L’ equazione perfetta: + TECH = + MARKETING

Oggi vorrei raccontarti di un cliente SEO con cui ho avuto il piacere di lavorare. Forse il mio aneddoto sembrerà ovvio ai SEO di eccellenza, ma penso che possa costituire uno spunto di riflessione utile soprattutto se hai potere decisionale (ossia budget) in una media o grossa realtà aziendale che si sta evolvendo in direzione web.

Era una giornata soleggiata di Aprile: sveglia alle 6 per prendere il treno per Milano. Il cliente che stavo per incontrare sembrava essere molto esperto, con un know-how tecnico vasto e con una buona preparazione lato SEO. Insomma, dovevo fare molta attenzione.

Ero un po’ ansioso, ma allo stesso tempo tanto incuriosito ed eccitato all’idea di lavorare con una realtà tecnicamente avanzata e competente, cosa rara nel mercato italiano di aziende web.

Dopo 3 settimane ho elaborato un foglio di specifiche. Dopo nemmeno 15 minuti…

Le specifiche sono state rilasciate, ecco che ora inizia la parte migliore.

Mi ero già preparato ad una serie di incontri tecnici durante i quali avrei dovuto spiegare come e dove mettere le mani nel codice sorgente per evitare di creare problemi a Google. In realtà niente di tutto ciò è accaduto.

Ho ricevuto semplicemente una mail con scritto: “siamo in produzione, ma non dire ancora a nessuno”.

Ho visto un sito in produzione e, per la prima volta ho visto tutti i dettagli SEO importanti applicati e sviluppati dallo staff tecnico quasi senza alcun errore.

Il sito di cui vi ho parlato si chiama Liquida.it, attualmente il più promettente portale di notizie in Italia e non solo.

Autore: Michal Gawel (direttore tecnico di Seolab e relatore al corso The Google Show che si terrà a Milano a fine giugno), per il TagliaBlog.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

16 Comments

  • Concordo, più tecnico significa maggiori competenze e maggiore qualità.

    Mi trovo veramente d’accordo al 100%.

  • Si, vero, sono d’accordo, ma attenzione!

    Lavorare per clienti di quella portata non è poi così difficile, è vero, c’è da stare molto attenti, un errore può costare caro…

    Ma non è un po’ falsata l’attività SEO quando si lavora su un sito che macina backlink spontanei giornalieri a decine?

    E’ un po’ come fare l’agente della modella più bella del mondo… sbaglio? ;o)

  • Con clienti di questa portata con competenze tecniche tutto può filare liscio.

    Con i clienti con i quali abbiamo a che fare ogni giorno, che sono quasi tecnici, quasi commerciali, quasi seo, quasi tutto, bisogna stare a motivare ogni singola virgola e discutere per ore dello sfondo di un tasto perché a loro piace così!

  • Estremamente OT:

    Mich, adesso tutte le volte che andrò su liquida m’immaginerò l’uomo nero, non hai mai pensato di fare l’attore? 🙂

    Ciao,
    Yuri.

  • @Roberto credo fosse proprio il succo del discorso di Michal: dobbiamo spronare i clienti ad eliminare quel QUASI… Sopratutto spingendoli a spendere tempo e denaro nella FORMAZIONE… Credo che molti abbiano paura che se il cleinte segue corsi di formazione ed impara i nostri “segreti” probabilmente poi farà a meno di noi…
    Penso che in alcuni casi potrebbe essere così, ma il resto delle volte ci troveremmo a lavorare con clienti più competenti, che sanno quel che vogliono (senza perdere giorni per la definizione del colore di un bottone) e sopratutto non storceranno il naso al momento del conto: perchè CONOSCONO in prima persona quanto lavoro ci sia dietro 😉

  • Concorrdo con te , Luca, se i clienti sapesse quanto lavoro e CONOSCENZE ci vogliono per fare bene un lavoro di posizionamento sono certo che non si metterebbero mai a farlo, ma capirebbero i costi che gli vengono prospettati. Se un cliente esperto in seo stesse a farsi il posizionamento non farebbe più il suo lavoro. Io so cambiarmi una gomma, ma di sicuro non perderei mezza giornata a farlo anzichè dare 50 € al gommista.

  • Ciao ragazzi,

    Adriano : Sono d’accordo. Sono sicuro che Liquida anche senza consulenza SEO guadagnerebbe buona visibilità. Al contempo ad un certo livello, avere consulente non serve più per “fare seo” ma piuttosto per avere un parere in più, una visione in più, un paio di spunti che poi nel complessivo fanno la differenza.

    Luca, Igor: E ovvio che i clienti illuminati faranno le loro scelte. Alcuni decidono di affidarsi ai consulenti seo, altri vorranno farlo internamente, altri punteranno su un mix di consulenza + staff interno. Penso che la soluzione ottimale va tagliata dal cliente all’altro, ma penso anche che la strada giusta e illuminare i clienti e far evolvere il mercato seo nella maniera naturale, senza troppe ambiguità e sfumature inutili. Tanto se uno sa fare seo veramente bene non avra problemi poi a riccolocarsi nel mercato evoluto.

  • Clienti tecnicamente preparato significa una sicurezza in più anche nelle questioni di budget. Ho sempre lavorato per la pubblicità offline, dove i risultati erano misurabili veramente a fatica, quindi in pratica non esiste il “cliente tecnicamente preparato”. Da poco affronto il mondo dell’Internet Marketing e per questo ho notato molta più differenza e clienti che, quando sono preparati, ti permettono veramente di raggiungere soddisfazioni personali e professionali.

    Complimenti per Liquida, al momento è uno dei siti più interessanti del mercato italiano!

  • L’unico vero motivo di questo articolo era trovare un motivo valido per ottene un backlink dal blog del Taglia.

  • Luca: yeah e proprio cosi! Sai che io faccio la seo con tutta la premeditazione. Sono un predatore. Non perdo nessuna occassione per un backlink di valore in piu:)

  • Penso che la soluzione ottimale va tagliata dal cliente all’altro, ma penso anche che la strada giusta e illuminare i clienti e far evolvere il mercato seo nella maniera naturale, senza troppe ambiguità e sfumature inutili.

    lisa

  • Fantastico!
    Grandissimo intervento questo di Michal Gawel e ancor più la conclusione, sono perfettamente d’accordo tanto che lo vorrei invitare a Genova a Vinix Unplugged Unconference a fare uno speech su questo tema, pensi di riuscire a passargli il mio messaggio Tagliaerbe?

    Grazie infinite.

    Filippo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy