Facebook e Twitter sono i Re nella condivisione di link

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

ShareThis, in collaborazione con Starcom MediaVest Group (SMG), ha rilasciato nei giorni scorsi un interessante studio sullo sharing, che ha analizzato la bellezza di 7 miliardi di condivisioni, 300 milioni di utenti e 1.000 editori.

Ne è emerso che l’azione di sharing produce circa il 10% delle visite per i siti web, e il 31% del referral traffic. Di questo 31% Facebook si mangia ben il 38% della torta, mentre Twitter e email condividono il secondo gradino del podio con un 17% a testa.

Questi dati riguardano i click effettivi, ma se prendiamo i numeri “grezzi” (che includono anche le condivisioni sulle quali non ci sono stati click) la percentuale per Facebook è ancora più alta: il popolare social rappresenta infatti il 56% di tutti i contenuti condivisi (in crescita dal 45% dell’Agosto 2010), seguito dall’email col 15% (in calo dal 34%) e a seguire Twitter all’8% (in calo dal 12%).

E se Facebook guadagna punti percentuali, Twitter resiste bene in termini di click effettivi:

Media di click

in media le condivisioni via Twitter ricevono 4,9 click l’una, contro i 4,3 click per Facebook e gli 1,7 click dei link condivisi via email.

Ma la condivisione non è una cosa così virale come qualcuno potrebbe aspettarsi: un link han ben poche probabilità di essere ricondiviso dal primo giro di contatti al quale è stato inviato. In altre parole, se condivido un link con qualcuno che conosco ci sono buone probabilità che venga cliccato, mentre è molto difficile che il mio contatto condivida a sua volta il link con altri.

Lo studio ha inoltre evidenziato che l’80% delle persone condivide solo una determinata categoria di link e più del 70% clicca sempre e solo su una categoria:

Quante categorie di link condividono le persone?

per esempio Facebook è particolarmente forte nei settori dell’entertainment e dello shopping, mentre Twitter e le email sembrano più forti negli ambiti business e salute.

Infine chiudo con un aspetto curioso, ovvero quello della “verticalità” degli influencer: in pratica è emerso che, in molti casi, si può essere influenti in 1 o 2 ambiti, e non a tutto tondo. Da ciò ne deriva che non tutti i link che condividiamo hanno la stessa probabilità di essere cliccati/diffusi, ma è meglio specializzarsi in pochi settori ed evitare di cercare di passare per “tuttologi”, se puntiamo ad ottenere Like e Retweet.

Liberamente tratto da ShareThis Study: Facebook Accounts For 38 Percent Of Sharing Traffic On The Web, di Erick Schonfeld.

2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
2dc13395536c431966c0b7bc5282437b
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

5 Comments

  • Ottimo articolo, mi ha colpito molto l’analisi di facebook!
    Spero che twitter diventi più popolare in futuro, c’è l’ho da anni ma con pochi contatti, faccio fatica a ‘entrare nel giro’.

    Reply
  • La mia idea è che Twitter prima o poi diventerà di uso comune anche qui in Italia.

    Alcune “mosse” di Twitter sembrano aprire la strada a questa prospettiva … ed in parte ce lo conferma Apple stessa che con il nuovo O.S. per iPhone integrerà Twitter.

    Reply
  • Potremmo essere dei pionieri!?

    Prima o poi arriverà anche qui! Come Facebook. In Italia Facebook è esploso 2-3 anni fa.

    Buona giornata a tutti!

    Reply
  • Ok come al solito qui si parla di dati americani. Ho fatto un sondaggio tra i membri della community artistica che amministro, frequentata appunto da artisti, critici d’arte, appassionati d’arte.

    E’ emerso che lo 0% (ripeto lo ZERO percento) utilizza twitter, piu’ o meno la metà sa cos’è ma non lo utilizza, piu’ o meno la metà non sa nemmeno cos’è.

    A parte i soliti smanettoni, in Italia twitter è un completo sconosciuto.

    Reply

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

Facebook e Twitter sono i Re nella condivisione di link
Scroll to Top

Vuoi capire perchè il tuo sito non traffica?

REPORT SEO a soli 47€

anzichè 197€+iva
Giorni
Ore
Minuti
Secondi