Come ottenere più Like su una foto di Facebook

Se vuoi prendere il maggior numero di “Like” possibile da una foto che hai messo su Facebook, evita di fotografare persone. Questo, in estrema sintesi, è il risultato di uno studio condotto da Nikon COOLPIX assieme all’Università della California (Berkeley), che ha rilevato che le foto che ottengono più “Mi piace” sono quelle di paesaggi, animali e cibo.

Lo studio, nel quale 500 persone di varie nazioni europee hanno valutato 35 foto diverse fra loro per qualità e soggetti, ha scoperto che i ritratti di persone o le foto di gruppo scattate durante un evento hanno ottenuto il minor numero di reazioni positive. I ricercatori hanno quindi estratto una sorta di “formula matematica”, che se osservata permetterebbe di massimizzare le reazioni positive nei confronti di una immagine pubblicata su un social.

Ecco la formula:

L + A + (I + H + C)
CE (correct exposure) – B (blur)

Chi pubblica foto su Facebook dovrebbe preferibilmente includere un paesaggio (L=landscape) o un animale (A=animal), e fare in modo che il soggetto sia di “ispirazione” (I=inspirational) per chi lo osserva – per esempio, un tramonto – contenga qualcosa di umoristico (H=humor) oppure di carino, dolce, attraente (C=cute). Inoltre, è cruciale che l’esposizione sia corretta, minimizzando la sfocatura.

Immagini a bassa risoluzione o sfocate hanno infatti meno probabilità di ottenere “Like”, mentre una foto in un ambiente ben illuminato avrà sempre una miglior accoglienza di una scura o sovraesposta.

“Emozione e qualità sono le cose che contano” ha affermato il Dott. Paul Piff, che ha guidato il team di ricerca. “Quando abbiamo chiesto ai partecipanti a quali foto avrebbero dato un “Mi piace” su Facebook, abbiamo anche valutato come si sentivano dopo aver osservato l’immagine. Il legame più forte con il “Like” è venuto da foto che hanno ispirato lo spettatore, come possono essere dei paesaggi, rispetto a foto con dentro persone, che hanno maggiori probabilità di far sorridere piuttosto che ispirare. Allo stesso modo, una bassa qualità dell’immagine può suscitare una emozione negativa. Foto di persone con gli occhi rossi, scene mal illuminate o facce sfocate, abbattono notevolmente l’interesse verso l’immagine.”

Come già rilevato da altri studi, sono proprio i contenuti “visuali” che producono il maggior numero di condivisioni su Facebook. Se poi si tratta di gattini e #foodporn, ancor di più.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

5 Comments

  • Gatti, sesso e cibo attraggono più di tutti. Senza dubbio.

  • non saprei…. la foto di una bella donna mezza nuda dovrebbe tirare parecchio comunque!

  • Come il famoso detto.. “Can che abbia, fa un sacco di visualizzazioni..”

  • Non so, queste ricerche mi lasciano sempre un po’ perplesso… spero che Nikon e Berkeley abbiano investito tempo e denaro non soltanto per venire fuori con una formula per marketers che in fondo scopre l’acqua calda. E in ogni caso non ha molto senso usare una foto pensata a tavolino soltanto per renderla più condivisibile, se poi comunque ti porta a farti conoscere da un pubblico non interessato al tuo prodotto. Come al solito, le formule magiche (quelle che funzionano davvero), non esistono. My two cents.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy