Ecco perché NON esiste la “Google Formula”

Google Formula

Da quando mi interesso di SEO, le cose sono cambiate moltissimo.

Nell’arco di pochi anni la SEO è diventata terribilmente… “complicata”. Qualcuno direbbe che le cose sono evolute in peggio; io preferisco dire in meglio (dipende ovviamente dai punti di vista 🙂 ). Di certo la SEO del 2015 NON è nemmeno lontanamente simile a quella di 15, 10 o anche solo 5 anni fa.

Ma partiamo con una brevissima cronistoria, in base ai miei ricordi degli ultimi 3-4 lustri.

Da Altavista a Google

La SEO pre-Google, quella del vecchio millennio, era basata sulla semplice presenza della parola chiave all’interno della pagina. I SEO di allora capirono in fretta il trucchetto, e iniziarono ad infarcire le pagine di centinaia e centinaia di keyword identiche, per salire in vetta alle SERP: nacque così l’orrenda pratica del keyword stuffing, che sopravvive ancora oggi nei footer di qualche vecchio sito web.

Keyword Stuffing

Ma siccome vedere un muro di parole uguali dentro una pagina faceva abbastanza schifo, i SEO più scaltri inventarono la tecnica di scriverle dello stesso colore dello sfondo. Erano le mitiche keyword “scritte in bianco, su sfondo bianco”: l’utente non le vedeva, ma i motori di allora, un po’ stupidotti, le leggevano eccome… e posizionavano in vetta queste pagine orrende.

Terminata l’era di Altavista & Co., iniziò quella di Google.

La differenza di Google rispetto agli altri motori, nonché la sua forza, fu quella di basarsi su quantità e qualità di link per capire quanto fosse importante una pagina: più link (di qualità) riceveva più era importante, più era importante e più era meritevole di posizionarsi meglio delle altre.

Questa felice intuizione permise a Google di lasciarsi indietro in breve tempo i rivali, che utilizzavano algoritmi “primitivi” e che nel frattempo avevano completamente perso la bussola, evolvendo (anzi, involvendo) da puri motori di ricerca ad un mix fra directory e “portali” (termine di gran moda alla fine del secolo scorso).

Link di Qualità, o Link in Quantità?

Ma la storia del “link di qualità”, almeno all’inizio, era una gran leggenda.

Per posizionarsi bene poteva bastare un solo link con un testo ancorato secco, da una pagina con un PageRank elevato, anche se completamente off-topic.

Tradotto: se un sito .edu (scuola/università nordamericana) o .gov (sito governativo USA) ti linkava con l’àncora [seo], avevi buone possibilità di volare in vetta a quella SERP di Google, anche la pagina sulla quale era posto il link non aveva nulla a che fare con il posizionamento sui motori di ricerca, anche se era scritta in una lingua diversa da quella della tua pagina.

E si poteva anche lavorare sulla quantità: centinaia o migliaia di link spazzatura, da directory o siti di social bookmarking (prima) e di article marketing (poi), potevano avere effetti miracolosi.

Dal Penguin in poi (Aprile 2012), questi fenomeni sono stati di molto ridimensionati, se non azzerati del tutto: se in alcuni casi il link off-topic – ma da un sito con forte trust – può ancora oggi darti una spinta, i link da siti di pessima qualità sono invece diventati estremamente pericolosi e a rischio di penalizzazione.

Semantica, Knowledge Graph e Hummingbird

A Marzo del 2012 Google annunciò di aver imboccato la strada della semantic search, e 2 mesi dopo presentò Knowledge Graph.

Alla fine dell’estate 2013 fu la volta di Hummingbird: da allora il motore non si focalizza più sulle singole parole chiave, ma cerca di comprendere il completo significato della query, fornendo risposte di conseguenza.

“Things, not strings” è il motto coniato da Amit Singhal, che identifica questa evoluzione. Si inizia insomma a parlare pesantemente di “SEO semantica“.

Ma Google non è Comunque una Macchina?

Sì, ma sta facendo passi di gigante nel campo dell’Artificial Intelligence e Machine Learning, come puoi facilmente leggere sul sito Research at Google.

Il Google di oggi è sempre più difficile da “ingannare”, o perlomeno funzionano sempre meno le logiche da “formuletta magica” che capita ancora di veder girare sul web.

Quindi il cercare di applicare uno schema sempre uguale per posizionare enne pagine di un sito web (o enne siti diversi fra loro) rischia di essere un lavoro totalmente inutile, se non addirittura deleterio (eccezioni a parte, ovviamente 🙂 ).

Google e le Leggende SEO Metropolitane

Un classico, un sempreverde che è sopravvissuto a diversi lustri ed è assai duro a morire è il concetto di keyword density: in pratica, c’è ancora oggi chi afferma che se la parola chiave che vuoi posizionare è presente sulla tua pagina in una determinata percentuale, allora Google ti premierà.

Keyword Density

Questa cosa deriva probabilmente dai tempi di Altavista (come indicato all’inizio di questo post), e/o dalla cattiva interpretazione di una vecchissima dichiarazione di Google che suonava più o meno così:

Oggi i nostri algoritmi si basano su più di 200 segnali univoci, come la frequenza con cui i termini di ricerca sono presenti sulla pagina…

Ebbene, stare nel 2015 a misurare la keyword density col bilancino di precisione non ha alcun senso. Lo ribadisco nuovamente: ci sono cose che, se applicate in modo sistematico, rischiano di essere facilmente individuate e quindi penalizzate da Google.

Pensaci bene: un algoritmo fa molto in fretta ad individuare un pattern, una impronta, un comportamento ripetuto.

Se a questo aggiungi che l’algoritmo di Google è sempre più intelligente, e si avvale anche di quality rater umani, ecco che il cerchio si chiude. Vuoi un piccolo esempio? Eccotelo.

Un SEO di mia conoscenza, è stato penalizzato anni fa per un comportamento identificato da Google come spammoso.

Il personaggio in questione aveva un blog su Blogger/Blogspot, che in quel periodo non permetteva di schedulare i post ad una determinata ora del giorno. Lui, però, scriveva e pubblicava un post tutti i santi giorni, dopocena, “forzando” a mano l’ora di pubblicazione, mettendola (per sua abitudine) sempre uguale.

In pratica aveva un blog con centinaia di post, tutti pubblicati alla stessa identica ora. E Google ha quindi “pensato” che non poteva essere una persona a scrivere e pubblicare i contenuti sempre alla stessa ora, ma una macchina… e quindi lo ha penalizzato.

Conclusione

La tesi che voglio esprimere con questo post NON è quella che non esistono regole nella SEO.

Le regole esistono, ma NON sono quelle riconducibili alla percentuale di parole chiave incluse nel testo, al semaforino verde di Yoast, o ad altre cose da applicare in modo sistematico come una ricetta.

Personalmente credo che verranno sempre più premiate cose difficili da creare velocemente, automaticamente o in serie.

In altre parole, un sito web NON diventa punto di riferimento nel suo settore dal giorno alla notte. Un articolo di enorme valore NON si scrive in 5 minuti. Per ottenere tanti lettori/clienti fidelizzati ci vuole un sacco di tempo (e spesso anche un sacco di soldi). Tempo, fatica, investimenti.

Ecco, io credo che questa è la strada che dovranno imboccare non solo i SEO, ma tutti quelli che sul web vogliono campare a lungo. E questo percorso non è scritto dentro una “Google Formula”.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

13 Comments

  • Ma a questo punto il miglior modo di fare SEO è fregarsene bellamente di sovraottimizzare il sito e limitarsi a 1-2 cose (titolo h1 con parola chiave e contenuti approfonditi)?

  • No, a mio parere (e nei limiti del possibile) è lavorare sulla creazione di un prodotto/servizio/contenuto fantastico, irresistibile, di cui la gente parla, e che venga citato e linkato. Diciamo che sono più per una SEO “allargata”, che sconfina nel marketing e nelle PR.

  • Purtroppo molti continuano anon capire che fare SEO alla Yoast significa prendersi gioco del motore di ricerca e questo G non lo tollera ovviamente… provate a mettervi voi nei suoi panni 😉

  • Concordo con quello che hai scritto, purtroppo su internet girano troppi imbonitori da televendita di quarto ordine….tutti con la formula magica per scalare la SERP e tutto per pochi euro. Come ho scritto nel mio articolo:

    “queste soluzioni smart le vedo anche come una mancanza di rispetto (e una beffa) per tutti qui professionisti che hanno impiegato tempo, denaro per la formazione e sforzi nella Professione di SEO.”

    Come sempre, e come succede anche nel mondo offline, per avere successo bisogna impegnarsi, studiare, fare, sbagliare e rifare ma in particolare avere un “prodotto” veramente unico e di qualità… altrimenti sei solamente uno dei tanti !!

  • Scusate,ma come faccio a creare un prodotto fantastico se devo creare il sito della mia palestra che va a concorrere con altre 10 palestre della mia città’? Mi devo mettere a parlare di body building e fare un blog collegato? Forse si ma non e’lo scopo principe,e’chiaro che un link ,ad esempio, del comune di milano verso la mia attività la fa rimbalzare in alto

  • alex, ogni settore merceologico ha le sue caratteristiche, come ogni SERP di Google.

    Guarda i tuoi competitor, studia i loro siti e il loro profilo link, guarda come si muovono sui social, e cerca di capire cosa hanno più (o meno) di te, e perché sono posizionati meglio di te su Google.

  • Ottima analisi, con quest’articolo ti sei superato Davide 🙂

  • Keywords density: Pensare che c’è chi ancora vive solo per quella :’)

  • la keyword density é un fattore potentissimo ancora oggi

  • Tutto molto giusto, ma in alcuni settori con poco budget non ti puoi inventare grandi cose, ne ogni volta puoi affidarti al blog che comunque porta via risorse, diciamo che la teoria è bella ma la pratica è tutto molto piu complicato

  • Beh.. per me la formula Google esiste.. si chiama qualità..
    Qualità a 360 gradi..
    Il tuo blog ne è un’esempio concreto..
    infatti proponi post di ottimo livello che piacciono ai tuoi visitatori.. “compresa me”
    ed è evidente la cura con cui li realizzi.. ma senza pensare troppo a strategie on site particolari.. se non quella di produrre pagine di qualità a intervalli ragionevoli e con l’aggiunta soltanto di piccoli accorgimenti dettati dalla tua personale e “non trascurabile” seo experience..

    Con il tempo questa metodica premia.. e qui è evidente..
    Davide Pozzi è ritenuto un blogger affidabile e competente anche da Google.. altrimenti non farebbe i numeri che riesce a fare.. e parliamo di …………… se vuoi lo scrivo di preciso 🙂

  • Fare SEO sta diventando come una partita a scacchi. Una mossa azzardata può fare crollare tutto. 🙂

    Tuttavia concordo con chi dice che il più delle volte è questione di budget, tutto il resto sono solo belle parole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy