Google non è social

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

All’interno del libro di Steven Levy su Google, “In The Plex“, c’è una citazione di un dipendente che rivela come Google si stia approcciando ai social.

“E’ un bene che Google si interessi al social networking, ma si tratta di un interesse derivato da una reazione personale, non da un idealismo condiviso”, dice un Googler anonimo descritto da Levy come un “membro chiave” del team. Il Googler aggiunge “in quell’ambito Google non da il suo meglio, è ancora ad un livello veramente pionieristico. Questa cosa è un chiara reazione a Facebook”.

Levy afferma che l’ultimo sforzo di Google per contrastare il dominio di Facebook sul web, ovvero +1, è “strategico e addirittura convenzionale” se paragonato agli altri prodotti di Google.

Questi altri prodotti sono stati creati perché Google ha pensato che poteva farli meglio, o semplicemente perché li ha voluti creare (come mappe, email, sistema operativo per dispositivi mobile, browser). Per il social, sembra invece che Google lo stia facendo solo per stare al passo con Facebook.

Il feeling di Google nei confronti dei social si può riassumere in una frase del numero due della search, Amit Singhal, che dice: “I social sono solo uno dei tanti fattori. Un fattore molto piccolo”.

Liberamente tradotto da Key Google Employee Says +1 Is “Not Google At Its Best”, di Jay Yarow.

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

7 Comments

  • Mi unisco a quanti hanno affermato l’identità di Google, perké anke i brand come le persone hanno un’identità con dei valori e dei contenuti e questi possono evolvere, ma nn essere stravolti;

    vero il trend è social, ma social nn sempre è sinonimo di qualità, spesso no…
    social spesso è populismo, luoghi comuni, stereotipi, leggende metropolitane… ki vuole vendere alla massa deve essere social, cogliere l’altrui identità, assecondarla, cavalcarla usando la retorica e le maniere, il corteggiamento e l’ammiccamento….;

    certo ke per google nn può essere altro se nn strategico, diversamente sarebbe un’inversione concettuale…. e meno male!

    A parte ke per me Google é una leggenda, ma viva la diversità!
    🙂 Grz per l’opportunità.
    Franco

    Reply
  • Google non sarà mai social perchè hanno capito che il social non è altro che una bolla che prima o poi scoppierà…

    Reply
  • Secondo me che Google non sia social è un bene, e spero non lo diventi: ha già il monopolio di fatto nel mondo dei motori, idem per quello della pubblicità sul web, è fra gli attori principali del mondo mobile ecc…

    A mio avviso è auspicabile che ci siano molti attori, non uno solo ad occupare tutti gli ambiti…

    Reply
  • Google non sarà mai social.

    Il prodotto che si crea, e mi riferisco sopratutto ai capi, bisogna viverlo intensamente, più di un figlio, bisogna credere nella sua utilità, esserne appassionati e avere le attitudini per crescerlo.

    Se bastassero le competenze, la bravura e i soldi, la Ferrari potrebbe produrre pure lavastoviglie, e non lo fa, così come la Indesit non produce anche auto da corsa.

    Reply
  • Probabilmente stava sottovalutando il settore che ora apparentemente è il fenomeno del momento, ma ormai come giustamente ha detto anche Luca è in difesa, sta solo inseguendo e non ci mette lo stesso spunto che ha messo in altri progetti!

    Reply
  • Che Google non fosse social si era già notato con i vari tentativi di social naufragati (buzz su tutti).

    La cosa peggiore sul fatto che Google non sia social si è che si nota… e anche molto!

    In tutti gli altri prodotti che ha realizzato in questi anni, al contrario è evidente la passione che c’è stata dietro il progetto (maps, gmail, traduttore, ecc…).

    Google sta facendo una cosa che non ha mai fatto…giocare in difesa!
    E’ sempre andato all’attacco di nuovi mercati, settori e prodotti, mentre adesso sta cercando avere la sua fetta di mercato (piccola) in un settore dove dominano altri.

    Buona giornata a tutti

    Reply

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

Google non è social
Scroll to Top

Vuoi capire perchè il tuo sito non traffica?

REPORT SEO a soli 47€

anzichè 197€+iva
Giorni
Ore
Minuti
Secondi