Google One Pass, gli editori potranno vendere i contenuti!

A seguito dell’annuncio di ieri circa la nascita di Google One Pass, in molti hanno pensato fosse banalmente la pronta risposta di Google al nuovo servizio di Subscription di Apple, del quale è uscito il comunicato stampa proprio 3 giorni fa.

In realtà One Pass mi sembra sia semplicemente il nuovo nome di Newspass, servizio del quale si parla ormai da ben 7 mesi e che a brevissimo vedremo diffondersi anche in Italia (oltre che in Canada, Francia, Germania, Spagna, Gran Bretagna e Stati Uniti).

Le FAQ di Google One Pass parlano di un sistema che permette all’editore di vendere i propri contenuti, scegliendo sia il prezzo che la tipologia di abbonamento: è infatti possibile vendere il singolo articolo, offrire abbonamenti mensili o anche formule “a pacchetto”.

Google lo vede come un nuovo canale per generare entrate, da affiancare a quelli già esistenti (=advertising), e che consente di monetizzare “notizie di altà qualità” (in un’altra pagina del sito vengono proprio chiamate “News Premium”).

La gestione dei pagamenti è (ovviamente) affidata a Google Checkout, e stando a quanto dichiarato da Eric Schmidt “l’intenzione di Google è che i publisher possano tenersi tutti i soldi. Una quota del 10% potrebbe coprire i costi” (lasciando così intendere che all’editore potrebbe rimanere in tasca il 90% del prezzo praticato).

E’ bene precisare che Google One Pass non è aperto a tutti, ma è attualmente limitato a pochi publisher (che possono chiedere l’adesione tramite questo form): solo il tempo decreterà il flop o il successo della formula, ma di certo il fatto che 2 colossi come Google e Apple siano scesi in campo, contemporaneamente, con un modello finalmente alternativo a quello pubblicitario, è un segnale molto forte, che gli editori (ma anche i lettori…) dovranno valutare con grande attenzione.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

7 Comments

  • Ben vengano sitemi per guadagnare.

    Non mi è chiaro come Google gestirà le richieste e le cifre da pagare agli autori

  • L’unico vero problema sarà che i contenuti di alta qualità non saranno raggiungibili da motori di ricerca 🙂

  • Molto interessante la considerazione di lube12

    Chissà quale sarà la soluzione!

  • Ma secondo me le cose prenderanno una piega tale che sarà interesse delle testate vendere attraverso google che è sempre in grado di interessare una platea maggiore di possibili clienti.

  • molto piu’ interessante di quello offerto da apple dato che si passa dal 30% al 10% per pagare il servizio

  • Non soltanto la percentuale dell 30% dell’appstore è un vero furto che a mio avviso avrebbe dovuto scoraggiare, ma anche la tassa di 100 euro solo per poter provare a sviluppare su iphone o ipad mi sembra uno scandalo… google si dimostra come sempre un’azienda molto più attenta ai contenuti che non alla forma…

  • come si piazzerà questo servizio nei confronti di Google News? Personalmente non sono mai stato attratto dal leggere online un singolo giornale.

    Google news è trasversale e mi consente di leggere da varie fonti una stessa notizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy