Google Instant… cosa cambierà?

Facciamoci in fretta l’abitudine, perché Google Instant NON è uno tanti “esperimenti” di Big G (rimasti tali), ma è quello che ci ritroviamo da un paio di giorni come default quando entriamo nel motore di ricerca e iniziamo a digitare una query.

Da Google ci dicono che i vantaggi sono sostanzialmente su 3 livelli:

• Ricerche più veloci
• Previsioni più intelligenti
• Risultati istantanei

E più o meno sembra essere così (a parte il punto 2 🙂 ).

Vorrei però mettere qualche pulce nell’orecchio di chi mi legge e fare 5 veloci considerazioni, per aprire un po’ di dibattito:

Google Instant NON è una novità assoluta

E’ più o meno la stessa cosa (ed ha pure lo stesso nome…) di Yahoo! Instant Search, progetto lanciato 5 anni fa ma poi abbandonato. Quindi nulla di così rivoluzionario e innovativo, nonostante i titoloni che girano su tanti siti e blog.

Google Instant = Google Suggest “agli steroidi”

Non c’è dubbio, Instant nasce dalla “logica” (e dall’esperienza) di Suggest, servizio attivato più di 2 anni fa. E da Suggest eredita di conseguenza tutti i pro e contro (uno su tutti, quello della “canalizzazione delle ricerche”).

Google Instant e la privacy

La frase “Google Instant sarà disponibile a tutti su google.com in inglese e tramite login con account Google nei seguenti paesi: Germania, Francia, Spagna, Italia e Regno Unito”, presente su Google Italia Blog, potrebbe insinuare qualche dubbio sul fatto che Google potrà da oggi conoscere la nostra “vita, morte e miracoli” quando cerchiamo qualcosa online. A chi la pensa così dico che Instant è comunque disattivabile senza troppa fatica (basta cliccare sulla scritta “Google Instant attivo” a destra del bottone “Cerca”, e quindi su “Disattiva”). E dico anche che se davvero non vuoi essere “tracciato” in alcun modo da Google, non dovresti nemmeno usare quotidianamente tutti gli altri ennemila servizi che ha sul web…

Google Instant e AdWords

Come impatterà Google Instant sugli inserzionisti di AdWords? Se prima una SERP (e relativi annunci) si “componeva staticamente” a seguito di una query ben definita, ora la logica è diventata quella della “query prevista”: digiti l’inizio di una parola (ad esempio, “orch”) e l’algoritmo, dentro la SERP, di mostra gli annunci relativi a “orchidea”.
Interessante il punto della FAQ dove si dice che una impression (dell’annuncio) viene calcolata quando “l’utente smette di digitare la query e i risultati vengono visualizzati per almeno 3 secondi”: certe categorie di utenti (immagino, ad esempio, persone anziane poco avvezze all’uso della tastiera, e quindi particolarmente lente nella digitazione) contribuiranno ad alzare in modo significativo il consumo delle impression?

Google Instant “renderà irrilevante la SEO”

Questa sparata è davvero assurda per un personaggio del calibro di Steve Rubel, che si è espresso proprio così: “Google Instant significa che nessuno vedrà più il web allo stesso modo, rendendo praticamente impossibile l’ottimizzazione. I feedback in tempo reale cambieranno e personalizzeranno i comportamenti di ricerca degli utenti”. Questa dichiarazione è errata sotto 2 punti di vista. Innanzitutto, nella FAQ di Google Instant è scritto molto chiaramente:

D: Questo cambiamento influenza in qualche modo l’ordinamento dei risultati di ricerca?
R: No, il ranking dei risultati di ricerca resta immutato.

Secondariamente, se a Rubel fosse sfuggita la cosa, è dall’avvento della “Google Personalized Search” (ben 9 mesi fa!) che la SEO ha i “problemi” illustrati da lui, e pure un tontolone come me se ne era accorto

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

19 Comments

  • Opinione personale dopo averlo provato per una mezzoretta.
    Sarà un gran fallimento. L’utenza media non si abituerà a questa velocità e Google Instant, così come è ora, farà solo venire dei grandi mal di testa a chi lo utilizzerà.

    Se si può dire che Google è in competizione con Facebook (e a mio avviso oramai lo è), con Instant ha fatto un clamoroso Autogoal.

    Poi se invece di far apparire risultati per ogni lettera digitata, lo faranno per ogni parola…forse ne verrà fuori qualcosa di buono

  • Personalmente Google Instant non mi convince. La Long tail sparirà completamente e tutti dovremmo lavorare su Keyword secche e competitive!

  • Non mi voglio ancora esprimere su questioni SEO o SEM perchè a mio avviso è giusto aspettare qualche tempo. In compenso quello che mi piacerebbe condividere è una riflessione “differente” sul cambiamento della serendipità, da sempre una delle caratteristiche, a mio avviso, affascinanti della search (e della vita). Ho sviluppato questo pensiero… http://paoloratto.blogspot.com/2010/09/google-instant-e-la-serendipita.html . Mi piacerebbe sapere cosa ne pensate?

  • Ho scritto anche io un articolo oggi su instant. Secondo me potrà essere utile per alcuni, confusionario per altri che effettivamente non riusciranno a capire perchè “i risultati cambiano continuamente” (già qualcuno mi ha chiesto cosa succede e se si poteva disattivare).

    Altrettanto sicuramente potrebbe dare dei risultati più precisi e sicuramente più veloci. Per quanto riguarda le Serp penso che a soffrirne potrebbero essere i siti che non hanno contenuti di gran qualità, mentre per chi già ha cominciato da tempo a creare valore non penso ci saranno notevoli differenze… Voi cosa ne dite?

  • Anche per me Istant potrebbe rivelarsi un passo troppo lungo (stile Wave) ma meno male che Google continua a sperimentare.

    Se dovesse effettivamente consolidarsi non so se sparirà la coda lunga: per come lo uso io effettivamente scrivo query più lunghe fino a quando nei primi 10 risultati appare qualcosa che attira la mia attenzione.

    In questa ottica Title e Description diventerebbero ancora più importanti

  • ho letto diversi post a giro per il web, (manifestando la mia perplessità su GG instant search).
    trovo che il tuo sia nella sua sintesi e chiarezza uno dei migliori. bravo!
    condivido le tue osservazioni, tranne quella sulla sua permanenza. magari fra un po’ ci ripensano 😉
    chissà gli utenti normali come reagiranno……

  • Oltre ad aumentare le impression in generale le aumenterà per le frasi corte, soprattutto nelle nicchie competitive. Dovremo spendere di più per quei termini? G incasserà di più? Forse si…

  • Scusa, ma io non ho ben capito come funziona. Anche prima quando si era loggati in Google mi sembra le parole venivano suggerite o sbaglio?

  • @Belisma: si, l’ho scritto anche nel post, quello di cui parli era Google Suggest (che suggeriva le parole chiave); ora, con Google Instant, man mano che digiti cambia dinamicamente anche la SERP (ovvero la pagina dei risultati).

  • Caro Davide,
    credo che tu abbia centato l’obiettivo SEO, come sempre.
    Credo anche al “fattore zero” ( la parte inesistente, quella non valutata volutamente ) della scelta di bigG : “il web è finito davvero”, esiste internet e un insieme di aggregatori di persone.
    I navigatori più esperti troveranno “semplice” districarsi fra le proposte di GI, mentre gli altri, distratti dalle proposte di bigG ( è vero che l’occhio è più veloce della digitazione – ma questo lo sappiamo – ) vagheranno solo nell’insieme di “bubble web” più influenti della rete.
    Un caro saluto.
    Per chi desidera, qui ci sono altre considerazioni:
    http://www.fattorezero.com/2010/09/google-e-diventato-13-del-nostro.html

  • è interessante dare uno sgardo alla ricerca per alfabeto di Google Instant.
    In ordine lessicografico in italiano e inglese,
    e poi la numerazione…
    con il numero 1 viene fuori una pagina intera dedicata a vodafone ( 190 ).

  • E’ interessante leggere come quasi tutti pensino che GI sia qualcosa di positivo. Si sono fatte considerazioni dal punto di vista Seo, ma da un punto di vista dell’usabilità cosa ne pensate? Davvero credete che avere una “macchina” che fa tutto per noi nelle ricerche, ci dia sempre la risposta voluta?

  • @taglia: la sparata sulla presunta morte del SEO c’è da quando il SEO è nato. Più dicono una cosa del genere e più il SEO diventa fondamentalte, secondo me. L’ottimizzazione perderà la sua rilevanza? Certo certo, allora adesso cominciamo tutti a fare siti di ….. 🙂

    Mi sarebbe piaciuto leggere una considerazione da parte tua su un dibattito che sta infuocando tutti i forum: la Long Tail! Perderà la sua rilevanza? Facci un pensiero/post se ti va… 🙂

    Ciao

  • Personalmente come ho avuto già modo di esporre sul blog di Paolo, credo che GI non sia un male anzi, ed anche a livello SEO le paure sono infondate come ha ben illustrato Tagliaerbe e lo stesso Cutts http://www.mattcutts.com/blog/.
    A proposito poi dell’uso delle keywords a cui diamo tutti tanta importanza, corte o lunghe che siano, vi vorrei sottoporre la lettura di un articolo (Qual è la keyword density ottimale per finire ai primi posti in Google? http://ow.ly/2CKpg) che in un qualche modo ne “smonta” tutta questa enfasi che c’è intorno ad esse e chiedervi cosa ne pensate in merito a quanto scritto.

    P.s.: l’autore ovviamente confuta quanto dice con fatti a mio parere poco opinabili.

  • non sò voi.. ma questa ricerca istantanea mi fa innervosire e non poco.. infatti l’ho già disabilitata 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy