I fattori di posizionamento su Google del 2015, secondo Searchmetrics

Searchmetrics Ranking Factors 2015

Dopo le edizioni del 2012, 2013 e 2014, torna un grande classico che accompagna da qualche anno a questa parte le estati di SEO e webmaster: sto parlando dello studio di Searchmetrics sui fattori di posizionamento su Google, i Search Ranking Factors, giunto all’edizione 2015.

Dallo studio, basato su Google U.S. ed effettuato su 10.000 parole chiave e 300.000 URL, è stata ricavata un bella infografica e un corposo PDF di 72 pagine, che può essere scaricato gratuitamente compilando il form presente sul sito di Searchmetrics.

Ancora una volta, mi preme sottolineare che si tratta di una ricerca sulla correlazione che hanno alcuni elementi, interni o esterni al sito, con il posizionamento su Google. Ma la ricerca NON può dimostrare che sono proprio quei fattori ad essere la causa del buon posizionamento della risorsa sul motore di ricerca. Correlazione, insomma, non implica causalità.

Detto questo, qui sotto trovi un sunto degli elementi rilevanti emersi dallo studio, diviso per le 5 macro-aree prese in esame.

1. Tecnica

  • I fattori tecnici continuano ad essere un importante prerequisito per il raggiungimento di un buon posizionamento (con buoni contenuti), e la cosa non sembra destinata a cambiare.
  • Il valore del “fattore keyword” continua a diminuire fortemente nella maggior parte dei settori analizzati.
  • Aumenta il numero di pagine altamente ottimizzate, che includono cose come la meta description e componenti come i tag Header. Ciò significa – oltre ad un miglioramento della scansione da parte dei bot dei motori di ricerca – anche una user experience migliorata.
  • Anche se le pagine tendono ad essere sempre più grandi/grosse, il tempo medio di caricamento (delle prime 30 meglio posizionate) è in calo.
  • I domini con un’alta visibilità lato SEO, godono anche di un miglior posizionamento dei loro URL.

2. User Experience

  • Il numero delle immagini utilizzate sui siti web è cresciuto (rispetto allo scorso anno), mentre il numero dei video integrati è sceso.
  • Il calo delle integrazioni dei video è dovuto (probabilmente) alla decisione di Google, presa a Luglio 2014, di mostrare solo piccole miniature dei video nelle SERP per i grossi portali di video.
  • La percentuale di siti che integrano Google AdSense, posizionati nei primi 30 posti, è scesa rispetto al 2014.
  • I contenuti delle pagine meglio posizionate sono meglio strutturati, contengono più elementi interattivi e sono quindi più “comprensibili” e “interpretabili” per gli utenti e per i bot.
  • I vertici delle SERP sono dominati da siti responsive, e da quelli che NON utilizzano Flash.
  • Gli user signal sono essenziali per i tuoi contenuti e per il posizionamento. Il comportamento degli utenti sui motori di ricerca fornisce al motore stesso un feedback diretto su come i tuoi contenuti soddisfano (o meno) i lettori.

3. Contenuti

  • Il contenuto delle 30 pagine meglio posizionate è diventato ancora più lungo rispetto all’anno precedente. La lunghezza media del testo è cresciuta di circa il 25% rispetto al 2014.
  • Allo stesso tempo, il contenuto è diventato più “olistico”. La popolarità dei proof term (=termini strettamente correlati alla parola chiave principale) è rimasta invariata (ad un livello elevato), ma la percentuale di siti che utilizzano altri termini rilevanti/pertinenti è cresciuta.
  • La complessità dei contenuti è diminuita: secondo l’indice di leggibilità di Flesch, i testi sono leggermente più semplici da leggere.
  • L’importanza delle parole chiave nei link (interni ed esterni) è diminuita.
  • Le pagine con i contenuti più rilevanti per una determinata query di ricerca, tendono a posizionarsi meglio.
  • Le parole chiave sono una parte naturale del contenuto, ma non sono significative senza un contenuto rilevante all’interno di un contesto logico.
  • Rilevanza/pertinenza e lunghezza del testo vanno spesso di pari passo. Una buona tecnica è quella di scrivere testi più lunghi, menzionando temi correlati che siano rilevanti.

4. Segnali Sociali

  • La correlazione fra segnali sociali e buon posizionamento, rimane alta.
  • I segnali medi per URL e posizione sono aumentati in modo molto importante.
  • Ciò nonostante, rimane l’interrogativo sul reale impatto dei segnali sociali sul ranking: molto probabilmente, sono solo uno dei tanti segnali utili a mostrare ai motori di ricerca nuovi contenuti rilevanti.

5. Link

  • A livello statistico, i backlink sono ancora un prerequisito per ottenere un buon posizionamento. Le correlazioni fra link e rispettivi fattori di posizionamento sono infatti elevati.
  • In base all’analisi di Searchmetrics, l’importanza dei link diminuirà in futuro a favore di altri fattori. I link dovrebbero essere considerati nel contesto dei segnali sociali, ovvero come segnali di ranking ma anche come conseguenza di un buon posizionamento, e non come causa.
  • Nel testo ancorato dei backlink, aumenta la presenza del nome a dominio rispetto alla parola chiave. Allo stesso tempo, un minor numero di backlink ha la home page del sito come destinazione dei link, mentre aumentano i link verso risorse interne.
  • Questo cambio di rotta potrebbe essere correlato ai tentativi fatti da Google per combattere i link innaturali (vedi le penalizzazioni di network di link e di blog, e il rilascio di nuove versioni del Penguin).
  • La percentuale di backlink con attributo rel=”nofollow” è aumentata in modo considerevole rispetto al 2014.

Conclusione

Per concludere, ecco in estrema sintesi i consigli di Searchmetrics:

  • Crea contenuti pertinenti/rilevanti in base all’intento di ricerca e alla tipologia dell’utente:
    1. Tipo di query: transazionale, informativa, etc.
    2. Dispositivo di destinazione: desktop, mobile.
  • Smetti di pensare alle parole chiave. Le ricerche effettuate dagli utenti sono di vario tipo, anche se possono avere intenti simili.
  • Struttura gli argomenti in cluster di termini strettamente correlati, e collega i topic dello stesso tema alla stessa landing page, o a nuove pagine di destinazione create ad hoc (a seconda dei casi). Non lavorare con le liste, ma usa le mappe mentali.
  • Offri i tuoi contenuti agli utenti nella miglior forma possibile, fornendo loro la miglior esperienza possibile. I tuoi contenuti dovrebbero essere ottimizzati per la leggibilità, di facile interpretazione e all’interno di una struttura ed un design atti ad offrire una user experience ottimale.
Vuoi migliorare il posizionamento del tuo sito? Rivolgiti ad un consulente SEO attivo su Internet dal 1995!
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

11 Comments

  • Continua ad aumentare l’importanza dei segnali di gradimento da parte dell’utente come fattore di posizionamento…sarà la solita storia del “Bounce rate” (giustissima) o comincerà anche a considerare dove “clicca” l’utente?

  • Quando parli di “L’importanza delle parole chiave nei link (interni ed esterni) è diminuita” intendi anche alla scelta del nome dominio?
    Posizionare per consulente web marketing sergiomenichini.it è la stessa cosa di consulentewebmarketing,it? Quindi emd in calo?
    .

  • Non scordiamoci che questi dati (l’infografica stessa) è base Google US.

  • Ciao Davide, il test di Searchmetrics è come al solito piuttosto interessante, anche se a mio personale avviso, mi sembra che manchi una considerazione, il ventaglio di argomenti trattati all’interno del sito web.

    Nel 2007 con un sito generalista di buona qualità, piccole dimensioni e basso tasso di crescita del numero di pagine, era possibile posizionare chiavi secche non correlate tra loro, mentre oggi per ottenere lo stesso risultato bisogna avere rilevanza e capacità di crescita nettamente superiori.

    Per questo motivo, come primo fattore per il posizionamento sui motori di ricerca, una forte verticalizzazione degli argomenti trattati dal sito. In sostanza, scegli la tua nicchia e curala al meglio. Cosa ne pensi?

  • Sì Andrea, il tema della verticalizzazione è sempre valido; ricordo che nel 2008 scrissi un post dal titolo “Tematizzare: il primo comandamento SEO”… 😉

  • Alcuni dei fattori di posizionamento individuati da Searchmetrics vincono il premio GAC (= grazie ar c@xxo).
    “Le pagine con i contenuti più rilevanti per una determinata query di ricerca, tendono a posizionarsi meglio.” ma va? Beh certo che se Google dopo 17 anni di onorato servizio non posizionasse le pagine più rilevanti nei primi posti sarebbe ben grave…
    “Le parole chiave sono una parte naturale del contenuto, ma non sono significative senza un contenuto rilevante all’interno di un contesto logico.” e anche qui premio GAC….
    “I domini con un’alta visibilità lato SEO, godono anche di un miglior posizionamento dei loro URL.” questa invece proprio non l’ho capita…che significa?

  • @Adriano, credo che l’ultimo punto significhi che in un dominio con un (passami la forzatura del parametro di Moz) DA alto, quando pubblichi nuovi contenuti (e quindi nuovi URL), questi si posizionano meglio. Anche questo è abbastanza ovvio…

  • Bell’articolo. Nonostante i social signals avranno un impatto sempre più forte sul ranking, i link ad oggi rimangono il fattore più incisivo.

  • Ciao Davide, grazie per aver pubblicato i fattori per il posizionamento.
    Stavo cercando l’elenco sul sito originale di Search Metrics ma loro vogliono la registrazione con profilazione per eseguire il download dell’infografica. Google mi ha portato di nuovo sul Taglia Blog! 🙂

  • Direi che è l’evoluzione naturale di Google, che si sta sempre più plasmando attorno ai bisogni degli utenti e non ai capricci degli utenti e degli editori/web master. Il comportamento degli utenti credo che sia uno dei fattori determinanti in una ottica crescente nel tempo. I link sono i veri segnali sociali del web, un link condiviso su Facebook o sui social può benissimo essere influenzato dalla riprova sociale, dal momento e dalla volontà di apparire in un certo contesto, mentre un link che parte da un sito e ne raggiunge un altro, implica sia una partecipazione più attiva da parte del mittente, sia una responsabilità sempre da parte del mittente. Ed un analizzatore di comportamenti come Google sicuramente lo tiene in considerazione. La qualità dei backlink potrebbe essere uno dei parametri importanti in una ottica globale che comprende tanti fattori diversi. Il contenuto rimane la parte più importante, credo che il SEO stia diventando sempre più a misura di utente.

  • Articolo Interessante sicuramente andrò a leggere il PDF.
    Scrivere buon testo ed originale a mio avviso è l’elemento essenziale..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy