Il giornalismo nell’era di Twitter

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Da quando ho iniziato a lavorare in Sky News nel 2009, ho fatto il produttore e il vice-caporedattore su un’ampia gamma di notizie nazionali e estere. Entrambi i ruoli necessitano di tutte le competenze del giornalismo tradizionale: capacità di scovare le notizie, martellare al telefono, bussare alle porte e parlare con la gente.

Tuttavia, col passare del tempo, il lavoro di giornalista ha significato adeguarsi all’emergere dei “nuovi media”, e in particolare dei social media. All’inizio il mio uso dei social media era limitato a postare foto che facevo la notte su Facebook; Twitter non era all’interno del mio “radar”. 5 anni più tardi le cose sono cambiate radicalmente. Twitter è diventato una parte fondamentale del mio lavoro (e le mie impostazioni della privacy su Facebook sono ora molto, molto più restrittive).

Lavorare presso la redazione di una testata di news internazionali comporta il monitoraggio, filtraggio e gestione delle priorità di una grande quantità di informazioni. Devi spaziare fra flussi di immagini, di notizie, di email e ovviamente di report che i tuoi giornalisti inviano dal campo. I social media hanno aggiunto una nuova dimensione a quello che faccio.

Trovo che Twitter sia come un flusso di lanci d’agenzia, con la differenza che ora posso interagire con questi. Ho trovato dei benefici nell’interazione e nel diventare noto come uno che posta velocemente delle breaking news: ora i miei follower sono diventati per me un nuovo servizio cruciale. Mi capita spesso di ricevere dei tweet del tipo “hai visto questo?” o “controlla la timeline”, e questa interazione si è rivelata preziosa, portandomi ad essere in prima linea su diverse notizie di un certo spessore.

Interagisco e monitoro costantemente su Twitter più di 2.000 fonti, oltre a una serie di liste, e ciò non è facile, ma non c’è altra scelta se voglio lavorare in questo ruolo e in questo settore nel 21° secolo.

Twitter mi fornisce tutto, dalle piccole dritte alle dichiarazioni ufficiali, la maggior parte delle quali arrivano su Twitter prima che altrove. Non c’è dubbio che Twitter è al momento il modo più veloce per pubblicare e diffondere informazioni. Tuttavia io non mi definirei un social media journalist, e non credo che i social media siano l’unico futuro delle notizie.

La natura dei social media è di diffondere notizie rapidamente, ma anche di fare da cassa di risonanza al rumore. Un recente tweet sulla morte di Margaret Thatcher è solo uno dei tanti esempi di falsa diceria che si è diffusa a macchia d’olio. La cosa interessante è che, quando questi rumor esplodono, la gente guarda ai vecchi giornalisti per conoscere i fatti.

In definitiva, siamo ad un punto in cui i giornalisti han bisogno dei social media tanto quanto i social media han bisogno dei giornalisti. Le persone vogliono notizie in tempo reale, ma vogliono anche sapere cos’è vero e cos’è falso. I giorni un cui un giornalista era solo dentro uno schermo TV, una voce alla radio, o il nome su una pagina, sono finiti: ora dobbiamo essere parte della conversazione.

Liberamente tradotto da The new journalism is working with 2,000 sources, di Neal Mann.

2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

7 Comments

  • I social media spero non siano come i commenti dove la gente si nasconde dietro un nick e passa il tempo ad insultare gli altri. Se dovessimo trovare un appellativo a questa gente sarebbe : frustrati ma è solo un eufemismo.
    Mi dispiace che non io abbia un lavoro VERO evidentemente il mio tempo è speso per disinformare. Meno male che c’è gente come i commentatori non rintracciabili dei forum e blog, che in nome di non so quale democrazia si permettono di insultare gli altri.
    Se fossi Taglia eliminerei il commento del frustrato che indigna una intera categoria fatta di giovani in gamba che con pochi soldi in tasca cerca di fare del proprio meglio con serietà e professionalità. Grazie

    Reply
  • “La natura dei social media è di diffondere notizie rapidamente, ma anche di fare da cassa di risonanza al rumore”

    E a che serve un giornalista? ad informare gli analfabeti del 21mo secolo, quelli che si informano (credendo di farlo veramente) alla tv, peccato che quando arriva la notizia a te è gia roba vecchia. Giornalai trovatevi un lavoro VERO.

    Reply
  • Anche io adoro Twitter anche se ammetto che le bufale corrono ancora più in fretta su questa piattaforma. Spero che il giornalista oltre a consultare Twitter verifichi anche la fonte. Anna

    Reply
  • “siamo ad un punto in cui i giornalisti han bisogno dei social media tanto quanto i social media han bisogno dei giornalisti”.

    Questo credo sia ciò che piace credere a chi di mestiere fa il giornalista.

    Reply
  • @Ilaria – già, ogni opinione ed esperienza va considerata all’interno del contesto che l’ha generata. C’è chi diceva che il “web è morto” ma in Italia è tuttora vivo e vegeto..

    @Tagliaerbe – grazie per aver riportato quest’esperienza. Il giornalismo e il settore dei media ora più che mai deve adeguarsi alle abitudini della nuova società

    Personalmente trovo che Twitter sia una delle mie principali fonti di informazione. Non vado a leggere nemmeno più i giornali online, le notizie le trovo su Twitter.. senza censura nè orientamento politico e soprattutto, in tempo reale!

    Reply
  • Analisi corretta. Il rischio però è elevato. Quando twitter si ferma, si fermano tutti.

    Reply

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

Il giornalismo nell’era di Twitter
Scroll to Top

Vuoi capire perchè il tuo sito non traffica?

REPORT SEO a soli 47€

anzichè 197€+iva
Giorni
Ore
Minuti
Secondi