+ Google AdWords = + Click dalle SERP

Già lo scorso anno, una ricerca di Google denominata Search Ads Pause rilevò che l’89% dei click proveniente da annunci pubblicitari inseriti all’interno delle SERP del motore di ricerca è incrementale.

Ciò significa che l’89% delle visite che il sito dell’inserzionista riceve grazie ai click sui banner NON è sostituito da click provenienti dai risultati organici (quando la campagna pubblicitaria non è presente).

Nei giorni scorsi Google ha pubblicato il seguito dei quello studio, che fondamentalmente vuole rispondere a 2 domande:

• quanto spesso un annuncio pubblicitario è accompagnato da un risultato organico a questo associato?
• come varia l’incrementalità dei click sui banner in base alla posizione dell’inserzionista nei risultati organici?

Il risultato è stato che, in media, l’81% delle impression del banner e il 66% dei click su di esso si verifica in assenza di un risultato organico associato sulla prima pagina della SERP:

How often is an ad impression accompanied by an associated organic result?

Inoltre, sempre in media, il 50% dei click sul banner che si verifica quando è presente un risultato organico in cima alla SERP, è incrementale. L’incrementalità media dei click sui banner cresce quando la posizione è più bassa; l’82% dei click sui banner è incrementale quando il risultato organico associato è fra le 2° e la 4° posizione, mentre è del 96% quando è sotto la 4°:

How does the incrementality of the ad clicks vary with the rank of advertiser's organic results?

Come dire: se vuoi massimizzare il traffico sul tuo sito non investire solo in SEO, ma compra anche un bel po’ di AdWords…

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

6 Comments

  • Beh, da parte di Google non mi aspettavo un report che contraddisse i loro fini commerciali 🙂

  • Daniele invece è proprio in linea con lo stile di google secondo me. Spingono tantissimo adwords

  • Quoto Andrea e aggiungerei semplicemente il Meme ” Maddai :D”

    Scherzi a parte, perché non mettono a confronto anche i click che si ricevono tramite il circuito di AdWords e quelli “naturali”?

    Una vecchia slide di Rand Fishkin di SEOmoz: http://goo.gl/xAhBT
    dimostrava che gli organici stavano all’88% e il PPC al 12%

    Slide contestabilissima, per carità, si tratta di una ricerca ormai vecchia di due anni, ma se qualcuno ha degli studi più recenti sono curioso 🙂

  • Probabilmente non mi sono spiegato bene. La mia era ironica. Ovviamente sono tutti dati a favore di Google, se vogliamo essere maligni. Vogliamo?
    Si vogliamo 🙂

  • E’ da un pezzo che Google ha gettato la maschera.

    Già anni fa una pesantissima penalizzazione di TuttoGratis fu risolta con massiccio acquisto di link su adwords e come per miracolo, qualche mese dopo, tornò tutto a posto.
    Qualcuno ricorda questa vicenda?

    Ormai è finita: anche per Google conta solo il profitto per mantenere alto il suo valore azionario e l’entrata in borsa di Facebook contribuirà ancor più a puntare su un alto valore azionario.

    Un po’ come quando si licenziano dipendenti da una grande azienda e il valore delle azioni sale, il prodotto conta sempre nell’ingegneria finanziaria.

  • I dati sono interessanti, talvolta mi capita di fare ricerche su Google (per valutare le strategie pubblicitarie della concorrenza) e vedere che spendono denaro per apparire primi su key dove già sono primi e non hanno concorrenza.

    Non è così raro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy