Earlybird, ecommerce + pubblicità in Twitter

L’early bird, secondo il dizionario, è una persona che si alza presto, oppure una che arriva prima degli altri.

Secondo Twitter, invece, @earlybird è un account all’interno del quale i cinguetti saranno costituiti da “offerte esclusive provenienti da partner selezionati”.

Come possiamo infatti leggere nelle FAQ su earlybird, il nuovo servizio non è nient’altro che un sistema per diffondere offerte speciali di prodotti tramite un apposito account Twitter. L’inserzionista decide i termini dell’offerta, la disponibilità e il prezzo della mercanzia, e il cinguettio promozionale viene sparato a tutti gli iscritti a @earlybird (in meno di 24 ore dall’annuncio, l’account conta quasi 20.000 follower).

Mi sono soffermato a pensare se questo nuovo servizio di Twitter (lanciato meno di 3 mesi dopo Promoted Tweets) potrà essere o meno un successo.

Ci ho pensato su perché avevo letto di incredibili success story di aziende che, adottando una proficua “Twitter ecommerce strategy”, han fatto soldi a palate (un nome su tutti Dell, che fra il 2007 e il 2009 ha dichiarato di aver fatto 3 milioni di dollari di revenue grazie alla popolare piattaforma di microblogging).

Però poi mi son detto: mi sa che Dell i soldi li ha fatti perché su Twitter NON solo ha cinguettato di offerte e coupon, ma ha innescato la famosa conversazione con gli utenti (termine che tanto piace a chi si occupa di social media marketing).

Sparare una raffica di “offerte miste” da un account potrà avere lo stesso successo? Non lo so, forse la cosa è troppo sbilanciata verso la pura pubblicità, e manca del sostegno di una customer care che credo sia basilare quando c’è di mezzo un acquisto da effettuare online.

O comunque ci vorrebbero almeno delle promozioni ben targhettizzate e magari geolocalizzate (cosa che Twitter credo possa fare, visto il recente annuncio di Places e dell’integrazione con Foursquare e Gowalla), non offerte sparate nel mucchio.

Secondo te?

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

6 Comments

  • Penso che quelli di Twitter non siano scemi e vista la impellente necessità di monetizzare, abbiano individuato in questo account uno strumento valido.
    Il fatto che di tutto potrà passare su quell’account, un pò mi stupisce, perchè non targettizzare gli account in base alla classe merceologica?
    A meno che le offerte non saranno davvero eccezionali, non vedo il motivo di questo “sparare sul mucchio”.

    Staremo a vedere.

  • Concordo…non credo sia sensato sparare nel mucchio.

  • Concordo con l’articolo.
    Sparando offerte cosi a casaccio si fà ben poco, bisogna creare comunque una conversazione , insomma si deve creare del contenuto altrimenti è inutile ( come dicevi per quanto riguarda Dell)
    E’ vero che con twitter è piu facile arrivare al pubblico, ma per creare contenuti non è meglio un blog di supporto?

  • Sarà, ma non mi sembra abbiano una strategia proprio chiara… è più un trial and error…

  • Certamente non avrebbe molto successo un advertising così indiscriminato, ma dubito che rimarrà così a lungo. Credo che si evolverà presto in un sistema più intelligente e targettizzato, visto che le possibilità ci sono.

  • “Early bird” è un’espressione usata per caratterizzare offerte commerciali dedicate alle prime n persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Max Valle

Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, 
aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Seguimi sui social

Iscriviti alla Newsletter

Main sponsor

Sponsor

Scroll to Top

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy & Cookie policy