Facebook è il social che porta più traffico agli editori!

Il nuovo Social Media Traffic Report di Shareaholic, basato su una analisi di 13 mesi su dati raccolti da 200.000 editori che raggiungono più di 250 milioni di utenti unici al mese, ha confemato (più o meno) i valori dello scorso anno:

Shareaholic’s Social Media Traffic Trends

Facebook regna incontrastato, e si conferma il social in grado di portare più traffico verso i siti web degli editori: la somma degli altri 7 social presi in esame (Pinterest, Twitter, StumbleUpon, Reddit, YouTube, LinkedIn e Google+) non arriva nemmeno alla metà della percentuale del traffic referral di Facebook.

Ma guardiamo i dati in dettaglio, grazie anche a questa chart di Statista.com che compara il traffico (portato dai vari social agli editori) del mese di Settembre 2012 con quello di Settembre 2013.

I dati di Shareaholic elaborati da Statista

1. Facebook domina, seguito da Pinterest e Twitter

Questi 3 social, a Settembre del 2013, hanno pesato complessivamente sul traffico per il 15,22%, segnando anche una notevole crescita rispetto all’anno precedente: Facebook ha guadagnato il +58,81%, Pinterest il +66,52% e Twitter il +54,12%. Se prendiamo la media sui 13 mesi, Facebook segna l’8,11% (ma a Settembre il 10,37%), Pinterest il 3,24% (a Settembre il 3,68%) e Twitter l’1,17% (stabile su Settembre).

2. StumbleUpon e Reddit sono in netto calo

Nonostante l’acquisizione i 5by, StumbleUpon ha perso il -27,47%, e Reddit addirittura il -35,16%. Attualmente il traffico medio che questi 2 social possono portare agli editori è rispettivamente dello 0,58% e 0,36%.

3. YouTube e LinkedIn stanno guadagnando punti

Anche se oggi sono molto lontani dalla vetta (rispettivamente con lo 0,26% e lo 0,07% del traffico complessivo portato agli editori), YouTube e LinkedIn crescono rapidamente: il primo ha fatto segnare un +52,86%, mentre il secondo un +34,51% rispetto al 2012.

4. Google+ fanalino di coda

Con una media dello 0,06% e una crescita annuale del 6,97%, Google+ chiude il gruppo dei social: in pratica, è quasi irrilevante rispetto ai competitor, e sembra crescere anche meno rapidamente di tutti gli altri.

Shareaholic’s Social Media Traffic Trends

Se Google (motore di ricerca) è da sempre la principale fonte di traffico per gli editori del web, per Google+ sembra che il cammino sia invece ancora molto lungo…

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

12 Comments

  • insomma google e’ forte come motore di ricerca ma come social non ce la fa proprio allora?

  • Questi sono dati americani, in Italia facebook è l’unico social che porta traffico, gli altri sono inesistenti

  • Se questi sono dati americani, dato che come dice Massj la tendenza in Italia è ancora più accentuata, si possono trarre poche semplici conclusioni:

    – cosiderata anche la scarsa qualità del traffico da social, un 15% è un dato molto basso
    – Facebook è il social dove vale la pena lavorare
    – Twitter in ambito editoriale è enormente sopravvalutato, e nei fatti mangia molto più traffico di quanto non ne porti
    – G+ è una completa perdita di tempo, ma questi si sapeva a meno di non vivere su Marte

  • @Nick : allora Google te lo integra a forza in tutti gli altri suoi prodotti e usa i webmasters come “promoters” grazie ai vantaggi che ne possono trarre nelle serp.

  • Ciao,
    @Roberto, in effetti Google fa un gran parlare di contenuti eccellenti, link spontanei, posizione in serp a chi offre veramente contenuti utili ai propri utenti, ecc., e poi la sua politica sul suo “social” è praticamente quella di imporlo, di obbligare a registrarsi (vedi l’ultima dei commenti su youtube), di voler per forza far passare qualcosa che gli utenti avrebbero (e hanno) già bocciato, che trovano praticamente inutile e che dunque, stando alle linee guida sopra citate, dovrebbe affossarsi e scomparire…

    Grazie,
    ciao e buona giornata!

  • In effetti Google fa davvero fatica a sfondare a livello “social” e se guardiamo l’Italia Facebook è il sovrano incontrastato.

  • Personalmente con gli ultimi cambiamenti al Newsfeed di Facebook non mi ci trovo come numeri…. Dovendo condividere molti link che sono contenuti del sito ci è difficile avere buon visibilità tra i nostri fan 🙁 Anche voi?

  • @Delex: confermo! Da qualche settimana ho notato un fortissimo calo della portata sui link condivisi in modo automatico (ad esempio, con strumenti come NetworkedBlogs)… magari la cosa non è emersa dallo studio in questione, essendo i dati riferiti al periodo Settembre 2012 – Settembre 2013.

  • I risultati sono tutt’altro che inattesi. Twitter è sempre stato pessimo come referral, e Plus soffre di un utilizzo medio bassissimo…

  • Ciao, secondo voi, a parte il traffico diretto che può arrivare dalle condivisioni, quanto può essere importante a livello SEO condividere su Facebook i link dei propri siti? In altre parole, secondo voi FB “passa trust”?

  • Statistiche davvero interessante….. e sorprendente, soprattutto per la differenza dei valori dei singoli social. Ma pensandoci un po’ è logico pensare che si tende a condividere di più le notizie dove si hanno più amici e quindi, siccome Facebook è il social al momento più frequentato, risulta anche il più adatto per pubblicare notizie che poi vengono lette e seguite dagli amici.

  • Statistiche incredibili a primo impatto…certamente come viene detto da seologico secondo me e davvero questa la potenza dei social su argomenti condivisibili tra amici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy