Google non indicizza più i nuovi post?

A partire da venerdì (e per tutto il weekend) ho ricevuto alcune email e messaggini del tipo “i post che ho pubblicato sul mio blog non vengono più indicizzati!”, “da qualche giorno non trovo più i miei articoli in Google!” e via discorrendo.

Inizialmente pareva un problema esclusivo di Blogger/Blogspot, la popolare piattaforma di blog di Google, ma col passare delle ore è emerso che anche altri illustrissimi siti sono stati colpiti dal fastidioso bug.

Niente panico però: da domenica la cosa sembra stia rientrando, almeno stando a questo tweet di Matt Cutts:

Google sta tornando ad indicizzare...


Avvertendo trapelare la disperazione in molte delle missive ricevute, mi preme dare qualche consiglio sempre valido in queste situazioni:

1. Continua come se nulla fosse

Se sei certo di non aver infranto le “regole di Google“, non toccare nulla! Una classica reazione “da panico” è quella di iniziare a mettere mano a cose che fino a quel momento han funzionato perfettamente: se non vuoi compromettere ulteriormente la situazione, evita reazioni impulsive e passa al punto 2.

2. Cerca info sui “soliti siti” (e ora anche sui social)

Spesso altri avranno già evidenziato il problema su Google Webmaster Central Forum (o magari su Twitter). Se nessuno l’ha fatto, fallo tu esponendo tutti i dettagli (in inglese). Se non sei ferrato con l’inglese, prova a postare nell’area Consigli SEO e Penalizzazioni del Forum GT. Se noti che il problema è comune, tranquillizzati: sicuramente verrà risolto in tempi brevi.

Nel caso specifico, JohnMu (di Google) è intervenuto in questo lungo thread per spiegare i motivi del bug:

“Da subito mi sono messo in contatto con i team che si occupano di indicizzazione e diagnostica – stiamo prendendo sul serio il problema e faremo il necessario per risolverlo quanto prima possibile. Amiamo mandare traffico al tuo sito velocemente, non appena hai pubblicato qualcosa 🙂
Giusto per essere chiari, i problemi evidenziati in questo thread (problemi che ho esaminato in dettaglio) non sono dovuti a cambiamenti nelle nostre policy o negli algoritmi; sono dovuti ad un problema tecnico lato nostro, che verrà risolto quanto prima possibile (ci vorranno un paio di giorni perché sia sistemato su tutti i siti). Non hai bisogno di cambiare nulla sul tuo sito, e continueremo a scansionare e indicizzare i tuoi contenuti (forse non così velocemente in questo momento, ma speriamo che la cosa si risolva a breve per tutti i siti). Raccomando di non effettuare cambiamenti significativi ora (a meno che tu non abbia altri problemi sul tuo sito), in quanto potrebbero causare altri problemi una volta che risolveremo il bug lato nostro.”

Infine, poche ore fa, la conferma definitiva:

“Il problema dovrebbe essere stato risolto. Potranno essere necessari uno o due giorni per fare in modo che tutti i vecchi contenuti siano indicizzati, ma i nuovi sono indicizzati normalmente. Se riscontri ancora problemi è probabile che si tratti di un problema diverso, e ti raccomando i postare i dettagli della tua richiesta d’aiuto sul nostro forum.”

Tutto chiaro?

3. Diversifica le fonti di traffico

Diretto, da siti referenti… non solo dai motori di ricerca!
Troppi siti dipendono per i 3/4 (o più) delle visite da Google, e quando quella fonte viene a mancare son dolori. Punta a fidelizzare gli utenti e lavora con i social network, e potrai differenziare le sorgenti di traffico, come ho fatto io:

Fonti di traffico del TagliaBlog

Sedersi su una sedia con 4 gambe è meglio che sedersi su una con una gamba sola… o no? 🙂

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

24 Comments

  • Erano giorni che il povero @rudybandiera si tormentava per i suoi ultimi post non indicizzati. La tua frase della sedia non fa una piega, ma se la sedia fosse fatta solo da motori, sarebbe bello che ci fossero almeno altri 2-3 competitor.

    L’immagine che linko sono i referer search engine del mio blog, nell’ultimo mese:
    http://awesomescreenshot.com/0d82ssucc

    #sapevatelo

  • si vabbe peccato però che della sedia con 4 gambe si rompe quella più grossa, la sedia casca lo stesso e ti fai male

    Si può fare quello che ti pare, per ora senza Google un sito diverrebbe roba tra amici.

  • Fine della paura. Erano 3 giorni che mi tormentavo (il lato positivo è che ho apportato piccole migliorie che mi trascinavo da troppo tempo). Adesso sono proprio curioso di vedere tra un paio di giorni cosa succede.

  • Ah ecco, ho riscontrato anche io il problema. Una volta Google mi indicizzò un sito su un dominio di terzo livello che conoscevo solo io, e in questi giorni invece sta facendo fatica con i nuovi siti che sto creando.

  • E’ successo anche a me, per il blog che si vede in firma (come dice giustamente @merlinox) ed adesso è tornato tutto alla normalità.
    Personalmente non ho notato alcuna differenza nel numero delle visite grazie alla “coda lunga” ma la cosa che ho notato è antropologica: alcuni personaggi bizzarri, che poi sono spariti, mi hanno insolentito dicendo che mi dovrei vergognare e non fare il consulente informatico se succede che ho un problema e devo chiedere aiuto per risolverlo oppure non so come fare.
    Il punto è che io sono uno di quelli convinti che Internet abbia un unico e grande scopo, ovvero la condivisione.
    I miei step nei giorni scorsi sono stati trovare un problema del quale non conoscevo la soluzione, chiedere a chi ne sa più di me (ho interpellato molta gente tra cui alcuni dei maggiori esperti del settore… e anche quello che ha scritto questo post 🙂 ) ed infine, quando non ne venivo fuori, ho usato la rete per il suo vero scopo, ovvero condividere e imparare.
    Ho scritto nel forum di Google una domanda precisa e ben articolata ed ho fatto un post qua per chiedere aiuto, con il mio solito tono ironico e per nulla allarmato o allarmistico.
    Mi occupo di Seo, certo, ma non sono assolutamente un guru e non mi devo vergognare se qualcosa nell’ambito Seo mi sfugge, siamo qua tutti per imparare anche dagli altri e condividere quello che a nostra volta sappiamo.
    Tutto qua: alla fine dal punto di vista tecnico niente ne di grave ne di importante ma dal punto di vista umano mi ha fatto trovare sia persone che mi hanno aiutato sia persone che mi hanno insolentito solo per il fatto che mi sono azzardato a chiedere.
    Curiosa la Mamma Rete eh 😉

  • Non per tutti i siti è possibile una sedia a 4 zampe, poi dipende anche dalle qualità di ciascuno: c’è chi è bravo la SEO, chi con i social media, chi con entrambi.

    Così da anni continuo a stare in equilibrio su una sedia ad una gamba, e se cado cambierò mestiere.

  • Anch’io mi ero impanicato abbastanza, pensando chissà cosa ho sbagliato o cambiato senza accorgermene…. Il mio post di venerdì non è ancora indicizzato, ma ora sono più tranquillo 🙂 Grazie mille!

  • In contemporanea sono calate drasticamente le visite a diversi siti !!
    Sono in tanti a lamentarsi.
    Sicuramente c’è stato qualche cambiamento in GOOGLE, da vedere cosa succede….

  • Confermo, stesso problema ma risolto ieri mattina, non mi ero informato tanto quindi credevo che fossi stato io a far Inca**are Google 🙂 Grazie per la dritta.

  • Problema risolto…da stamattina google mi indicizza un post dopo 30 secondi netti dalla pubblicazione. Il primo punto segnalato da taglia è il più importante…don’t panic!!!

  • Ah ecco questo post conferma quello che stavo vedendo su diversi blog che curo, dove l’indicizzazione veniva appunto dopo 30 secondi come dice pecciola…

    Grazie per il post!

  • Oh mio Dio. Avevo nascosto il mio blog WordPress self hosted ai motori di ricerca intanto che producevo i contenuti. L’ho rimesso visibile proprio settimana scorsa. Ho inviato la sitemap, controllato robots.txt e altre varie attività e continuava a non indicizzare nulla. Adesso forse ho capito perchè…

  • Grazissime come sempre! Il problema è che è davvero difficile diversificare le fonti di provenienza! Almeno che non hai un grande nome e gli utenti tornano direttamente 🙂

    In ogni modo non ho avuto problemi di questo tipo fortunatamente!

    krikko

  • Immaginavo fosse una cosa del genere, anche a me è successo, sia con un post del mio blog sia con il sito per il contest seo instantempo.
    Aspettiamo e vediamo 🙂
    Ciao e grazie della conferma
    Enea

  • Per esempio io sono un utente che legge il tagliablog quasi sempre via feed, perchè lo trovo più pratico e più veloce. Comunque la legge della sedia mi sembra perfetta. Complimenti Davide, ci regali sempre ottimi articoli.

  • Ah ecco…il problema dunque era condiviso, buono a sapersi, per fortuna ultimamente la mia frequenza di post non è così elevata…

  • Beh ma tu Davide – in un certo senso – ti sei sempre messo a vento da questo problema… Tu hai scelto la “regolarità” che è quella che paga di più… I tuoi post sono sempre pubblicati alla stessa ora con un delay di 3 minuti l’uno dall’altro che reinizia in un loop infinito. Tu pubblichi i tuoi post in una fascia di orario che non è importante se vengano poi indicizzati dopo pochi minuti: gli spider sanno quando venirti a trovare, ammesso che vista la tua autorevolezza non abitino proprio a casa tua! Questo potrebbe essere di per sè un toccasana verso qualsiasi bug (anche di Google)

  • @ Rudy Bandiera

    Non ti preoccupare, siamo italiani.

    E come tali pensiamo che se uno é bravo, lo deve essere in tutto.

    Pensa che facevo un giornale e scrivevo qualche articolo; dicono che sono un giornalista, cosa che non è vera, non sono iscritto all’ordine, in ogni caso adesso devo per forza sapere tutte le notizie in anticipo senza che nessuno me le dica e devo sapere tutto sulla cultura, tanto per capirci devo sapere per forza perché Spoleto è importante.

    È come chiedere ad un Nobel della chimica cosa ne pensa della politica internazionale, il Nobel della chimica può essere un genio sulla chimica, ma sulla politica è un comune mortale come noi.

    Questa è l’Italia, che piaccia o meno.

    Lo stesso problema succede se uno inserisce un sito su SEGNALO di ALICE?

  • Uhmmmm… Qualcosa non quadra. Ad oggi ancora nessun movimento sui nuovi post (sono ancora tutti out da google). Dopodomani inizierò a preoccuparmi 🙁

  • Per quanto mi riguarda l’unico post di sett. scorsa che mancava all’appello è stato indicizzato stanotte

  • @>>>> Francesco Martino non voglio fare la vittima, per carità, il mio lavoro ce l’ho e siamo ok, ma è davvero curioso tutto questo: io sono un giornalista (non è un vanto, lo so) ma alcuni mi dicono che non so scrivere, mi occupo di SEO, ma alcuni dicono che non so fare, faccio social media marketing e contenuti per un sacco di siti, ma alcuni mi dicono che non so fare.
    Insomma, sono così cretino che faccio ESATTAMENTE le cose che non so fare 😀
    Stavo tanto bene quando ero in fabbrica, ci torno quasi quasi

  • Dai non scherziamo, la gente ormai non inserisce nemmeno più l’url del sito nella barra indirizzi. digita direttamente l’url del sito nel form di ricerca di google…
    Ormai è impensabile una concorrenza per google almeno lato search engine.
    Ma dove andremo a finire?

    Ma nessuno sa niente del pagerank? Non ho notato nessun aggiornamento per questa parte finale dell’anno…

  • il problema persiste da mesi , ho dei miei siti che hanno perso il 90 % del traffico proveniente da google !! booo….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy