Google brevetta il Doodle (!?!)

Di tentativi, più o meno riusciti, di brevettare cose strane possiamo contarne a decine. Fra questi ti cito la barzelletta, il WC e l’acchiappa-cacca per cani, o anche (visto che si parla di cani) la museruola… per uomini, oppure l’orologio che conta quanto tempo rimane ancora da vivere.

Ma c’è un brevetto, appena concesso a Google, che è altrettanto (se non più) incredibile.

Il titolo del brevetto è “Sistemi e metodi per indurre gli utenti ad accedere ad un sito web”, e nell’abstract si legge:

“Un sistema che provvede periodicamente a cambiare […] il logo legato ad un evento speciale, per invogliare gli utenti ad accedere ad una pagina web. […] Il sistema può modificare un logo standard aziendale in occasione di un evento speciale onde creare uno “special event logo”, associare uno o più termini di ricerca allo “special event logo”, e caricare lo “special event logo” su una pagina web. Il sistema può quindi ricevere la selezione dell’utente dello “special event logo”, e fornire i risultati di una ricerca legati a eventi speciali.”

Avrai quindi capito che Google è riuscita a brevettare i suoi Doodle, ovvero i loghi che cambiano periodicamente in occasione di ricorrenze e festività.

Ma più che altro ha brevettato tutto il “processo” che sta dietro al Doodle, ovvero quello che spinge l’utente a cliccare sul logo e quindi lo porta su una determinata SERP del motore di ricerca.

Speriamo solo che questo assurdo caso serva a mettere in luce un sistema vecchio, costoso e lentissimo (la richiesta del brevetto in questione è stata depositata da Sergey Brin il 30 Aprile 2001, e quindi sono stati necessari quasi 10 anni per ottenerne l’approvazione). E speriamo che se a Natale deciderò di cambiare il logo del blog inserendoci un pupazzo di neve, Google non mi faccia causa.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

7 Comments

  • La “considerazione” finale è a dir poco geniale, grande Taglia! 😀

  • Ma siamo già in aprile?

    Questa è stata la mia reazione quando ho visto l’immagine, e invece no, normali follie statunitensi. Se non lo brevettavano poi una delle tante aziende parassite che fanno solo brevetti del genere poteva provare a spillare dei soldi a Google.

    In Italia (e in europa) queste cose per fortuna non possono capitare, una volta tanto possiamo dire di non essere arretrati.

  • Praticamente sono riusciti a brevettare un metodo…

  • Quella di modificare il logo in funzione di un evento o un design perticolare è scuola NIKE

  • Che una cosa sia stata brevettata non vuole dire che quel brevetto sia usabile contro qualcuno. In australia sono riusciti a brevettare la ruota, ma al momento nessuno ha mai potuto chiedere nulla alla pirelli e a tutte le altre aziende.

    M.

  • Mi sembra assurda questa cosa del dover brevettare tutto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy