Come aumentare l’engagement su Facebook

Strategies For Effective Facebook Wall Posts: A Statistical Review” è una ricerca di Buddy Media – ripresa anche da Mashable – che mira a determinare quali sono i fattori che portano un “wall post” ad avere successo su Facebook.

L’analisi è stata effettuata sulle pagine Facebook di più di 200 clienti di Buddy Media, per un periodo di 2 settimane, utilizzando principalmente 3 metriche:

Comment Rate: numero di commenti in percentuale sul numero di fan
Like Rate: numero di “like” in percentuale sul numero di fan
Engagement Rate: combinazione dei 2 fattori qui sopra in base al numero di fan

Dallo studio sono emersi parecchi dati interessanti; fra questi:

Orari e giorni migliori: i post pubblicati al di fuori del normale orario d’ufficio hanno il 20% in più di engagement rispetto agli altri post. Nella fattispecie si evidenziano 3 picchi: al mattino presto (alle 7), all’uscita dal lavoro (alle 17) e prima di andare a letto (alle 11). A livello di giorni, la domenica e i primi 3 giorni della settimana (lunedì, martedì e soprattutto mercoledì) sono quelli nei quali si ottiene un maggior engagement, mentre nei 3 giorni successivi (giovedì, venerdì e sabato) l’interazione è ai minimi. Curioso notare che la domenica, giorno in assoluto migliore per l’engagement, è anche quello nel quale si registra il minor numero di post; post che si concentrano invece di venerdì, quando sembra però che gli utenti non hanno una gran voglia di interagire. Qui altri studi sugli orari e l’attività degli utenti su Facebook.

orari e giorni migliori su Facebook

Parole chiave “promozionali”: quali keyword portano più like/commenti quando si organizzano contest, concorsi o lotterie?

Keyword da utilizzare o meno per i contest su Facebook

Lughezza del post: i post fino a 80 caratteri hanno, mediamente, il 27% in più di engagement rispetto a quelli oltre gli 80 caratteri (che rappresentano solo il 19% dei tutti i post)

URL: le percentuali di engagement sono 3 volte superiori per gli URL completi rispetto agli URL “accorciati” con i vari shortener (tinyurl.com, bit.ly, ow.ly)

Parole chiave: chiudiamo infine con le keywork più furbette per chi vuole ottenere più “like” (a sinistra) o più commenti (a destra):

Keyword che portano più like e comment su Facebook

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

11 Comments

  • Post chiarissimo e molto pratico: che l’ora e il giorno siano molto importanti è intuitivo, per chi frequenta un minimo FB. Mi sorprende un po’, invece, che i picchi di engagement siano al di fuori dei normali orari d’ufficio. Non so quanto questo si verifichi anche per gli utenti italiani.
    Utili informazioni, per utili riflessioni. Grazie.

  • Si, avevo letto l’articolo di BuddyMedia, molto interessante, ma sono daccordo con Ilaria: l’utente italiano è diverso. A parte il fatto che abbiamo la più alta percentuale di utenti FB di qualunque altro paese (mi pare si dicesse l’80% degli utenti web), mi piacerebbe che ci fosse una lista di parole chiave per l’italia.
    Audiweb, ci stai leggendo? 🙂

  • Sono stupito anche io dai dati sugli orari, per esperienze personali i post intorno alle 10:30 del mattino sono stati quelli con il maggior successo.
    Ho un dubbio anche sulla domenica, nei casi in cui abbiamo postato la domenica, l’engagement è stato molto più basso del solito

  • Davvero interessante.

    Bello e utile capire dalle statistiche come e quando agire…

  • Interessante! Altrettanto interessante sarebbe ripetere la statistica per l’Italia, per cui sono quasi sicura uscirebbero dei dati differenti. Io sono amministratrice di diverse pagine brand, se qualche altra agenzia/professionista si vuole unire potremmo provare a produrre una statistica collettiva utile per tutti. Chi ci sta?

  • @Emanuela: se trovi altre agenzie si può provare a raccogliere i dati, anche in modo neutro, e poi mi offro di pubblicarli in un post ad-hoc 🙂

  • Concordo con Ilaria e Federico, l’utente italiano è un caso a parte.. sarà un bene o un male?

  • Dalla mia posso dire che, come numero di utenti in chat, la sera è quello in cui ho il picco (over 200)..c’è da dire che essendo io giovane (22 anni a giugno) non so quanto possa essere affidabile il mio numero.

    Aggiungo però che quando condivido un post su oknotizie noto la stessa cosa: molte + visite di sera (esclusi sabato e demonica) rispetto al resto della giornata..

  • Secondo me l’alto engagement che hanno registrato di domenica è fortemente legato al periodo dell’anno in cui si trova. probabilmente, per un mero fattore ambientale, la gente è più propensa a stare al pc (e quindi su fb) d’inverno piuttosto che d’estate 🙂

  • Molto interessante il tuo post, come sempre…
    concordo sulla specificità italiana, soprattutto legata ad alcuni settori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy