che offre questo suggerimento: “The site is considered compliant if the area of ads is less than or equal to the area of content.”

In buona sostanza, nell’area visibile above the fold, gli annunci pubblicitari NON devono essere superiori al 50% dei contenuti.

E qualcuno ha già notato che Google predica bene ma razzola male…

Eccesso di annunci pubblicitari su Google

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

17 Comments

  • Beh, il tentativo di porre un limite a qui siti (e sono tanti) che la prima cosa che ti sbattono in faccia è una miriade di link sponsoriazzati credo che sia cosa buona e giusta.

    L’incoerenza e il doppiopesismo di Google, per contro, non è più una novità…

  • Taglia, secondo me l’ultima immagine è un po’ forviante e realizzata per altri scopi. In questo caso, anche i risultati local andrebbero considerati come di “contenuto”.

  • Io ho notato già mesi fa che i banner, anche se non toglievano il contenuto above the fold, uccidevano il traffico organico del sito. Per questo li ho tolti: perdere visitatori per qualche centesimo al giorno non ne vale la pena!

  • Beh per google i risultati “locali” sono contenuto utile all’utente… comunque in alcuni ambiti sono veramente “invadenti” anche nelle SERP i contenuti a pagamento…

  • Penalizzazioni a parte è evidente che un eccesso di banner pubblicitari “infastidisca” i visitatori…

  • E’ tutto logico quanto detto, pero’ mi chiedo due cose: la prima gia’ detta prima ovviamente, e’ il fatto che google nelle SERP dedica sempre piu spazio a chi paga, con gli snippet sara’ ancora peggio, e con la diffusione di computer portatili, per molte key, alcuni monitor mostrano solo il primo risultato organico.

    La seconda e’ la incoerenza nel dire da un lato: di non usare banner above the fold, o comunque in forma troppa aggressiva prescroll, dall’altro lato, invece, quello di adsense, viene comunicato esattamente il contrario al fine di massimizzare le entrate.

    A chi credere dunque?

  • Io ho la soluzione per lasciare tutti gli annunci above the fold senza spingere troppo in basso i contenuti, così è contento il Panda e il webmaster. Semplicemente basta prendere in mano lo schermo del PC e capovolgerlo verticalmente! 😉

  • Ma io direi anche basta con le sortite estemporanee di Matt Cutts o chi di turno.

    Questi ti fanno prima girare come un criceto sulla ruota, poi ti rompono la ruota per farti reggere una palla col naso, poi ti bucano il pallone… e poi devi di nuovo girare sulla ruota come i criceti.

    Qui bisogna prendere una decisione a priori: chi deve controllare i meccanismi di monetizzazione? Google o noi visto che siamo i proprietari dei nostri blog? Sono stato colpito da Panda ma sono caduto in piedi perchè già da tempo avevo investito in un altro progetto.

    Chiedo venia per lo sfogo ma proprio non mi potevo trattenere….

    Daniele

  • Come sempre si tratta di trovare il giusto compromesso. La priorità di Google è quella di ridurre il numero di siti realizzati con il solo scopo di far soldi con AdSense. Questo è lecito e corretto nei confornti degli utenti del motore di ricerca.

  • Caso limite: http://www.ideageek.it utilizza solo adsense, ha un solo banner nella parte superiore. L’immagine iniziale dei singoli post potrebbe rivelarsi fuorviante?

  • Grazie Taglia per aver condiviso con noi questo nuovo algoritmo! Sinceramente è una pratica che ritengo etica, quante volte siete saltati dalla home di un sito all’interno di un suo articolo per scoprire che sotto allo stesso c’era semplicemente un bell’ad di AdSense che era stato stilizzato per rispettare la struttura tipografica e dei colori dei titoli e dei link presenti su quel sito?

    Dove è il primo paragrafo che mi introduce all’articolo? Dov’é la cura che il realizzatore dell’articolo avrebbe tovuto utilizzare?

    Magari sotto a questi link si trovano contenuti ben fatti e strutturati, ma non lo saprò mai! Quando mi trovo di fronte a certe pagine, chiudo.

  • Posso chiedere se qualcuno sa se questa novità è già attiva e nel caso se lo sia anche per la versione italiana? Grazie.

  • Mi stavo chiedendo la stessa cosa di Gianni.Visto che all’inizio dei miei articoli c’è sempre un’immagine abbastanza grande e si vede questa e non il testo senza fare scroll, è possibile che google la interpreti male e penalizzi?

  • Solo per segnalarvi che oggi, 9 Ottobre 2012, Matt Cutts ha annunciato che il “Page Layout Update” (ovvero questo nuovo ritocco algoritmico che penalizza i troppi banner above the fold) è finalmente entrato in azione, colpendo circa lo 0,7% delle query anglofone: http://twitter.com/mattcutts/status/255737483566927872

    A questo punto credo si tratti di una “versione 2” dell’algoritmo, visto che nell’annuncio di Gennaio si parlava di un 1% di ricerche globali colpite…

  • …il “bello” è che a me arrivavano email dal team di Adsense consigliandomi di migliorare i rendimenti inserendo più annunci above the fold!! 🙁

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy