Facebook Timeline, banner e eye tracking

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

Ora che parecchi utenti di Facebook sono passati alla nuova Timeline, è interessante capire se e come sia cambiata l’attenzione dell’utente verso i vari elementi che compongono la pagina.

Uno studio di EyeTrackShop, ripreso da Mashable, offre qualche indicazione:

L’immagine di copertina della Facebook Timeline è la prima cosa che viene guardata. Tuttavia, i partecipanti allo studio hanno trascorso più tempo guardando la foto del profilo rispetto all’immagine di copertina.

Gli annunci pubblicitari di Facebook spiccano di più nella Timeline. Se il 43% degli utenti notava gli annunci sul vecchio profilo, ben il 63% li ha visti nella Timeline. La quantità di tempo spesa ad osservare il banner è però identica sulle 2 pagine.

Le informazioni personali – come il lavoro e la città natale – ricevono maggiori attenzioni nella nuova Timeline. Gli utenti hanno speso in media 2,2 secondi su questa sezione rispetto agli 1,6 secondi del vecchio formato.

Il secondo punto è quello, a mio parere, più intrigante.

Se non lo avessi notato, i banner presenti nella spalla destra della Facebook Timeline NON scorrono. Sono fissi. Ciò significa che scorre tutto il corpo centrale, ma gli annunci pubblicitari rimangono sempre in evidenza, allo stesso posto, esattamente come il piccolo menu in alto a destra con le date (anzi, a volte mi è capitato di vedere salire i banner al posto del box con le date quando scorro la pagina verso il basso, per poi tornare come prima – date in alto e banner in basso – quando torno su).

In pratica i banner galleggiano sulla pagina: è l’effetto “floating”, che troviamo applicato su certi siti anche ai bottoni sociali, alle barre orizzontali o ai menu verticali (mi viene in mente quello di Poste.it di qualche anno fa).

Se effettivamente il banner flottante viene osservato dal 20% in più degli utenti, con ovvi miglioramenti anche dal punto di vista del CTR, credo che a breve ce lo ritroveremo anche all’interno di diversi siti/blog.

E se ci pensi bene, è la naturale prosecuzione del Project Devil di Aol:

Aol Project Devil

un layout a 2 colonne, dove a sinistra c’è solo il contenuto e a destra solo la pubblicità (a questo punto, però, fissa e galleggiante sulla pagina).

Potrebbe funzionare?

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

4 Comments

  • Beh… da che mondo e mondo la pubblicità “rovina” i film sul più bello o interrompe la lettura di un’articolo di giornale facendoci voltare pagina per proseguire 🙂
    E’ normale che la pubblicità sia fastidiosa: è sempre stato così.

    Reply
  • E’ veramente intrigante questa analisi..però questa pratica della pubblicità in evidenza davvero la ritengo fastidiosa!.

    E’ buono che l’attenzione sia aumentata verso le informazioni personali ma creare questo “floating” siamo sicuri che non rovina completamente la navigazione!?!..secondo me è troppo “catalizzante”..

    Reply
  • Gli annunci Facebook con la nuova timeline sono ancora più in evidenza e quindi chi li usa è più avvantaggiato di prima

    Reply
  • io la trovo fastidiosa, troppo insidiosa e insistente, e tendo a chiudere la pagina, interessante o meno.

    Reply

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

Facebook Timeline, banner e eye tracking
Scroll to Top