Google News “Standout”, un tag per far risaltare i contenuti

Nei giorni scorsi Google, durante la Online News Association Conference di Boston, ha annunciato l’introduzione di un ennesimo nuovo tag dedicato specificatamente a Google News: Standout.

Cos’è standout?

Standout è un tag che serve a dare ai contenuti “ancora più merito, quando questo è dovuto”. In poche parole, un tag per mettere in risalto i contenuti – anche prodotti da altri – che l’editore ritiene più meritevoli.

Come si usa standout?

Il tag, quando inserito all’interno dell’HTML header dell’articolo, può permettere al contenuto di venir etichettato come “Featured” nella home page di Google News e all’interno dei risultati della News Search. La sintassi per il tag standout è la seguente:

Sintassi del tag standout

“Limitazioni d’uso” del tag standout

Attualmente il tag è utilizzabile solo all’interno della edizione statunitense di Google News; pertanto presumo che, se utilizzato su articoli italiani, non sortisca alcun effetto.

E’ possibile taggare con standout un numero massimo di 7 articoli propri ogni settimana. Se un sito supera tale limite, il tag potrebbe ottenere meno effetto, o essere addirittura ignorato. E’ invece possibile taggare con standout un numero illimitato di articoli di altre fonti.

Standout e la SEO

Nel post di Google si dice esplicitamente che “i tag standout sono solo un segnale fra i molti segnali che determinano algoritmicamente la rilevanza su Google News. Riconosciamo l’importanza del dare un merito quando questo è dovuto, e crediamo che questo tag può essere un passo nella giusta direzione – ma avrà successo solo la community degli editori ci aiuterà“.

Come dire: il tag standout un piccolo aiuto può dartelo, ma non fare troppo il furbo 🙂

E già mi immagino la compra-vendita di link con dentro lo standout…

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

5 Comments

  • funzionera’? ma se tutti si mettono ad autotaggarsi con questo standout non si elimina l’effetto totale?

  • Penso di no. Con un limite di 7 standout a settimana autoreferenziarsi avrà un margine di valore basso. Sarà lo standout degli altri a farti salire. È un po’ come il +1, solo che non è come dire alla nonna di fare un semplice clic con il mouse.

  • Sono pienamente d’accordo con Cheng, è come Plus sempre di Google. Avrà rilevanza solamente dopo “troppi” + e se dati da altri utenti. Il mio dubbio però uno soltanto. Credo che google così facendo crei sempre più una nicchia di persone. Sei capace a scrivere, ma non sai nulla di Html. Magari scrivi cose veramente interessanti, su qualsiasi argomento, ma non sai cos’è un tag, non verrai mai fuori. Dubbio!

  • ma 7 articoli per dominio o sottodominio ? tipo categoria.dominio.it o dominio.it
    perche’ se e’ sul sottodominio sembra una cazzata paurosa

  • Ho veramente un paio di dubbi sul funzionamento di tale tag.. il fatto che qualunque possa AUTOgiudicare se il proprio post merita l’evidenza o no non mi porta molta sicurezza.. forse sarebbe stato meglio integrare meglio gli articoli col pulsante +1 e giudicare da quello l’importanza data dai lettori..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy