Google compra link in Giappone!

Google, Cyberbuzz e il pay-per-post

Spesso sono portato a pensare che il monopolio di Google, nel campo dei motori di ricerca, sia globale.

Se ciò è (forse) vero per USA ed Europa, ad Oriente le cose stanno diversamente: in Cina abbiamo Baidu, in Russia Yandex, in Corea Naver e in Giappone Yahoo!, che (secondo comScore/Settembre 2008) con i siti sotto il suo cappello totalizza il 51,2% di share (contro il 39% di Google):

Lo share di Yahoo! supera quello di Google del 12,2%

Anche dal punto di vista delle pageview (secondo Nielsen/ Ottobre 2008), Yahoo! Japan batte Google alla stragrande: 3,5 miliardi di pagine contro le 2,5 di BigG.

Yahoo! fa circa 1 miliardo di pagina al mese in più di Google

Come ha dunque deciso di operare Google per sconfiggere (o quantomeno arginare) lo strapotere di Yahoo! sul territorio nipponico? innanzitutto, lanciando delle campagne pubblicitarie (online e offline) per spingere i suoi servizi (come, ad esempio, Picasa), e quindi mettendo in campo una strana strategia…

“Hot Keywords”

Settimana scorsa, l’home page di Google.jp è stata modificata con l’inserimento di una sezione che mostra i 5 termini più cercati nella versione locale del motore:

Le 5

Per gli utenti è stato inoltre messo a disposizione un gadget (per iGoogle) e un widget (per inserire l’elenco delle chiavi nel proprio sito/blog).
Ma non è tutto.

Post a pagamento?

Campagna Pay-Per-Post con Cyberbuzz?

Per spingere la nuova feature, Google si sarebbe rivolta a Cyberbuzz per pianificare una campagna Pay-Per-Post (si, i tanto odiati/penalizzati post con all’interno link a pagamento).
Lo dimostrerebbe il fatto che cercando in Google Blog Search con la chiave “Google Hot Keywords Ranking+Blog Widget+CyberBuzz” compaiono diversi articoli sull’argomento, i quali riportano in coda una dicitura del tipo “Questo post fa parte di una campagna Cyberbuzz”.

2 pesi e 2 misure?

Troppo facile accusare Google di predicare bene e razzolare male.

Parlerei invece di come non abbia alcun senso cercare di promuovere un proprio servizio (minore) a suon di link, quando l’obiettivo dovrebbe essere quello di erodere importanti quote di mercato ad un grosso rivale.

E anche di come non sempre sia possibile avere successo con un motore di ricerca “fotocopiato” da un modello occidentale, in paesi con un diverso background storico, linguistico e soprattutto culturale.

O forse Google sperava davvero di colmare il divario che lo separa da Yahoo! tramite la diffusione di un semplice widget? 🙂

Fonte: Google Japan Buys Dirty Pay-Per-Post Links (ripresa anche da Pay Per Post: Google Uses Every Trick To Beat Yahoo In Japan).

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

3 Comments

  • In Guerra e in Amore tutto è permesso.

    Le strategie di vendita devono essere adeguate al PAESE al quale ti rivolgi.

    Secondo me non è sbagliato,

    sarebbe stato sbagliato,

    se non l’avesse fatto.

    ——————– >>>>>>>>>> Francesco Martino

  • Ottimo post e molto chiaro.

    Una curiosità che forse qualcuno non ne è a conoscenza è che EBAY in giappone non esiste(o meglio non più). Esiste invece un vivace mercato “clone” interno alla nazione che gira su piattaforma yahoo ..uno dei motivi della sostenuta supremazia del motore di ricerca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy