Google brevetta il riconoscimento del testo nelle immagini

Qualche giorno fa è stato reso pubblico un nuovo brevetto di Google, dall’eloquente nome RECOGNIZING TEXT IN IMAGES.
Basta leggere poche righe dell’abstract e del documento per intuire le novità che l’adozione di una una tecnologia di questo tipo potrebbe introdurre: l’ipotesi più accreditata è l’utilizzo del nuovo brevetto all’interno di Google Maps Street View, ma io prevedo anche dell’altro.

Cosa cambierà

Google Immagini: il motore di ricerca di Google dedicato alle immagini restituirà risposte molto più accurate e pertinenti, almeno per ciò che riguarda immagini con testi all’interno di esse.
La cosa, integrata per bene con Goole Image Labeler, potrebbe avere un effetto dirompente.

YouTube/Google Video: come suggerisce anche TechCrunch, il riconoscimento dei testi potrebbe essere esteso ai video: immaginate YouTube con (alcuni) video taggati in modo automatico!
Ricordiamoci inoltre che Google Video è ormai una sorta di “metamotore” di video: da circa 6 mesi, infatti, oltre ai video di YouTube, Google Video permette di cercare fra i filmati caricati su Metacafe, iFilm, Grouper, Yahoo Video, MySpace, Break.com, Daily Motion, Vimeo, Veoh, AOL Video, Jumpcut, Revver, Guba e BBC… grazie al nuovo brevetto, Google potrebbe quindi decidere di “ficcare il naso” dentro ai testi presenti nei video di terze parti?

Conclusioni

Già intravedo un futuro dove i SEO utilizzeranno nei loro siti esclusivamente immagini con incluso del testo.
Magari non immagini come quella qui sopra :-), anzi, quasi sicuramente il testo sarà posizionato in modo discreto, magari su di un bordino bianco esterno all’immagine stessa.
Il contenuto dell’attribuito ALT (della cui importanza Matt Cutts ha parlato proprio di recente), verrà probabilmente confrontato dall’algoritmo con l’eventuale contenuto testuale dell’immagine, per verificarne la congruenza.
E fra poco (attenzione, questa è solo una delle mie solite fanta-ipotesi! 😀 ) Google brevetterà una tecnologia che:

  • estrae la traccia audio dai video;
  • la converte in testo (e magari l’inserisce direttamente in uno spazio a fianco del video);
  • confronta il contenuto audio (e anche quello testuale) del video con il titolo, la categoria e i tag del video stesso;
  • in base a tutti questi parametri, attribuisce al video il giusto rank nelle SERP.

Se non lo fa Google entro pochi giorni, ‘sto brevetto lo registro io… magari è la volta buona che divento ricco 😀

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

3 Comments

  • Mi sà che diventi povero prima di diventare ricco. La registrazione dei brevetti costa un patrimonio 🙂

  • tagliaerbe, il proverbio non era “un post al giorno toglie il medico di torno, ma la melaa, la melaa tagliaerbe!”
    io scherzo è, non prenderla come u nserio attacco: ma la fanta-tagliaipotesi finale è un segno che inizi seriamente a SEOfarneticare! stacca la spina prima che sia troppo tardi please! ;0)

  • Secondo me ci stanno già lavorando, decifrare il contenuto audio dei video, per garantire un miglior posizionamento e ottimizzazione nelle ricerche di filmati, questo porterà anche a migliorare l’ottimizazzione delle pagine dove video immagini e testo si integrano in modo perfetto!
    Google è un passo davanti agli altri in ogni scelta che fa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy