Google penalizza le paid link directory?

Almeno 60 note directory, che vendevano link, sono state penalizzate (si ipotizza manualmente) da Google, che le ha di fatto eliminate dai propri indici.
Cercando direttamente i nomi delle directory, (fra le quali):

  • Aviva
  • Alive
  • Big Web Links
  • ewebpages
  • Directory Dump
  • Elegant Directory
  • Biz-Dir

non è infatti possibile trovarle fra i risultati del popolare motore di ricerca.
Secondo David Eaves, che gestisce una di queste directory (Biz-Dir), l’estromissione dagli indici potrebbe essere stata causata da uno “spam report”, inviato a Google da un concorrente che voleva togliere di mezzo qualche directory rivale.
In questi venti minuti di intervista in MP3, David precisa che per Biz-Dir ha sempre puntato su siti di qualità e descrizioni originali, ammettendo tuttavia di comprare (anche se forse avrebbe dovuto dire vendere?) link, che considera una legittima forma di advertising.
Eaves afferma comunque di non aver mai ricevuto da Google un avviso di penalizzazione, ed ora sta considerando l’eliminazione dei paid link per provare ad essere reindicizzato.

C’è un pò di confusione…

Francamente, non si riesce a capire se la penalizzazione è dovuta:

  • all’acquisto di link per far crescere artificiosamente il rank della directory (Biz-Dir ha un bel PR6);
  • alla vendita di link ai webmaster che vogliono essere inclusi nella directory (Biz-Dir è infatti una directory esclusivamente a pagamento);
  • a cause di tutt’altro genere, non dipendenti dalla vendita o dall’acquisto di link (secondo Search Engine Roundtable, si tratta di un nuovo algoritmo).

Come deve essere una buona directory

In questo post su DigitalPoint (nel quale, tra le altre cose, si precisa che per il prossimo aggiornamento del PageRank ci vorranno ancora almeno un paio di settimane), Matt Cutts interviene sul ruolo delle directory, spiegando quali devono essere le 3 domande da porsi quando si sottopone il proprio sito ad una directory:

  1. La directory rifiuta alcuni URL? se tutti i link sono approvati, la directory rischia di diventare un semplice elenco di indirizzi, un “free-for-all link site”.
  2. Qual’è il livello di qualità degli URL della directory? Supponiamo che il 25% dei link siano eliminati, ma che il restante 75% sia costituito da siti di bassa qualità o (peggio) spammosi. Questo non giova sicuramente alla qualità della directory.
  3. Se si tratta di una directory a pagamento, qual’è lo scopo della quota d’iscrizione? per una directory di alta qualità, tale costo dovrebbe servire a coprire principalmente il tempo e lo sforzo di chi si occupa di fare una valutazione autentica e sincera del sito.

Quest’ultimo punto sembra quasi scagionare le paid link directory… anche se, di fatto, 60 di queste sono sparite da Google, senza un perchè.

Fonte: Is Google Hitting Directory Links?

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

One Comment

  • Il fatto è che adesso si sta scatenando il panico e tutti corrono a chiedere la cancellazione dalle directory senza nemmeno aver capito se li penalizza. Non so come gestire il problema, mi fioccano richieste di rimozione ma non mi sanno nemmeno dare spiegazioni. Seo improvvisati.
    Da parte mia ho sempre rispettato le regole sopra, anzi di più perche i siti prima di essere pubblicati vengono davvero recensiti. Non chiedo ne soldi nè scambio link obbligatorio. Mah…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy