Google AdSense Referrals

AdSense è da sempre sinonimo di pay-per-click (ovvero di annunci pubblicitari che pagano il publisher quando vengono cliccati ad un visitatore del sito).
Con l’annuncio dell’allargamento dei Referral ai prodotti/servizi di terzi, AdSense si spinge nel territorio del pay-per-action, andando inevitabilmente a competere con società che già ci operano da anni (come TradeDoubler e Zanox, giusto per fare 2 nomi molto noti in Italia).
Come funziona Google AdSense Referrals?Basta semplicemente loggarsi nel proprio account AdSense, cliccare su Impostazioni AdSense->Referral e quindi selezionare il prodotto/servizio che si desidera promuovere fra quelli elencati all’interno delle categorie; per l’Italia sono disponibili:

  • Prodotti Google
  • Acquisti
  • Business
  • Computer ed elettronica
  • Finanziamento e assicurazioni
  • Foto e video
  • Gastronomia e bevande
  • Giochi
  • Intrattenimento
  • Passatempi
  • Salute
  • Settore automobilistico
  • Telecomunicazioni
  • Viaggi

In ogni categoria sono presenti diversi prodotti/servizi, che remunerano il publisher in base ad una azione che l’utente deve compiere dopo aver cliccato sull’annuncio (generalmente, l’acquisto di quanto pubblicizzato sul banner o la compilazione di un form).

Da una veloce esplorazione delle categorie, ho notato che per l’Italia sono attualmente presenti ben pochi inserzionisti, anche se le provvigioni indicate sono piuttosto interessanti (ho visto, ad esempio, un servizio che promette di pagare 7,69 euro per ogni nuovo abbonato, e un paio d’altri che pagano 1,54 euro per l’invio di un modulo di richiesta informazioni); interessante anche la colonna Rendimento nella rete, che con il consolidato metodo delle “stelline” è in grado di mostrare quale inserzionista sta performando meglio:Il consiglio è quello di utilizzare i Referral (fino ad un massimo di 3 per pagina) scegliendoli fra quelli in target col proprio sito, e anche di raccomandarli agli utenti: a differenza dei “classici” annunci AdSense, infatti, “puoi tranquillamente incoraggiare o raccomandare l’uso dei prodotti da te segnalati sul tuo sito”.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

4 Comments

  • Come mai io non vedo tutti questi altri referral che dici tu? Ma solo i soliti di Google?
    E’ normale o per ora il servizio è disponibile solo per pochi?

    Ciao!

  • Davvero? pensavo fosse per tutti… si vede che il mio amico (dal quale ho preso alcuni dati inseriti nel post) è tra i fortunati 🙂

  • A quel che mi risulta l’aggiornamento alla versione 2.0 dei Referrals non e’ ancora avvenuta per tutti.

    La proveremo e vi faremo sapere…

    Have fun.

  • Anche io quando ho letto il tuo post non avevo la possibilità di accedere alle nuove categorie di referral.

    Oggi invece hanno aggiornato il mio account ed ho avuto la possibilità di provare e commentare il pay-per-action di Google 😉

    Credo che l’aggiornamento degli account AdSense sia graduale.

    Ciao

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social
Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor

Sponsor

Scroll to Top