Home » Seo » Google Insights for Search

Google Insights for Search

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Proseguendo sul filone di Trends, Trends for Websites e Ad Planner, Google ha annunciato pochi giorni fa la nascita di Google Insights for Search, un nuovo servizio pensato (principalmente) per gli inserzionisti, ma molto utile a tutte le tipologie di utenti (SEO e SEM specialist inclusi, ovviamente 🙂 ).

Cos’è

Google Insights for Search è in pratica un Google Trends dedicato agli advertiser: è possibile confrontare i volumi di ricerca in base alla nazione di provenienza, alle categorie, o in un intervallo di tempo specifico.

Cosa permette di ottenere

Per capire meglio come funziona il nuovo servizio, credo sia il caso di fare un raffronto con il “vecchio” Google Trends.

Se inseriamo in Trends la parola chiave “apple”, otteniamo in risposta questo grafico:

che riporta in alto il Search Volume index per la keyword in questione, e in basso il News reference volume.
Nella parte bassa della pagina, troviamo invece Regions, Cities e Languages

E’ eventualmente possibile impostare un “filtro” sulle regions e/o sugli anni.

La stessa query in Insights for Search, restituisce invece l’Interest over timedella parola

(ovvero quante ricerche sono state fatte sul termine in questione, in relazione al numero totale di ricerche fatte su Google, normalizzato su di una scala 0-100), le Regional interest per il termine in questione

(molto utile, per il colpo d’occhio, la cartina geografica) e i Search terms related

(molto interessante la divisione fra Top searches (le ricerche più effettuate in assoluto) e Rising searches, ovvero le “ricerche emergenti” in un determinato periodo di tempo).

Altra feature degna di nota è il filtro per categoria.

Applicando il filtro Food & Drink alla parola apple, ottengo un grafico che mi riporta solo ed esclusivamente il termine quando questo viene associato a cibi o bevande: troverò pertanto “torta di mele” o “ricette con le mele”, ma sicuramente non “apple ipod” o “apple iphone”.

Insomma, concordo con quanti hanno definito Insights for Search come la somma fra Google Trends e Adwords Keyword Suggestion 🙂

Conclusione

In poche parole:

  1. ho un prodotto/servizio da promuovere
  2. vedo in quale luogo del mondo (stato/città) c’è interesse
  3. studio con attenzione le ricerche correlate (=le parole chiave “limitrofe”)
  4. verifico se l’interesse nei confronti del mio prodotto/servizio è in crescita (oppure in calo)
  5. pianifico di conseguenza le mie azioni

Un esempio?

Con Google Insights for Search potrei scoprire che il mio prodotto, fabbricato e venduto solo in Italia, è in realtà molto ricercato negli USA.
Di conseguenza, potrei pianificare una campagna pubblicaria con AdWords mirata ad un pubblico statunitense (e la relativa creazione di una landing page o di un mini-sito in lingua inglese).

Interessante, no?

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Altri articoli correlati

Ciclo di vita di una startup

Una startup dalla nascita fino al consolidamento sul mercato o almeno fino alla perdita dei requisiti propri di una startup, attraversa diverse fasi, le quali

Perché molte startup falliscono?

Molti giovani aspiranti startupper troppo spesso rinunciano all’idea di costituire una startup innovativa spaventati dalla possibilità che l’idea possa non avere successo e comportare il

5 risposte

  1. “”Insomma, concordo con quanti hanno definito Insights for Search come la somma fra Google Trends e Adwords Keyword Suggestion “”

    Ne ha parlato qualche giorno fa anche online-marketing.it, e anche lì viene fatto il paragone con Adwords KW suggestion, mi stupisce però che entrambi i blog non precisino che la fonte dei dati è molto diversa sia da quella di Google Trends che da quella di Adwords

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *