Google News-Wave Update: più Visibilità agli Editori?

Google News-Wave Update

Dopo il Phantom/Quality Update, nei giorni scorsi sembra che Google abbia nuovamente ritoccato il suo algoritmo, senza dare troppi dettagli (a parte una dichiarazione nella quale si smentiva l’arrivo dell’ennesimo Panda).

Secondo Searchmetrics, l’aggiornamento ha riguardato le parole chiave di tendenza e le intenzioni di ricerca legate a keyword “informazionali“: fra i siti che hanno beneficiato dell’update, si notano infatti editori molto noti, media che lavorano su temi d’attualità. Ecco perché Searchmetrics ha deciso di chiamare il nuovo aggiornamento News-Wave Update.

La chiave della modifica algoritmica sta nella “volatilità“. Google sembra ora aggiornare certe SERP costantemente e più frequentemente, in base a nuovi contenuti che fanno notizia. Sembra insomma qualcosa di correlato al QDF (Query Deserves Freshness), o al Freshness Update del lontano 2011, del quale poco si parla ma che tanti movimenti in SERP ha causato (e continua a causare).

Secondo Dr. Pete di Moz, l’aggiornamento – da lui denominato invece Colossus Update – avrebbe premiato i siti passati ad HTTPS, inclusa Wikipedia (che è sotto HTTPS da qualche tempo). Ma in Searchmetrics sono di un avviso un po’ differente.

Analizzando le variazioni di visibilità su Google (versione U.S.) tramite la popolare Searchmetrics Suite, hanno infatti notato che, il 19 Giugno 2015, diversi noti siti di informazione, riviste e giornali online hanno ottenuto un notevole boost nelle SERP del motore di ricerca.

Siti che han guadagnato visibilità col Google News-Wave Update

Come si può facilmente osservare, la lista include siti di news famosissimi, che pubblicano contenuti freschi su base regolare, quotidiana. Molti di questi siti si sono di colpo posizionati al top per parole chiave per le quali, prima di questo presunto update, non erano presenti su Google.

La maggior parte di queste keyword sono di tipo short head, parole formate da 1-2 termini (e contrapposte quindi a quelle long tail). Negli esempi mostrati da Searchmetrics si notano pagine che si sono posizionate nei primi 10 posti di Google per nomi di celebrità o di noti eventi sportivi, pagine presenti su siti che fino alla settimana prima non erano nelle SERP di Google per quelle keyword.

Curiosamente, il News-Wave Update è scattato in concomitanza ad un grosso aggiornamento di Google Trends, che ora mostra i dati in tempo (quasi) reale, dividendo l’interesse nel tempo fra “ricerca” e “notizie”. E’ solo un caso? 🙂

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

2 Comments

  • I tempi del don’t be evil sono finiti da un pezzo, aggiornamenti del genere dimostrano come Google faccia ormai ragionamenti “politici” e di relazione con i big player dell’informazione online, quelli abbastanza grandi da mettersi al tavolo con google.

    Prevedo nel tempo sempre meno spazio da parte di G per i piccoli editori web, e credo che qui a seguire il taglia siamo la maggioranza 🙂

  • Il News-Wave Update è ovviamente un algoritmo comodo per chi usa Google come quotidiano o rivista di gossip, ma non solo, anche chi segue la finanza e altre serp “a scadenza” può trovare giovamento dal News-wave.
    L’aggiornamento di Google Trends invece è una vera “manna dal cielo” per chi lavora nel settore web.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy