Google Knowledge Graph: proviamo a sfruttarlo per la SEO?

A metà Marzo Google ha annunciato una svolta verso la semantic search, svolta ufficializzata da Amit Singhal un paio di giorni fa.

E in questo video

possiamo facilmente capire il passaggio “da strings a things” – o come ha tweettato Matt Cutts “da parole chiave a entità” – che Google ha operato col suo Knowledge Graph.

In buona sostanza, Google – grazie all’acquisizione di Metaweb e quindi agli open data di Freebase – sta diventando più intelligente: il motore inizia ora a ragionare per “grafo di conoscenza”, ovvero costruendo – e restituendo all’utente finale, nella forma di un “panel” – una mappa di relazioni fra la parola chiave cercata e vari altri oggetti ed elementi.

In pratica, per determinate query, Google sarà in grado di mostrare sulla spalla di destra delle SERP una sorta di “scheda riassuntiva” del termine ricercato, divisa in 2-3 righe.

Un esempio di Google Knowledge Graph

Nel caso – ad esempio – di un personaggio famoso, la scheda sarà divisa in:

  • foto con piccola biografia (anno di nascita, di morte, studi effettuati, etc.);
  • elenco di immagini (ad esempio, delle opere che ha creato);
  • ricerche correlate.

Ognuno di questi elementi, se cliccato, genera un nuovo “panel”, che può essere navigato a piacere.

Da dove arrivano tutti questi dati? Google afferma di attingere a varie “public sources”, come Wikipedia, CIA World Factbook e il già citato Freebase.

Perché dunque non aiutare Google a generare dei “panel” più utili e rilevanti, magari introducendo dei dati proprio in Freebase? Con Freebase è infatti possibile creare “entity graph of people, places and things”. Basta iscriversi gratuitamente (mentre scrivevo questo pezzo mi sono ricordato di avere un account in Freebase… da quasi 4 anni!), selezionare una delle tante categorie disponibili, e iniziare a compilare campi.

Nel caso specifico, mi sono divertito a creare una scheda sulla mia persona, arricchendola con una piccola descrizione, una foto e… un paio di link!

Davide Tagliaerbe Pozzi su Freebase

Immagino il percorso mentale che hanno iniziato a fare i SEO che mi leggono:

  1. Google Knowledge Graph prende i dati da Freebase;
  2. In Freebase si possono mettere link verso propri siti;
  3. Ho trovato un modo pulito per fare link building e scalare le SERP!

Alt! Iniziamo col dire che i link inseriti in Freebase hanno il nofollow:

I link in Freebase hanno il nofollow

quindi, almeno in teoria, non dovresti avere benefici a livello di link juice, PageRank e tutte quelle robe lì.

Secondariamente, io vedo la cosa meno legata al link building e più al branding. Qui si tratta di fornire a Google dei dati che gli permettano di completare – o creare da zero – un “panel” dedicato ad una persona, un luogo, una cosa, che l’utente che effettua la query già conosce.

Intendo dire che l’inserimento di informazioni in una scheda di Freebase NON servirà a posizionarmi per la chiave “seo specialist” o “web marketer”, ma contribuirà ad arricchire i dati mostrati da Google nel “panel” di Davide “Tagliaerbe” Pozzi – o addirittura di crearlo ex-novo: quando qualcuno mi cercherà in Google, troverà dunque una scheda più minuziosa e dettagliata sul sottoscritto.

E già mi immagino la nascita dei “freebase spammer”…

UPDATE: Freebase ha chiuso i battenti il 30 giugno 2015. Un’ottima alternativa potrebbe essere Wikidata, e infatti ho già provata a creare la mia scheda anche lì dentro… 😉

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

9 Comments

  • Idea ottima e grande post da *chapeau*.

    Questo è un super Taglia 😉

  • E Google+ dove lo mettiamo? Non pensi che anche alla base del social network di big G ci siano delle ontologie dalle quali Google attinge conoscenza?
    Se si, i profili su Google+ sono più rilevanti o meno rilevanti di quelli su Freebase?

    Ottimo post, come sempre 😉

  • Come al solito idee e condivisione. Il sistema è sicuramente da sfruttare per migliorare come dici tu la visibilità online, sia personale che aziendale. Mi viene un però!! Ricerco una determinata parola chiave su google. Esce il sito di un cliente (woooW) Google gli fornisce tutte le informazioni senza che l’ipotetico visitatore entri sul sito (numero telefono, email, descrizione servizi, ecc…) Questo è un bene/male! Meno visite sul sito del cliente, ma in compenso (magari) più contatti diretti tra visitatore e cliente. Il cliente mi chiama e mi dice, ricevo poche visite sul sito, come mai? Che ne pensate? Secondo me Google sta diventando un enorme “Pagine Gialle” mondiale.

  • Bella domanda Daniele!

    IMHO però trattandosi di “Web semantico” c’è da sperare che sia un passo avanti per i risultati, e non uno svuotamento di click sul proprio sito.

    Certo, come ha chiuso il Taglia la nascita dei “freebase spammer” potrebbe essere una conseguenza mica da poco.

    Alla fine però al cliente interessa la “conversione”, il problema è riuscire a tracciarla in questo modo.

  • Ciao, più che fare linkbuilding diretto si potrebbe pensare a come sfruttare al meglio “le relazioni” per comparire nei suggerimenti laterali.. Nel senso, faccio un esempio semplice: se una persona cerca il nome di una web agency o di un web designer che si ricorda, come faccio io medesimo e non un altro, che svolgiamo lo stesso lavoro, a comparire nei suggerimenti emessi nella “scheda laterale”?
    Cioè: c’è un modo in freebase per creare relazioni e legami (tra utento o attività) che possono incrementare la mia possibilità di uscire nella scheda laterale per determinate ricerche?
    un salutone e grazie!

  • questa e’ interessante…. a livello di link building dovrebbe funzionare bene o sbaglio?

  • Ciao è ancora possibile creare entità su Freebase?Non sono riuscita, potresti aiutarmi. Per quanto riguarda il knowledge graph ritieni che l’utilizzo di dati strutturati possa aiutare nel far restituire a google il panel informativo?

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social
Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor

Sponsor

Scroll to Top