Valore legale email ed sms: come funziona?

E-mail ed Sms valore di prova
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram

L’email ha valore legale? e gli sms?
Diamo risposta a queste frequenti domande.

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un radicale mutamento delle modalità di comunicazione. In poco tempo sono tramontati, o hanno subito un netto ridimensionamento, strumenti che hanno caratterizzato la quotidianità per molti anni, quali il fax e la tradizionale posta cartacea, sostituiti da strumenti di comunicazione digitali, come l’e-mail o i messaggi di testo.

Questa evoluzione ha portato certamente a comunicazioni più immediate, economiche ed anche sicure, riducendo il rischio che le stesse possano non giungere a destinazione o venire a conoscenza di soggetti diversi dal corretto destinatario. Tuttavia, l’evoluzione tecnologica ha anche posto numerosi interrogativi riguardanti queste nuove forme di comunicazione.

Una tra le questioni maggiormente dibattute, su cui è intervenuta recentemente la Corte di Cassazione, è quella relativa al valore probatorio che hanno tali messaggi, non muniti né di firma autografa (non essendo documenti cartacei) né di firma digitale, che garantisce l’identità di chi la appone e l’integrità del messaggio.

Il principio ribadito di recente alla Corte di Cassazione è che l’SMS, al pari della e-mail, contiene la rappresentazione di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti, riconducibili all’articolo 2712 del codice civile. La conseguenza è che tali comunicazioni formano piena prova dei fatti e delle cose rappresentate, se colui contro il quale vengono prodotti non ne contesti la conformità (Cass. Civ. n. 19155/2019).

La vicenda decisa dalla Suprema Corte riguardava una controversia familiare, nella quale determinati accordi tra i coniugi riguardanti il figlio della coppia (iscrizione del minore all’asilo nido ed all’accollo da parte del padre della metà della retta dovuta) erano stati assunti tramite SMS, la cui validità era stata successivamente contestata da uno dei genitori (il marito).

Infatti, secondo la tesi di quest’ultimo, non si potrebbe riconoscere efficacia probatoria piena, quale scrittura privata, a dei semplici messaggi telefonici, privi di sottoscrizione, del numero di telefono cellulare del soggetto che li aveva inviati e di quello che li aveva ricevuti, il tutto senza necessità di formale disconoscimento, avendo gli stessi, al più, valore di semplice indizio.

La Corte di Cassazione, aderendo alla tesi della moglie, ha anzitutto richiamato un proprio precedente (Cass. Civ. n. 5141/2019), che aveva già ritenuto che l’SMS

contiene la rappresentazione di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti ed è riconducibile nell’ambito dell’art. 2712 c.c., con la conseguenza che forma piena prova dei fatti e delle cose rappresentate se colui contro il quale viene prodotto non ne contesti la conformità ai fatti o alle cose medesime.

Cassazione Civile n°5141/2019

La sentenza prosegue richiamando un altro importante precedente in tema di efficacia probatoria dei documenti informatici, ossia la sentenza Cass. Civ. n. 11606/2018, dove veniva chiarito come

il messaggio di posta elettronica (cd. e-mail) costituisce un documento elettronico che contiene la rappresentazione informatica di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti che, seppure privo di firma, rientra tra le riproduzioni informatiche e le rappresentazioni meccaniche di cui all’art. 2712 c.c. e, pertanto, forma piena prova dei fatti e delle cose rappresentate se colui contro il quale viene prodotto non ne disconosca la conformità ai fatti o alle cose medesime.

Cassazione Civile n°11606/2018

Ma come deve avvenire tale disconoscimento idoneo a far perdere al documento la qualità di prova?

La Corte a tal proposito osserva che esso deve essere chiaro, circostanziato ed esplicito, dovendosi concretizzare nell’allegazione di elementi attestanti la non corrispondenza tra realtà fattuale e realtà riprodotta” e, in presenza di disconoscimento, il giudice potrà accertare la conformità all’originale anche attraverso altri mezzi di prova, comprese le presunzioni.

In conclusione, il principio affermato nella sentenza è che l‘SMS contiene la rappresentazione di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti ed è riconducibile all’ambito di applicazione dell’art. 2712 c.c., con la conseguenza che forma piena prova dei fatti e delle cose rappresentate se colui contro il quale viene prodotto non ne contesti la conformità ai fatti o alle cose medesime.

Riferimenti:

  • Art. 2712 C.C.
  • Cass. Civ. 19155/2019
  • Cass. Civ. n. 5141/2019
  • Cass. Civ. n. 11606/2018

Avvocato Francesco Fiore
Autore
Sono Avvocato del Foro di Genova, dove ho conseguito la laurea con lode in giurisprudenza e l’abilitazione all’esercizio della professione. Mi occupo di consulenza e difesa in favore di privati, enti, professionisti e società, nelle due sedi dello Studio o a distanza, utilizzando le più recenti e sicure tecnologie informatiche.
×
Avvocato Francesco Fiore
Sono Avvocato del Foro di Genova, dove ho conseguito la laurea con lode in giurisprudenza e l’abilitazione all’esercizio della professione. Mi occupo di consulenza e difesa in favore di privati, enti, professionisti e società, nelle due sedi dello Studio o a distanza, utilizzando le più recenti e sicure tecnologie informatiche.

Rispondi

Max Valle
Max Valle

Da oltre 20 anni, fornisco consulenze per aziendee professionisti, che vogliono sviluppare il loro business, aumentando i clienti, utilizzando le ultime tecnologie e nel pieno rispetto delle normative vigenti in materia.

Iscriviti alla Newsletter
Main sponsor
logo kleecks

Sponsor

Wordlift
Prova Seozoom
Valore legale email ed sms: come funziona?
Scroll to Top

Vuoi capire perchè il tuo sito non traffica?

REPORT SEO a soli 47€

anzichè 197€+iva
Giorni
Ore
Minuti
Secondi