Gigablast è meglio di Google (e di Ask)

gigablast
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Kleecks

Il miglior motore di ricerca non è Google: dopo Dogpile, che a ottobre svettava su Google e Ask, una nuova ricerca assegna a Gigablast la palma del miglior search engine.
Vediamo i dati in dettaglio:

  • lo studio ha comparato i risultati di Gigablast con quelli di Google, eliminando nomi e loghi;
  • è stato utilizzato un campione di 48 query, utilizzando le parole chiave più ricercate del 2007 secondo Google Zeitgeist:
  • i partecipanti allo studio sono stati oltre 220, in maggioranza (73%) nordamericani.

Concludendo, la maggior parte dei tester (il 55%) ha preferito Gigablast a Google.
In un altro test separato, Gigablast è stato comparato ad Ask:

  • il 44% degli utenti ha preferito Gigablast a Ask.com (rispetto ad un 34% degli utenti che hanno invece preferito Ask rispetto a Gigablast);
  • il 66% degli utenti ha votato Gigablast come migliore o uguale a Ask.com.

Ovviamente ho fatto subito alcune prove, ma i risultati sono stati piuttosto deludenti (visto che Gigablast restituisce di default risultati anglofoni anche su parole chiave italiane, un pò come quando si interroga Google.com anzichè Google.it).
Ho provato quindi la ricerca avanzata, selezionando la lingua “Italian”, e le cose sono decisamente migliorate… ma non al punto di renderlo superiore a Google (IMHO).
Secondo voi?

Fonte: Gigablast Better than Google or Ask.com : According to Study

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Altri articoli correlati

Work For Equity

Startup innovative: Work for Equity

Tra gli strumenti volti a favorire la crescita delle startup innovative vi è il work for equity una possibilità ancora poco utilizzata dalle società e

6 risposte

  1. Ho effettuato una decina di test; a me pare che i risultati siano pertinenti alle ricerche. La notizia non è da poco, considerando che sono anni che non si vedeva un nuovo motore di ricerca efficiente.

  2. Effettivamente effettuando una ricerca stardard, c’è un po’ di confusione, specialmente su parole inglesi di uso comune (es. Bed and Brekfast).
    Soprattutto se siti multilingua… da quello che ho potuto notare, in alcuni casi, non selezionando la lingua italiana nella ricerca avanzata, le serp restituisce le pagine relative alla sezione inglese del sito.
    Ma è un ottima alternativa ai più famosi cugini 🙂

  3. Beh, ovviamente non c’è paragone nè a livello di user friendliness nè sotto il profilo dei risultati (che apparentemente seguono le mededime regole di Google senza averne però la complessità algoritmica).
    Molto bella comunque l’idea di fare il chunking down dei risultati per favorire l’affinamento della ricerca: un bell’aiuto alla targetizzazione delle ricerche più generiche.

  4. Per i primi 6-7 risultati la ricerca restituisce buoni risultati…
    Per quelli successivi, da parecchia importanza all’anzianità del dominio ed un po’ meno ai contenuti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *