“Display Business Trends: Publisher Edition”: lo stato della Display Advertising secondo Google

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Pochi giorni fa Google ha rilasciato un nuovo report, denominato Display Business Trends: Publisher Edition.

Il documento di 23 pagine, primo di una serie di altre pubblicazioni riguardanti la pubblicità online, è focalizzato in particolar modo sulla display advertising, e va a toccare anche gli ambiti del mobile e dei video.

Fra i dati raccolti da Google sulle reti Doubleclick Ad Exchange e AdSense nel corso del 2011, ho estratto i seguenti:

• La categoria più rilevante per numero di impression è quella denominata Arts & Entertainment, mentre quelle a maggior crescita rispetto al 2010 sono state Shopping (+37%) e Pets & Animals (+29%). Sul lato opposto, le maggiori contrazioni si hanno su Business & Industrial (-25%) e Online Communities (-21%).

• Dal punto di vista del CPM, sul podio ci sono rispettivamente le categorie Health, Business & Industrial e Jobs & Vacation. In coda al gruppo Books & Literature, Autos & Vehicles e Law & Government. Incrociare questi dati con i precedenti è molto utile per individuare le nicchie in crescita e/o quelle più remunerative: per esempio, Business & Industrial perde il 25% delle impression rispetto al 2010, ma è comunque la seconda categoria più redditizia. Viceversa, le impression di Autos & Vehicles sono cresciute del 24%, ma il CPM di quell’area è fra i più bassi in assoluto (almeno secondo Google).

• Quali paesi “consumano” più impression?

Impressions by Country

Fra tutti svettano gli Stati Uniti (24,7%), ma di assoluto rilievo la performance della Cina, con il 10,5%. Ricordo che uno studio di Google/DoubleClick dello scorso anno riportava un CTR record dello 0,64% proprio in quel paese, e facendo 1+1 si può immaginare che BigG dovrà continuare guardare ad oriente con grande attenzione…

• Le dimensioni dei banner più utilizzate sono quelle che vediamo abitualmente su praticamente tutti i siti web: primo il medium rectangle da 300×250 pixel (33% del totale) e secondo il leaderboard da 728×90 pixel (32%). Il classico banner da 468×60, quello che ha originato la display advertising sul web, copre ormai solo il 3% delle posizioni e ha perso il 16% rispetto all’anno precedente. Fra i formati che occupano oggi una quota ridicola ma sono in netta crescita segnalo il 300×600 (+37%), il 300×100 (+70%) e soprattutto i formati mobile 320×50 (+119%) e 300×50 (+186%).

• Formati piccoli = CPM piccoli ; formati grossi = CPM grossi: il vincitore assoluto è infatti il 336×280, mentre chiudono la classifica il 125×125 (che si vede ancora su parecchi blog) e il 200×200.

• La crescita delle impression sul mobile è impetuosa: Google ha registrato un +250% fra il Q3 2011 e il Q4 2011. Ma quali sono i settori a più alta crescita percentuale? Secondo BigG, Shopping (+69%), Food & Drink (+61%) e People & Society (+47%). Il mobile shopping si conferma dunque un settore da tenere seguire con grandissima attenzione…

• Anche le impression sui video sono cresciute parecchio (+70% nella seconda metà del 2011, in base a rilevazioni effettuate sulla piattaforma DFP Video). Il formato 640×360 è cresciuto del +175%, segno che si stanno affermando i player “wide-screen” (a discapito dei 4:3). La lunghezza preferita di uno spot video è fra i 15 e i 30 secondi (51%); il 36% dei video ads supera invece il mezzo minuto mentre solo 13% dura meno di 15 secondi. Infine ben il 72% degli utenti guarda tutto l’annuncio pubblicitario che compare in un video.

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.
×
Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziende e professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, in modo serio e produttivo, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Altri articoli correlati

Startup innovative: Work for Equity

Tra gli strumenti volti a favorire la crescita delle startup innovative vi è il work for equity una possibilità ancora poco utilizzata dalle società e

Una risposta

  1. Interessanti soprattutto i dati sulla crescita complessiva delle impression e il calo proporzionale di Business & Industrial (categoria ad altissimo valore commerciale) e delle online community (strategia di marketing ormai in forte calo).

    Più scontato l’aumento dei formati premium, del mobile e della video advertising

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *