Ggoal, il primo motore di ricerca web 2.0 italiano

Torno anche oggi a parlare del futuro dei motori di ricerca, sempre più “umani” e sempre meno “algoritmici”.
L’occasione mi viene offerta da Ggoal, search engine attualmente in versione alfa, che avuto modo di provare alcuni giorni fa.
Incuriosito, ho posto alcune domande al suo ideatore, Giulio Giorgetti, e ne è uscita questa interessante (almeno spero…) intervista.

Cos’è Ggoal?
Ggoal è un motore di ricerca Web 2.0, basato sulle persone.
In Ggoal sono gli utenti a segnalare siti Internet, contributi multimediali e qualsiasi altro dato sparso sulla rete. Le segnalazioni possono arrivare da tutti: utenti registrati e non registrati.

Perché Ggoal?
Per aiutare gli utenti a trovare le informazioni di Internet con semplicità e qualità. Ggoal vuole semplificare la vita a tutti gli utenti, dai bambini, agli studenti, ai manager incalliti ai pensionati.

Ma Google, Yahoo, e MSN non bastavano?
Con Ggoal si hanno dei risultati di ricerca precisi che sono stati selezionati direttamente dagli utenti.
Invece di avere 44.000.000 di pagine di Google ed avere poi 3 o 4 link realmente utili con Ggoal si hanno solamente i link utili. Questo significa precisione, qualità e risparmio di tempo.

Ggoal usa spider?
No assolutamente. Ggoal si basa sui contributi della gente e non dei “ragni” (spider) in piena logica Web 2.0.

Ggoal è quindi simile Wikipedia?
Ggoal è simile Wikipedia nel senso che è un progetto Web 2.0, dove sono gli utenti ad alimentare il sistema. Ma Wikipedia è un’enciclopedia, Ggoal è invece un motore di ricerca “general purpose”.
Tra l’altro se avete esperienza nell’inserimento di informazioni in Wikipedia, saprete quanto è difficile inserire nuovi contenuti qualora questi non risultino essere “già noti”. Questo in Ggoal non succede, ognuno è libero di inserire ciò che vuole basta rispettare alcune regole.

Ad esempio quali regole?
Beh primo fra tutti l’attinenza tra una parola chiave e i siti web o gli altri contributi multimediali come video, audio, documenti. Poi sono vietati inserimenti di siti violenti e di sfondo sessuale.

Scelta azzardata, niente siti di sesso?
Per quello ci sono i vecchi motori di ricerca. Ggoal è un motore di ricerca basato sulla qualità dei contenuti e deve essere sinonimo di garanzia ed efficienza.

Come è possibile inserire nuovi contenuti in Ggoal?
È molto semplice, basta collegarsi a Ggoal (www.ggoal.com), fare una ricerca e seguire le istruzioni. A seconda dei casi Ggoal dirà se ha trovato dei risultati e quindi basta selezionarli ed aggiungere eventualmente keyword e siti internet associati oppure se non lo trova fornisce la possibilità di inserire la ricerca in Wishlist (Ricerche Desiderate).

Cosa è esattamente la funzione Ricerche Desiderate?
In pratica con la funzione di Ricerche Desiderate (o wishlist) si ha la possibilità di chiedere agli utenti della community Ggoal di ricevere link utili per una ricerca che si sta facendo e chi non si è trovata.
Può essere messa sia sotto forma di keyword che di domanda eventualmente.

Insomma simile a Yahoo Answer?
Si esatto, simile ma si differenzia da Yahoo Answer perché in Ggoal questa funzionalità è integrata al 100% con il motore di ricerca e non è svincolata. Inoltre altra grossa differenza qui in Ggoal c’è la garanzia di risposta da parte degli amministratori. Se per qualche motivo nessun utente della community ha risposto o a risposto parzialmente alla richiesta dell’utente gli amministratori forniscono i link utili.

Le segnalazioni arrivano dagli utenti, come fa a scegliere Ggoal quali sono quelle con più importanza?
Ggoal utilizza un sistema democratico, più un sito associato ad una certa keyword è stato segnalato più compare in cima alla ricerca dei risultati. Quindi per intenderci niente metatag.

Le ricerche vengono effettuate quindi solo sulle keyword associate ad un certo sito Web?
Oltre alle keyword segnalate dagli utenti sono considerati anche i commenti. Questo da modo di effettuare una ricerca anche su degli elementi “naturali”, cioè da alcune brevi frasi descrittive.

Ci sono prodotti simili a Ggoal in giro?
Ogni tanto arriva qualcuno a segnalare dei motori di ricerca simili salvo poi ricredersi che in realtà sono differenti. Al momento nessuno ci ha portato un esempio realmente simile a Ggoal.

Ggoal è simile a DMOZ?
Si, per certi versi Ggoal è simile a DMOZ ma utilizza una logica Web 2.0. Ci sono poi delle enorme differenze rispetto ai tempi di risposta (che tempo avete avuto l’ultima volta che avete inserito una keyword in dmoz? ci siete riusciti?). In Ggoal gli utenti registrati hanno la possibilità di inserire il loro sito in 2 ore. Su Ggoal poi ci sono altre funzionalità aggiuntive come la Wishlist e il Bookmark.

Bookmark?
Si esatto, con il Bookmark di Ggoal è possibile memorizzare alcune ricerche particolarmente utili.
Ad esempio per la mia società sono molto utili alcune ricerche tipo “suoni gratuiti” o “immagini gratuite”. Con un clic ho subito le informazioni che voglio e da qualunque PC, utilizzando il mio account.

Al momento Ggoal è in versione Alfa, quando è prevista l’uscita del prodotto finale?
Si, siamo in versione Alfa e stiamo ottimizzando alcune funzionalità, il progetto è in linea da circa 5 settimane e abbiamo già ricevuto parecchi feedback positivi. Stiamo lavorando per far uscire la versione Beta a Gennaio anche in qui in piena logica Web 2.0.

Come vi state muovendo per la promozione Ggoal?
Per il momento stiamo chiedendo supporto ai blogger italiani. Essendo Ggoal un motore di ricerca completamente made in italy è un onore condividere questa esperienza con altri nostri colleghi.
Dopotutto Ggoal è un motore di ricerca fatto dalle persone ed è per questo che sono proprio le persone il punto focale dell’iniziativa. Dai primi mesi del 2008 attiveremo poi una promozione anche all’estero, anche se qualcuno già sta parlando di noi pure negli Stati Uniti.

Ggoal è il futuro dei motori di ricerca? Google & Co. moriranno?
Beh non credo che i vecchi motori di ricerca scompariranno per colpa di Ggoal ma credo che molti seguiranno la sua logica. Noi siamo solo i primi ad avere applicato un certo tipo di discorso ed è un onore sapere che questa idea sia made in italy.

Ci risentiamo a Gennaio, quindi?
Certo ma invito tutti a scriverci per suggerimenti, opinioni e idee.
Ciao e buon Ggoal a tutti!

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

29 Comments

  • Bellissima idea e bellissimo progetto.

    L’unica perplessità è il possibile uso smoderato degli “addetti ai lavori” (leggi SEO etc.)
    Il fatto che le segnalazioni siano moderate (se non ho capito male) limiterà i danni, ma mi domando quanto possa reggere la moderazione nel caso di una diffusione su larga scala.

  • Gran bel progetto! L’avevo tenuto d’occhio in tempi non sospetti e ora si cominciano a vedere i risultati. Sono veramente contento che si possa instaurare una nuova partnership con migliaia di utenti 🙂

    Poi le perplessità si risolvono, la tecnologia lo permette.

    In bocca al lupo Ggoal!

  • Bello, peccato che dopo un pò di segnalazioni di siti web ti segano l’IP per 15 minuti.
    Non è molto 2.0 🙂

    Certo, avranno visto segnalazioni a manetta, ma che colpa ne ho se sto inserendo i siti come loro mi richiedono?

    Se facesso una form più user friendly dove in un colpo solo segnali sito web, commenti e parole chiave correlate non sarebbe sbagliato.

  • Ciao Davide, grazie per aver pubblicato l’intervista!
    Ringrazio inoltre tutti gli utenti che si stanno collegando al sito http://www.ggoal.com.
    Faccio alcune annotazioni:
    1) gli IP non sono “tagliati”, il problema è che per il momento siamo su un famoso provider che non è però molto efficienti. A Gennaio ci sposteremo su un nuovo web server più efficiente.
    2) continuate ad inserire senza problemi nuove keyword
    3) chiedeteci senza problemi nuove Ricerche Desiderate
    4) se avete suggerimenti potete scriverci a suggest@ggoal.com

    ciao a tutti

    Giulio

  • Beh Giulio, una segnalazione te l’ho fatta … Si potrebbe fare un form di inserimento migliore.

    Poi non capisco una cosa, aggiungendo altre parole chiave, vedo che altre scompaiono.
    E’ semplicemente perchè vengono mostrate le ultime, o si possono inserire solo un tot?

  • Ciao Web-MA, ti ringrazio per la tua osservazione. Per il resto Ggoal di default visualizza le 10 parole chiave più segnalate dagli utenti ma è possibile agendo sul pannello della propria area riservata aumentarlo a 30.
    Per quelli che hanno chiesto il mio contatto msn: ggiorgetti@fluilink.com

    ciao

    Giulio

  • Buono a sapersi, ancora non avevo spulciato tra le preferenze.
    Sto con due dita sulla tastiera e tre sulla cornetta del telefono.

    Cmq, grazie e per lo stumento e per l’e-mail che aggiungo alla lista dei contatti.

  • Oh… finalmente qualcosa in chiave di qualità anche in italiano…
    Spero vivamente che il progetto prenda una buona piega, lo seguo con interesse e, appunto, l’idea di un sito che nasca ‘dal basso’ ma di qualità, con buone segnalazioni in italiano mi piace moltissimo…
    Beh, contribuiamo allora!

  • Bella idea, però… devo essere sincero non mi convince la navigazione per arrivare finalmente al sito…

    Mi spiego, se inserisco “Mobile” vorrei vedere almeno l’elenco dei siti cui è stato associato il tag Mobile oppure che abbiano un tag relazionato con il tag “Mobile”. Il sito diventerebbe molto più usabile e veloce…

    Certo, con il passare del tempo potrebbero uscire migliaia di risultati… beh, pensate a quello che restituisce Google… Poi non dico mica di buttare via l’idea dei related tag, si mettano in bella vista, per permettere all’utente di raffinare la ricerca…

    E’ solo un parere personale, ma vedo il rischio di tag relazionati con altri tag su molteplici livelli… e quando non si ha bene l’idea di quello che si sta cercando diventa difficile, soprattutto quando i tag diventano così specifici…

    Saluti
    Fabio

  • Ciao Fabio e grazie per i complimenti.
    Prendiamo della tua osservazione sul discorso “mobile”.
    Per il resto Ggoal anche se ci sono migliaia di risultati visualizzerà quelli più attinenti scelti dagli utenti. Più un tag è stato segnalato per una certa keywords dagli utenti più questo risulterà in cima.
    Ggoal di default infatti visualizza solo il primi 10 tag più importanti ritenendo inutile visualizzerne di più. Comunque sia come già detto a Web-MA è possibile impostare fino a 30 visualizzazioni.

    ciao e a presto

    Giulio

  • Giulio,

    devi perdonare la mia insistenza, ma è talmente bello vedere che anche in Italia qualcuno si muove che volevo sottolineare nuovamente il mio pensiero…

    Quello che state realizzando, è, a mio parere un sistema di Social Bookmarking… organizzato meglio di un sistema di social bookmarking classico, diciamo con meno rumore di fondo…

    C’è un problema a mio avviso sulle informazioni che contestualizzano un link… ci sono solo i tag… in altri contesti (ma non voglio citare il solito del.icio.us)abbiamo, un titolo, una descrizione… questo porta implicitamente a limitare il numero di definizioni di tag, perchè ci si aiuta un pò anche con il titolo che caratterizza il link…
    ed ovviamente le ricerche vanno a verificare anche il contenuto testuale dei link…

    Tra l’altro non si potrebbe verificare se il sito dispone di un feed RSS o ATOM e proporne la sottoscrizione o il link direttamente dalla vostra interfaccia… diventereste anche un ottimo feed directory… (in Italia siamo messi maluccio in tal senso)

    In ogni caso ancora tanti complimenti…

  • Ciao Fabio, grazie, facciamo tesoro dei tuoi consigli.
    Il discorso feed rss è già emerso in altre occasioni e pensiamo di implementare qualcosa entro i primissimi mesi del 2008.

    Per il resto per chiunque volesse approfondire con il Ggoal Team questi argomenti possiamo sentirci via e-mail suggest@ggoal.com o contattarmi personalmente su msn: ggiorgetti@fluilink.com.

    Grazie ancora per i complimenti, ci spingono a migliorare di giorno in giorno!
    ciao

    Giulio

  • bella l’ idea e soprattutto la provenienza del progetto che incoraggia chi ha voglia di imprendere nell’ area Web 2.0
    In Spagna è presente da qualche anno un motore di ricerca molto similare http://www.gennio.com che sta avendo successo..vi auguro lo stesso

    saluti

  • Ciao Guido, grazie per i complimenti!
    Ti ringrazio inoltre per la segnalazione di http://www.gennio.com ma ho avuto modo di vederlo e devo dire che è molto differente da Ggoal.
    Gennio utilizza comunque come base del proprio motore di ricerca uno dei vecchi motori di ricerca, in questo caso Google. Lo stesso discorso lo fanno altri motori di ricerca “finti web 2.0”. Ggoal invece è interamente basato sulle segnalazioni degli utenti e non utilizza algoritmi preordinati.
    Per il resto, si, sicuramente il made in Italy non ha nulla da invidiare al resto del mondo.
    Chiunque vuole può partecipare a Ggoal, fatevi sentire.

    ciao

    Giulio
    http://www.ggoal.com

  • Ottima idea, ottimo sviluppo e ottima realizzazione!

    Personalmente credo molto nella riuscita di questo progetto, e credo che ognuno di noi dovrebbe appoggiarlo, in quanto prodotto “made in Italy” e di grandi prospettive.

    Condivido l’osservazione di DAG sulla difficoltà nella moderazione, ma sono sicuro che il Team di Ggoal riuscirà ad ovviare tranquillamente al problema.

    In bocca al lupo!
    Domenico Gravagno

  • Grazie Domenico per i complimenti, l’entusiamo e il supporto!
    Dopo passa alla cassa 🙂

    Colgo l’occasione per farvi i miei migliori auguri di buone feste e vi aspetto su Ggoal!

    ciao

    Giulio

  • Gran bella proposta!

    La pulizia è la cosa che mi piace di più quando faccio una ricerca e Ggoal mi pare molto chiaro.

    Certo, andarsi a scontare con mostri come la grande G l’è dura, ma le idee di base mi sembrano ottime; in particolare sono effettivamente dell’idea che l’interazione tra persone sia fondamentale per ottenere dei risultati soddisfacenti.

    L’umanizzazione è fondamentale, a mio avviso, anche per i sercenginz…

    Un’unica cosa non mi è chiara: la wishlist cambia ad ogni refresh; non dovrebbero essere le 10 ricerche più frequenti?

  • Ciao Jack_Asso e grazie per i complimenti!
    Come da alcuni suggerimenti ricevuti, anche tramite questo blog, abbiamo provveduto a modificare la lista delle ultime ricerche desiderate visualizzando non solo le ultime 9, ma le ultime desiderate all’interno degli ultimi giorni in maniera randomica.
    Questo consente a tutti gli utenti di poter dare il loro contributo quindi anche su alcune richieste pervenute qualche giorno prima.
    ciao

    Giulio

  • Bella idea diciamo che il lavoro grafico potrebbe lasciare un pò a desiderare ma comunque l’importante è il contenuto anche se oggi la parte estetica vuole la sua parte. Ma il proggetto non era certo dei più semplici quindi…
    se posso direi:
    GGOAL il primo MOTORE di ricerca italiano che si AVVIA con voi…

  • Ciao Patrizio, grazie i complimenti!
    In merito al “Motore” che si “Avvia” è un’idea che è venuta in mente durante i vari brainstorming interni e non e personalmente a me piaceva molto ma risultava difficile poi una frase equivalente in inglese e l’attenzione si spostava molto sul discorso “motore” nell’accezione meccanica del termine e poco sulla “umanità” di Ggoal.
    Comunque come al solito ben vengano suggerimenti e segnalazioni.
    Per quanto riguarda la grafica in genere abbiamo avuto molti apprezzamenti ma come esperienza insegna qui si va sul soggettivo e quindi il nostro obiettivo è cercare di soddisfare più persone possibili (pensiamo di esserci riusciti).
    Comunque se vuoi darci qualche riferimento in più su ciò che non ti convince magari chiarendo se si tratta di un discorso meramente estetico o se invece ti riferisci all’eventualità di ottimizzarne l’usabilità siamo pronti a sentirei i tuoi consigli.

    ciao e a presto

    Giulio

  • Ciao
    si assolutamente il discorso estetico è meramente soggettivo e quindi era solo un riferimento secondo il mio punto di vista, ma comunque rimane il fatto che è sempre un ottimo lavoro (parlo sempre da inesperto comunque), per quello che ho potuto constatare riguardante il discorso funzionalità mi sembra un buon motore di ricerca.
    Sulla frase suggerita; si è vero avevo pensato anche io al fatto meccanico che non corrisponde con la vera natura del sito.
    Ah!!! mi ero dimenticato nell’altro messaggio inviato… In bocca al lupo…

  • Ggoal è inutile, ho provato a chiedere LO SPERONE GARGANO, non mi ha dato nessun risultato, solo GARGANO , due risultati, ho provato invia ad un amico, SOLO GLI UTENTI REGISTRATI …

    Ma come ancora nessuno ti conosce e già fai lo snob?

    Meglio http://www.cuil.com/

    ha più dati di Google, ma è di molto inferiore, cè una ricerca su tre colonne o su due , ma …

    ————— >>>>>>>>> Francesco Martino

  • @Francesco

    un commento il tuo che mi puzza veramente di trollaggio.

  • Ciao Francesco, non ho detto che Ggoal è meglio di Google al momento. Ho detto che secondo me la logica Web 2.0 verrà applicata presto anche ai motori di ricerca e credo sia un’ottima forma per migliorare i risultati.
    Ggoal al momento non un prodotto finito ma un prototipo, non ci sono i finanziamenti di Google. Comunque sia se non vogliamo parlare del prodotto Made in Italy ma vogliamo vedere all’esterno c’è il progetto Wikia Search che sarà maturo tra circa 2 anni e dietro cui c’è il fondatore di Wikipedia. Quindi per dire che qualcun altro ha avuto il nostro stesso pensiero. Chiaro che Google non sia interessato al Web 2.0 oppure voglia modificarlo a proprio piacere. Il vero Web 2.0 sarebbe un danno per Google. Potrebbe fare la fine di Microsoft che dopo aver dominato il mercato è ora superata come immagine da Google stessa.
    Il post era uno spunto a riflettere e ho trovato interessante dare anche il nostro spunto. Per quanto riguarda cuil.com lo conosciamo bene, lo abbiamo testato ma crediamo che alla fine non sia ancora valido e che sia l’ennesimo tentativo di copiare Google.

  • @ Andrea Moro

    Non so che significa trollaggio e quindi non ti posso rispondere in merito

    Poi se permetti ho dato dei consigli, non si è arrabbiato il gestore del sito, ti arrabbi tu, sei in qualche modo collegato?

    Che so collaboratore, amico, altro?

    Se per esempio la faceva come directory, faceva prima a riempirla di dati, così ci vorrà una vita.

    E poi la pubblicità la si può fare anche in modo artigianale, ovvero INVIA AD UN AMICO nessun sito ha preteso la registrazione, anche se mi sono registrato; INVIA AD UN AMICO deve essere libero, lo mando ad un amico e si fa comunque un po’ di pubblicità.

    Poi si può fare pubblicità anche con le Safelist.

    Potrebbe anche chiedere aiuto a GOOGLE, iscrivendosi ad Adsense; gli inglesi dicono:

    – Se non puoi battere un avversario, divendandogli amico.

    ————— >>>>>>>>> Francesco Martino

  • Certo Francesco, hai ragione, la funzione invia ad un amico dovrebbe essere libera. Ma dopotutto non sarebbe un prototipo se fosse già tutto perfetto e sicuramente non è l’invio ad un amico il cuore del progetto.

  • D’accordissimo sul discorso di diventare amici di Google 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy