Uomini, donne e CTR su Facebook

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Kleecks

Nove mesi fa appurammo che su Facebook le donne (e le persone di una certa età) sono più “cliccose” degli uomini, almeno per quanto riguarda le pubblicità.

Una recente ricerca di TBG Digital su 235 inserzionisti e 327 miliardi di impression, riportata su Business Insider, aggiunge almeno 3 interessanti particolari alle vecchie rilevazioni. Nello specifico:

I single cliccano poco

Le persone fidanzate, sposate o che comunque hanno una relazione sessuale cliccano rispettivamente il 177%, il 185% e il 205% in più dei single.

Le donne cliccano molto

La differenza del CTR (click-through rate) fra uomini e donne è del 20%. E le madri sembrano essere le più attive, almeno dal punto di vista del tempo speso su Facebook e del social gaming.

Tutto il mondo è paese… tranne la Francia

Gli uomini utilizzano Facebook nella pausa pranzo e nel “social time”, e ciò abbassa l’engagement rispetto al pubblico femminile (almeno secondo il giudizio di TBG). Solo in Francia, stranamente, la situazione è ribaltata.

La prossima volta che pianifichi una attività su Facebook, ricordati di questi dati 🙂

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Altri articoli correlati

Work For Equity

Startup innovative: Work for Equity

Tra gli strumenti volti a favorire la crescita delle startup innovative vi è il work for equity una possibilità ancora poco utilizzata dalle società e

3 risposte

  1. Sono dati sicuramente interessanti per chi si occupa di pubblicità on line. Forse le donne cliccano di più, perché sono più curiose.

Rispondi