“FaceSense”, ipotesi sull’AdSense di Facebook

Da tempo ipotizzo la nascita di un AdSense di Facebook, ovvero di una “esondazione” dei banner di Facebook al di fuori dei confini del social network.

E nei giorni scorsi anche Nicholas Carlson di Business Insider si è lanciato in varie congetture, partendo da questa immagine:

Una bozza del futuro FaceSense?


In buona sostanza, l’idea sarebbe la seguente. Attualmente Facebook vende i suoi annunci pubblicitari solo all’interno di Facebook.com. Questi banner vengono targhettizzati in base ai dati e alle informazioni che Facebook ha sull’utente. Questo è un business che da solo fa circa 4 miliardi di dollari (vedi il riquadro in alto a sinistra):

Dai banner in Facebook, e quelli sui siti di terze parti

Nel riquadro in basso a sinistra c’è invece l’FBX, ovvero il Facebook Exchange: il sistema – basato sul real-time bidding e attualmente in test sui network di TellApart, Triggit, Turn, DataXu, MediaMath, AppNexus, TheTradeDesk e AdRoll – rilascia ai visitatori di un sito di terze parti un cookie che lo “insegue” anche dentro il social network. In altre parole, il retargeting secondo Facebook.

L’ipotesi di Business Insider è che Facebook non costruisca da sé tutto il sistema, ma possa acquisire AppNexus – una delle 8 piattaforme in test nonché uno dei principali player nel settore del real-time ad buying – per accelerare la discesa in campo.

Il riquadro in alto destra è il risultato definitivo: un business stimato per 10 miliardi di dollari l’anno, dove Facebook esporrà i suoi banner fuori dal social e potrà targhettizzare al meglio gli annunci pubblicitari grazie ai dati che già possiede sui propri utenti, sommati a quelli fornitigli dai cookie di terze parti.

Perché il nome “FaceSense”? Ovviamente perché il tutto ricorda molto da vicino la logica con cui opera AdSense, che porta nelle casse di Google circa 2,5 miliardi a trimestre: ma se Google ricava 10 miliardi di dollari da AdSense, non credo che questi potranno automaticamente trasferirsi, da un giorno all’altro, nelle tasche di Zuckerberg.

Inoltre il grosso del business di AdSense è generato dai siti di proprietà di Google, e non dai banner esposti su siti di terze parti: pensare che gli inserzionisti disinvestano in massa dagli annunci esposti dentro il motore di ricerca (di Google), per metterli in banner (di Facebook) polverizzati su ennemila siti web, mi pare un’idea un po’ peregrina…

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

3 Comments

  • @Taglia non vedo lora che succeda! Ma solo per una cosa: almeno spero che AdSense si “fruchi” in tasca e paghi un po’ di più..solo per questo!

    Poi comunque avere banner di Facebook molto probabilmente potrebbe attirare più click, magari se enfatizzati in modo da mettere in risalto il Marchio del Social.

    Speriamo accada presto!

  • Ciao Taglia, sempre news interessanti 🙂
    sembra che facebook le stia provando tutte per evitare una “discesa” economica, ma come dici tu dubito che possa attingere in toto agli investimenti in adwords poichè le logiche di targeting sono troppo diverse e poco orientate alle conversioni.
    Poi già mi immagino siti penalizzati da google perchè usano “facesense” 🙂

  • Sarebbe positivo avere finalmente un concorrente degno di adsense. Speriamo anche che tale concorrenza alzi le percentuali riconosciute ai piccoli publisher

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy