Facebook: i vecchi cliccano i banner, i giovani il “Like”

Gli anziani sono più inclini a cliccare sugli annunci pubblicitari di Facebook rispetto ai giovani, che invece preferiscono interagire con i brand su Facebook e sono più propensi a cliccare su “Mi Piace”.

Questi sono i dati che emergono da una ricerca condotta dell’agenzia SocialCode sui Facebook Ads di 50 clienti, e focalizzata su quelli che includevano un immagine, del testo e il bottone “Mi piace”. Lo studio ha analizzato quanti utenti hanno cliccato sull’annuncio, e da questo quanti hanno poi fatto “Like” sulla pagina dell’azienda.

La ricerca ha rilevato che le donne sono più inclini a cliccare sui banner di Facebook, anche se uomini e donne hanno la stessa propensione a farlo quando ci hanno cliccato almeno una volta. Il CTR (click-through rate) medio delle donne di tutte le età è dello 0,029%, mentre quello degli uomini dello 0,026%. Il tasso di “Like” fra chi ha cliccato un banner è del 39% per le donne e del 38% per gli uomini.

I più anziani sono più propensi a cliccare sui banner: il CTR fra i 18-29enni è infatti dello 0,026%, ma sale allo 0,033% per gli over 50.

Tuttavia, gli under 50 sono più inclini a dare il “Mi piace” ad un brand: i 18-29enni e i 40-49enni lo fanno per il 40%. I 30-39enni hanno invece un “like rate” del 38%, mentre gli over-50 si fermano al 36%.

Questi dati dimostrerebbero che i più giovani, stando su Facebook più a lungo, hanno più propensione ha mostrare il loro supporto ad un brand tramite un “Like”, e lo fanno più spesso; i più anziani sembra invece che preferiscano cliccare sui banner per informarsi meglio, per studiare il brand.

I marketer potrebbero sfruttare queste informazioni per creare campagne su Facebook focalizzate alle 2 tipologie di utenti, e quindi aumentare da un lato i “Like” e dall’altro il CTR: per esempio, per raggiungere un pubblico più adulto, i brand potrebbero ottimizzare le landing page in modo che l’utente possa trovare più informazioni senza cliccare sul “Like”. Se il target del brand è più giovane, e magari maschile, potrebbero invece focalizzarsi ad ottenere “Like” all’interno dell’annuncio.

Liberamente tradotto da Age, Gender Affect Whether Consumers Will ‘Like’ an Ad.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

2 Comments

  • Sicuramente le informazioni sono utili e come dici tu si possono utilizzare nello studio di una campagna ad hoc. Ma non vedo cifre percentuali enormemente dissimili, quindi targettizzare la campagna potrebbe rivelarsi non del tutto corretto ed ottenre risultati non certi.

  • […] “propensione ha mostrare” […]
    Eh? C’è un’acca di troppo tra queste tre parole

    In merito al contenuto dell’articolo non posso non tener conto che l’indagine ha riguardato un campione formato da persone che risiedono negli USA. Quindi un altro mondo, un’altra visione del mezzo e una maggiore familiarità con la rete che da noi, nella “vecchia Europa”, purtroppo ancora oggi, ci sognamo. Sarebbe comunque interessante sapere qual è la percentuale di persone – per le stesse fasce di età – residenti negli States che cliccano abitualmente un annuncio pubblicitario su FB.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy